La nostra fresca Sardegna (Santa Teresa di Gallura... e dintorni)

Il nostro giugno in Sardegna tra le acque fresche e la brezza marina.

  • di rodivit
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Dom. 20 giugno. Anche quest’anno è tempo di vacanza. Visto lo stato interessante della mia dolce metà abbiamo optato per rimanere in Italia ed anticipare le vacanze a giugno. Si parte per la Sardegna ...destinazione Santa Teresa di Gallura. Arriviamo con il traghetto ad Olbia e percorriamo di prima mattina la statale che ci conduce all’estremo nord dell’Isola. Ci sono molte curve quindi l’andatura è lenta..soprattutto se si beccano davanti guidatori molto prudenti! Dopo un’ora circa siamo a Santa Teresa. La attraversiamo e ci dirigiamo verso Capo Testa per raggiungere il nostro hotel. Ed ecco subito una sorpresa. Svoltando da una curva verso sinistra ci si apre subito un panorama mozzafiato fatto di onde turchesi che si infrangono su rosse scogliere. Proprio bello. Scendiamo verso la baia di Santa Reparata per raggiungere la nostra meta. L’Hotel Shardana si rileverà una scelta indovinata. Bungalow ben curati e spaziosi coniugati con una ristorazione discreta.

Visto che la domenica è molto ventosa e ci sono gocce di pioggia, decidiamo di ripartire dopo pranzo in direzione sud ovest. Percorriamo una strada poco trafficata e senza troppe curve. Ci fermiamo sul ciglio della strada per fotografare dall’alto l’abitato di Isola Rossa che deve il suo nome all’imponente scoglio di granito presente poco distante dalla riva. Riprendiamo la strada e raggiungiamo comodamente la roccia dell’Elefante posta sul margine della strada e dove tutti si fermano per scattare le classiche foto di rito. Un tafone (roccia lavica erosa dall’azione del vento) dalla forma particolare ma direi non entusiasmante. Decidiamo di fare sosta e gustarci un bel gelato nel caratteristico borgo di Castelsardo affacciato sul mare e famoso per l’artigianato locale. Sulla strada del ritorno facciamo una deviazione per Costa Paradiso dove ritorneremo successivamente. Come prima giornata può bastare e ci rifugiamo in hotel. In serata ci gasiamo in attesa della partita di calcio Italia Brasile ...ma ne usciamo a pezzi …0 a 3 che vergogna!

21 giugno. Il secondo giorno ci dirigiamo verso la spiaggia di Rena Maiore poco distante dal nostro hotel. Scendiamo lungo una strada sterrata a senso unico che si conclude con un parcheggio a disposizione poco affollato in questa giornata di giugno. Assaporiamo il primo mare della Sardegna e troviamo conferma in quanto già noto …l’acqua è abbastanza fresca anche se la temperatura esterna è gradevole.

Nel pomeriggio ce ne stiamo nella spiaggia di Santa Reparata adiacente al nostro villaggio. Il vento è ancora più forte della mattina e ci si rilassa sonnecchiando e leggendo il classico libro da vacanza. Peccato per le posidonie spiaggiate che troveremo su molte spiagge di quest’angolo di Sardegna.

22 giugno. La nostra terza giornata inizia con una bella sessione di footing tra le villette semivuote della Baia. C’è da dire che è un posto tranquillissimo in questo periodo dell’anno e correre respirando l’aria fresca del prino mattino è gratificante. Dopo una rinfrescane doccia siamo di nuovo nella spiaggia di Santa Reparata mentre nel pomeriggio ci dirigiamo verso La Marmorata. Anche qui il parcheggio senza problemi. La spiaggia è più spaziosa delle precedenti ma anche più affollata. Infatti a ridosso della stessa è presente una mega struttura turistica da varie centinaia di posti (se non migliaia) che rovina in effetti il paesaggio fatto da mare limpido, isole e gabbiani.

23 giugno. Il quarto giorno decidiamo di recarci verso Baia Sardinia e troviamo una prima piccola delusione. Si vede subito che la località è molto curata e ben frequentata. La spiaggia principale tuttavia è molto affollata e siamo tutti sdraiata a ridosso degli altri e ci chiediamo …ad Agosto cosa sarà? Dopo un paio d’ore di sole mare e vento ci rechiamo verso la roccia dell’Orso che tuttavia ammiriamo dal parcheggio sottostante. Dato l’orario (le 13) e la temperatura decidiamo di rinunciare alla salita e torniamo verso Santa Teresa. Nel pomeriggio optiamo per la Valle dell’Erica. Anche qui parcheggio comodo e gratuito. E’ il contrario della spiaggia della mattina. Molto meno frequentata e con angoli riparati che si trasformano in oasi di relax. Concludiamo la giornata nel cinema all’aperto di Santa Teresa. Proiettano “Uomini che odiano le donne”. Non abbiamo letto il libro ma il film non è affatto male

  • 12775 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social