Da Crema a Bari, tra sacro e profano

Un viaggio in auto verso Bari, con soste a Loreto, San Giovanni Rotondo, Bari, Pescara, Riccione

  • di topobridge
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Arrivano le vacanze invernali, qualche giorno di meritato riposo, e la consueta voglia di fare la valigia e partire per una nuova meta, alla ricerca di nuove conoscenze e sensazioni da respirare. È la volta della macchina, che ci rende più liberi e indipendenti, più tranquilli ed agili in relazione al tempo, alla salute e alle esigenze, che via via con l’età si fanno sempre più sentire.

Considerato il fatto che abbiamo già avuto modo di visitare numerosi luoghi santi prima d’ora, in Italia e non, perché non continuare con questa tendenza?

Cosi decidiamo che la prima tappa del nostro tour sarà proprio la cittadina di Loreto, nelle Marche, che raggiungiamo il 28 dicembre in circa quattro ore di autostrada, senza un traffico impossibile. In breve troviamo un albergo che sembra soddisfare le nostre necessità, “la Collina”, che si trova sulla strada che conduce a Recanati, vicina cittadina famosa per aver dato i natali a Giacomo Leopardi, da cui si gode uno stupendo panorama sulla vallata circostante e, come ci spiegano, si scorge pure la casa di Beniamino Gigli, noto cantante lirico dei primi anni del ‘900. La camera è basica, ma ci accontentiamo, appagati dalla stupenda vista e dall’ottima posizione. E dunque si parte, alla volta della Basilica della Santa Casa, imponente e solitaria nella piazza antistante. Ci sono pochi pellegrini, forse data l’ora di pranzo, il che ci permette una visita raccolta e l’ammirazione e devozione soprattutto all’interno della casa di Maria, che pare sia stata portata qui dalla famiglia Angeli nel 1294 quando i crociati furono espulsi dalla Palestina. Si respira davvero un’aria di santità e culto. La statua della Vergine è bruna, come viene rappresentata nelle immaginette e icone vendute nei negozi di oggetti sacri. Addirittura una statua enorme dal costo di 8.500 euro. Bisogna proprio essere dei collezionisti o aver ricevuto proprio una bella grazia!

Di notevole effetto è un’effigie riportante una frase di Padre Pio:”A Lourdes la Madonna è apparsa, qui passeggia”. Mi è piaciuta molto perché davvero si respira il suo profumo immacolato all’interno delle mura che la delimitano.

Proseguiamo la nostra visita a Porto Recanati, cittadina sul mare, probabilmente molto più significativa d’estate, e Recanati, che nonostante il freddo ci offre una bellissima atmosfera. Austera ma accogliente è la zona Leopardiana, con la casa ed il museo a lui dedicati. Proseguendo verso il centro si notano i versi dello scrittore sulle mura e palazzi imponenti accarezzati dalle luci della sera e dalle luminarie natalizie. Davvero un insieme gradevole. Il freddo si fa pungente, quindi dopo una doccia calda, optiamo per un grazioso ristorantino in centro a Recanati e a dormire, visto che la prossima tappa non sarà proprio cosi vicina.

Il giorno successivo, il 29 dicembre raggiungiamo San Giovanni Rotondo, sul Gargano, vicino alle note località turistiche di Vieste e Peschici, graziose perline visitate anni orsono d’estate…ma questa è un’altra storia. Arrivati in centro non possiamo fare a meno di notare l’innumerevole quantità di alberghi e case per ospiti, data la fama del Santo Padre Pio, che qui dimorò e prestò la sua opera. Egli nacque a Pietrelcina, in Campania ma come frate Cappuccino visse quasi tutta la vita a San Giovanni Rotondo, dove venne venerato anche dopo la sua morte. Colpisce la cripta dove è conservato il suo corpo, che si può vedere grazie a qualche speciale trattamento di conservazione. C’è chi prega in devozione, chi si guarda intorno perplesso, chi ne osserva il viso e chi pensa alle grazie ricevute e ringrazia il santo, a suo tempo discusso a causa delle stimmate ricevute ed altri miracoli a volte obbiettati dalla Chiesa Cattolica

  • 2709 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social