Vacanze al sole della Grecia

Un “jumping” tra Amorgos e Koufonissi con un paio di giorni finali a Naxos

  • di sally8.1
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Siamo innamorati della Grecia, inutile negarlo, già ad una sola settimana dal rientro, il “mal di Grecia” ci colpisce puntualmente. Questo è il settimo anno che la scegliamo come meta , anche se ogni anno cambiamo itinerario. Di solito inizio già in inverno la ricerca di nuove isole che possono fare al caso nostro, meno turistiche e commerciali, più autentiche, tranquille e vivibili, senza la ricerca della vita notturna o di locali trendy. Inutile dire quindi che abbiamo sempre evitato le classiche Mykonos e Santorini dalle quali siamo solo passati per via dell’aeroporto. La scelta di quest’anno va su un “jumping” tra Amorgos e Koufonissi con un paio di giorni finali a Naxos per poi riprendere il Seajets per Mykonos.

A Naxos eravamo già stati due anni fa per una settimana ed è l’isola in assoluto di cui ci siamo innamorati di più, anche se ogni anno, ogni angolo che visitiamo ci lascia qualcosa di unico e indimenticabile.

Ho prenotato i voli con Easyjet ad aprile, ma vi consiglio, se potete, di farlo prima perché la differenza di prezzo è notevole tra gennaio/febbraio e i mesi successivi. Volo Malpensa-Mykonos per l’11/09 con ritorno il 20/09 circa 700 euro in due.

Poi ho prenotato i trasferimenti con Seajets direttamente dal loro sito , all’andata ho trovato il diretto Mykonos – Katapola (Amorgos), mentre il ritorno no, motivo per cui abbiamo deciso di trascorrere a Naxos gli ultimi due giorni per poi ritornare a Mykonos da lì. Il volo arrivava a Mykonos alle 9,30 e il traghetto partiva per Amorgos alle 18! Che fare? Dopo aver cercato varie soluzioni tra autobus e taxi abbiamo deciso di noleggiare un’auto per la giornata per caricare i bagagli e riposarci in spiaggia . Abbiamo noleggiato da Hercules per 34 euro (prezzo molto più alto che ad Amorgos e Naxos), ci ha portato l’auto in aeroporto e da lì abbiamo raggiunto la spiaggia di Agios Ioannis abbastanza tranquilla anche se troppo attrezzata per i miei gusti. Due lettini e l’ombrellone € 12 . Ci riposiamo e facciamo qualche bagno, l’acqua è bella ma nulla di eccezionale. Verso le 16 decidiamo di passare da Mykonos town per la prima gyros pita della vacanza e siamo andati dal primo sulla sinistra che si trova dopo la piazza della fermata dei bus già in zona pedonale. Molto buona e prezzi contenuti. Poi andiamo al porto dove Hercules viene a riprendersi l’auto e noi possiamo attendere il Seajets ,puntualissimo visto il mare calmo e l’assenza di vento. Siamo finalmente pronti per lasciare il caos di Mykonos e raggiungere la pace di Amorgos.

E in effetti il contrasto sarà evidente quando alle 21 arriviamo al porto di Katapola… qualche taverna….un po’ di gente a cena, ma una pace e una tranquillità che amiamo ancora di più dopo un pomeriggio di traffico e confusione. Gli studios dove alloggiamo sono gli Anna Studios a Katapola. Rimangono nella parte alta del paesino, non si raggiungono in auto, ma tramite piccole viuzze e scalinate, quindi è un pochino scomodo all’arrivo coi bagagli. Il posto è molto bello, tra i fiori e ha una bella vista sul porto. L’appartamento è piccolino ma per chi come noi torna solo per dormire va più che bene. Pulito e ben curato.

Abbiamo noleggiato l’auto da Thomas Rental il cui ufficio rimane a circa 200 mt a sinistra dall’arrivo dei traghetti. 3 giorni €75,00 per una Panda.

In molte recensioni avevo letto che si consigliava l’alloggio alla Chora. Io avevo scartato l’idea perché la partenza per Koufonissi sarebbe stata alle 7 di mattina e sarebbe stato più comodo essere già a Katapola

  • 18934 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social