Karpathos, l'isola dalle mille sorprese

Come in un piccolo paradiso caraibico

  • di danyposte
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Scelta un po' per caso come meta e un po' titubanti sul fatto di doverci passare due settimane senza sapere esattamente cosa ci aspettasse, alla fine ci siamo resi conto di essere in un paradiso caraibico.

Io e il mio compagno siamo arrivati a Karpathos sabato 2 giugno con un volo diretto da Verona. Appena arrivati ci siamo trovati di fronte un paesaggio brullo e spoglio (l'aereoporto è all'aperto e piccolissimo).. un po' spaesati abbiamo preso il pullman diretti all'Hotel Poseidon non molto distante. Appena arrivati non nego che siamo rimasti spiazzati dal fatto che l'hotel era in vecchio stile. Siamo scesi in otto e tutti commentavano in maniera negativa il posto dove dovevamo alloggiare... fino a quando è arrivata la proprietaria a darci le chiavi della camera. Entrati ci siamo trovati di fronte a una stanza piccola e minimale, nel bagno niente doccia normale ma quelle greche vecchio stile... terrazzo piccolo fronte mare. Quella sera mi ricordo che era nuvoloso e il mio solito ottimismo mi stava abbandonando... dal giorno dopo però tutto è cambiato e la vera vacanza è comiciata!

Domenica 3 giugno

Appena alzati abbiamo fatto colazione all'aperto con vista mare... c'era un bel sole e l'aria del mare ci ha rianimato. Gli altri ospiti dell'hotel erano gia' piu' contenti, noi compresi! Abbiamo noleggiato tramite internet un quad dall'italia e ce l'hanno portato direttamente in hotel. Siamo partiti all'avventura verso la spiaggia di Hachat, colori spettacolari e cristallini, siamo rimasti colpiti da quell'acqua limpida e caraibica. Abbiamo pranzato in una tavernetta sulla spiaggia. E' stato bellissimo! La sera abbiamo cenato in hotel perché avevamo mezza pensione e devo dire che il cibo era molto buono. Tre portate tutte particolari. C'è da dire che la figlia della titolare ha partecipato a un reality greco culinario ed è arrivata quinta. In molti venivano all'hotel solo per il ristorante.

I giorni successivi non sempre abbiamo usufruito della mezza pensione perché abbiamo voluto provare tutte le taverne dell'isola (diciamo tutte quelle che avevamo visto su Internet).

I giorni a seguire abbiamo visitato tutte le spiagge dell'isola girando con il nostro quad per una settimana. La spiaggia piu' bella è sicuramente quella di Apella, vedendola dall'alto si resta senza fiato per il mix di colori che ha, ma anche Kira Panaghia, Diakofnis (quella dell'aereoporto di sabbia finissima e bianchissima). Dopo una settimana eravamo già innamorati di questo posto meraviglioso e mentre tutti gli ospiti dell'hotel sono ripartiti per l'Italia noi avevamo la fortuna di rimanere su quest'isola! Li abbiamo salutati tutti e mentre ci guardavano con quell'aria nostalgica noi ci siamo preparati per i giorni a seguire... abbiamo cambiato quad e preso uno più potente e abbiamo rivisitato tutte le spiagge che c'erano piaciute di più... quelle a Est soprattutto, mentre quelle a Ovest le abbiamo viste una volta sola. Abbiamo mangiato in varie tavernette dove ci siamo trovati strabene tra le quali L'Hellenico a Pigadia (centro dell'isola), la Nina a Amoopi, la Rina sulla strada per l'aereoporto, l'Esperida ad Amoopi e molte altre... comunque c'e' da dire una cosa: si mangia bene dappertutto e si paga pochissimo! Un'altra qualita' di quest'isola!

Un posto che bisogna visitare è certamente il paese di Olimpos, arroccato sulla montagna dell'isola, dove la gente ha mantenuto le sue tradizioni ed il suo stile di vita molto lontano da quello occidentale anche se ormai sono pronti alle visite dei turisti che ogni giorno si presentano in paese.. Sono molto ospitali, vestono ancora con abiti tradizionali, fanno delle frittelle al miele fantastiche che offrono dovunque si gira. Ci siamo stati ben 2 volte e abbiamo preso dei souvenirs (vivono soprattutto di questo). Abbiamo mangiato in due tavernette ed in entrambe veramente bene!

La sera dopo cena andavamo a Pigadia che è centro dell'isola, piccolo ma molto caratteristico, un ristorantino dietro l'altro sul mare. Insomma, che dire di più. Quest'isola ci ha regalato delle forti emozioni, non dimenticheremo mai i profumi che si sentivano durante le discese per le spiagge... tutte bellissime con acqua pulita e trasparente. E non dimenticheremo mai il nostro Hotel Poseidon posizionato davanti a una delle spiagge più belle, quella di Damatria, un posto meraviglioso dove ci siamo adattati perfettamente... in stile minimal ma perfetto per chi ama la tranquillità e ottimo punto di partenza per visitare l'Isola, fuori dal casino del centro (anche se di casino non ce n'e' mai a dire il vero). Un ringraziamento alla titolare di origini tedesche che ha sposato un cittadino greco ed insieme hanno creato questa struttura.

Sicuramente torneremo presto su quest'isola, è quella che ci ha colpito di più di tutte. La consigliamo a tutti gli amanti della natura e dei paesaggi mozzafiato. Per capire bene la sua straordinaria bellezza bisogna viverla e solo dopo potrete capire A presto Karpathos!

  • 19971 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social