Super venezia

VENEZIA: PONTE DEI SOSPIRI-PALAZZO DUCALE Ciao viaggiatori di tutta Italia e semmai di tutto il mondo, vi volevamo raccontare la gita che, stanchi di studiare abbiamo intrapreso un po’di tempo fa. Certo una classe brava come noi non vi racconta ...

  • di 2b
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

VENEZIA: PONTE DEI SOSPIRI-PALAZZO DUCALE Ciao viaggiatori di tutta Italia e semmai di tutto il mondo, vi volevamo raccontare la gita che, stanchi di studiare abbiamo intrapreso un po’di tempo fa. Certo una classe brava come noi non vi racconta il viaggio e basta ma sarete informati anche sulla storia della città dell’amore.

Le origini di Venezia sono abbastanza misteriose, tuttavia sembra che sia nata a seguito di una fuga di padani fuggiti dall’invasione longobarda che unendosi agli originari pescatori della laguna hanno dato vita alla città.

Così gradualmente, nel corso dei secoli sorse una nuova città marittima che durante l’apice della sua potenza riuscì a controllare le coste Adriatiche e a diventare una delle città più raffinate d’Europa. PALAZZO DUCALE Il Palazzo Ducale è uno dei tanti simboli di Venezia. Fu eretto a cavallo tra il X sec e il XI sec, non usando dei cavalli ma degli abili marinai veneziani sulla base di un nucleo fortificato costituito da un corpo centrale e da torri angolari. Nel corso dei secoli subì molte ristrutturazioni dai Dogi che vi abitarono. La parte interna fu edificata dopo il grande incendio del 1483 su progetto dell'architetto Antonio Rizzo. Successivi abbellimenti, come la Scala dei Giganti si alternarono a devastanti incendi per tutto il XVI secolo. Un’altra particolarità di questo palazzo pieno di sorprese è il soffitto dei piani superiori interamente in legno, infatti saliti al secondo piano ci è sembrato di camminare su una pista da corsa, sfortunatamente però non abbiamo potuto fare una staffetta perché avremmo rischiato di farci buttare fuori. Il Palazzo Ducale è uno dei pochi edifici veneziani che per la sua “autorità” è stato chiamato con l’appellativo Palazzo e non Ca’ cioè casa. Le facciate sono rivestite in marmi bianchi e rosa con immagini in bassorilievo sulle colonne. All'interno si accede attraverso la Porta della Carta, così chiamata in riferimento alla burocrazia, che dà in un cortile con porticato detto di Foscari, dal nome di un fortunato Doge, di fronte a cui si innalza la famosa Scala di Giganti,ornata d’oro a tutti i lati e che ha prestato l’attenzione di tutti, quest’ultima porta al piano nobile con le due colossali statue di Nettuno e Marte. Alla sommità della Scala d'Oro cominciano a susseguirsi le sale del Palazzo Ducale, tra cui la Sala delle Quattro Porte in cui aspettavano gli ospiti, anche per giornate intere, che non sapendo cosa fare ammiravano i quadri o le donne del Doge che passavano la sera; la Sala del Collegio e dell'Anticollegio, la Sala del Senato abbellita da tele affiancate da nobili leggi veneziane e da un enorme orologio romano a ventiquattrore, la Sala del Consiglio dei Dieci dove si trova un orologio dei segni zodiacali, la Sala della Bussola, e la vastissima Sala del Maggior Consiglio di ben 1340 metri quadri, dove si riuniva il Parlamento della Serenissima Repubblica Veneziana. In questa sala oggi sono conservati i ritratti dei Dogi veneziani e il Paradiso del Tintoretto, due tele poste insieme dove secondo la leggenda o non leggenda Tintoretto ha dipinto ben mille soggetti. Nel Palazzo Ducale c'erano anche le prigioni della repubblica: i Pozzi, i Piombi e le Prigioni Nuove. I pozzi erano a pianterreno ed erano destinati ai criminali. I piombi, così chiamati perchè avevano i soffitti in piombo, erano invece una forma di prigione meno dura per le persone comuni, dove era permesso portarsi effetti personali e in alcuni casi anche della propria attività

  • 549 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social