Maremma!!!!!!!!!!!!

Quando si dice che l’Italia è meravigliosa, siamo tutti d’accordo ma poi decidiamo di fare un viaggio all’estero. E’ vero, l’Italia è casa nostra, è vicina ed allora preferiamo affrontare da giovani i disagi di un viaggio più lontano riservando ...

 

Quando si dice che l’Italia è meravigliosa, siamo tutti d’accordo ma poi decidiamo di fare un viaggio all’estero. E’ vero, l’Italia è casa nostra, è vicina ed allora preferiamo affrontare da giovani i disagi di un viaggio più lontano riservando ad anni futuri le mete più vicine.

Negli ultimi tempi, però, andare lontano – cioè prendere l’aereo - non piace più come prima, terrorismo e guasti vari ci hanno un po’ frenati, grandi motivazioni permettendo.

Scopriamo, allora, le bellezze della nostra Italia! Se amate la natura e la tranquillità dei parchi, andate a visitare il Parco Regionale della Maremma.

Vicino Grosseto si estende un Parco gelosamente protetto.

Immaginate una prateria dove i cow-boys nostrani, chiamati butteri, tengono le mandrie di bestiame, guidandole in groppa ai loro cavalli e, sullo sfondo, verso il mare, monti coperti di lecci mediterranei, quasi a proteggere il territorio dall’avanzata di un mare impetuoso che ha già risucchiato parecchi metri di spiaggia, più in là verso la pineta. La Maremma è notoriamente l’habitat del cinghiale ma vi trovano casa anche i daini, la cui sovrabbondanza ha costretto i guardiani ad un abbattimento controllato, e le volpi che, curiose come sono, non è difficile scorgerle anche nei punti più frequentati dai turisti. I tori, poi, pascolano tranquilli nella prateria nostrana, tanto chi li tocca, grandi e grossi come sono!! Uccelli acquatici e migratori trovano poi il loro habitat alle foci del fiume Ombrone.

La zona d’Alberese, il cuore della Maremma, era – in gran parte - una palude la cui bonifica risale all’epoca intorno al periodo fascista. Furono i veneti ad essere incentivati al trasferimento in quest’area per i lavori di bonifica. Trasferire una parte di popolazione da un’area ad un’altra significava, da una parte, dare opportunità di lavoro e, dall’altra, togliere compattezza ad una comunità che covava malumori e che poteva, di conseguenza, creare problemi. Fatto stà che abitano nel territorio della Maremma più persone d’origine – e di cognome – veneto che maremmani.

Se vi piace o vi stuzzica andare a cavallo, in Maremma trovate pane per i vostri denti; gli agriturismi mettono a disposizione cavalli per passeggiate guidate in mezzo al Parco. Se poi volete esagerare, è possibile organizzare un giro con i butteri, questo però vale solo per i più esperti cavalcatori.

Per arrivare alla spiaggia del Parco, c’è un’unica strada asfaltata ma l’accesso – in estate – è limitato per evitare sovraffollamenti.

La gestione regionale del Parco, in questi anni, ha saputo valorizzare l’area, anche attraverso la produzione biologica e lo sviluppo di prodotti tipici (vino Morellino di Scansiano, ad esempio).

Spero che chi deve, riesca a resistere a certe pressioni politiche che vogliono ridurre l’estensione del parco per finalità più o meno edilizie. La ricchezza, in quest’area, può aumentare puntanto sul commercio biologico e sull’ottenimento del marchio DOC esportabile in tutto il mondo.

Visita: http://digilander.Iol.It/appunti1

  • 1679 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social