La riscoperta dei paesi dell’Italia centrale

Un po’ mare, un po’ montagna... i paesi, le sagre e la storia dell'Italia centrale con figli al seguito

  • di dragone.80
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2 + 1 bambino di 3 anni
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

La spesa complessiva si intende per adulto. La riscoperta dei paesi dell’Italia centrale con prole al seguito.

30 luglio

Finalmente si parte per le vacanze miste, un po’ mare un po’ montagna, un po’ avanscoperta tra i paesi, le sagre e la storia. Prima tappa: Formia, a casa di amici con spettacolare vista sul mare ed enorme terrazzo per prendere il sole. Poco distante c’è una casa di preghiera che è anche casa per ferie “Smaldone” che mi pare chiedano sui 120 € a notte in doppia, tutto compreso (colazione, pranzo, cena e discesa a mare con ombrelloni, lettino e bagnino) anche la calma e la quiete. Sempre sulla stessa via dello Smaldone, Via Appia verso Napoli, nell’arco di 500 metri si trovano la spiaggia libera, la chiesa, un ristorante cinese, un wine bar ed enoteca, un discount (In’s) e dei bar pasticceria. Quindi per i miei gusti stavamo messi bene!

Essendo partiti da Napoli molto presto, riusciamo in quasi 2 ore a raggiungere Formia, dopo l’autostrada, i limiti di velocità spesso non superano i 50 Km/h, in più si aggiungono le “tartarughe” che spontaneamente non superano i 35. Dura battaglia per i nervi.

Posate le valigie ci dirigiamo verso il mare con somma gioia del pupattolo di 3 anni. Mare e sabbia puliti. Non sono le Maldive ma non ci possiamo affatto lamentare.

Dopo bagno, pranzo e stravaccamento sul divano, ci dirigiamo verso il Centro Commerciale Itaca, per fare spesa, godere del fresco dell’aria condizionata, prendere un gelato e comprare vestitini in supersconto. Decidiamo di cenare nel Centro Commerciale presso l’Old Wild West, dove troviamo anche diversi pacchetti (es. panino, bibita e gelato 5 €) ed un ottimo Sheriff Waffel. Accanto c’è una graffette ria che non ci sfugge. Nanna.

31 luglio

La mattinata trascorre lenta al mare, decidiamo di prendere un aperitivo prima di tornare a casa: 2 Aperol soda, 2 succhi di frutta, 2 thè, e 2 Tassoni: 18€, ci dispiace solo il fatto che come stuzzichini prevedano poche patatine, tipo Fonzies, che i pargoli fanno fuori in pochi secondi.

Nel pomeriggio visita di Formia, paese di mare e terra di antichi romani. Vediamo esternamente la tomba di Cicerone, torre cilindrica di 24 metri, trovata chiusa, poi andiamo al Cisternone Romano (2€) aperto solo il pomeriggio, qualcosa di spettacolare,infine decidiamo di avventurarci sul Monte Redentore per vedere la croce di Gesù che si vede addirittura dal mare. La strada è impervia e sempre + stretta e senza guard rail, questo purtroppo la nostra ospite a gridare come una matta per lo spavento e siamo costretti a tornare indietro. Sigh! Mentre i nostri amici tornano a casa con i piccoli, compreso il mio, noi ci rechiamo al cinema Ariston di Gaeta per vedere Wolwerine.

1 agosto

Questa volta niente mare, obiettivo Abbazia di Montecassino, aperta tutta la giornata con chiusura nelle ore di pranzo. L’abbazia domina la pianura sottostante, ed è stata fondata da S. Benedetto nel ‘500, anche se poi è stata continuamente distrutta e ricostruita; la cripta è la sola parte del complesso risalente al 1500 e non distrutta dal bombardamento alleato. Panorama stupendo, visita di chiostro e Basilica è gratuito (si paga solo il museo, ma non siamo entrati), parcheggio a pagamento. Scendiamo da Montecassino e ci dirigiamo verso Cassino, per pranzare dall’Olandese volante, attratti dal nome, è un ristorante-pizzeria, pranzo buonissimo, prezzi un po’ sopra la media

  • 23307 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social