Palinuro, la perla del Cilento

Siamo partiti per Palinuro in due, io e mio marito, per un week end romantico, lontani da pensieri e problemi. Il viaggio lungo la Salerno- Reggio Calabria per fortuna è stato tranquillo, senza troppo traffico nonostante i continui cantieri di ...

  • di macri59
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 
Annunci Google

Siamo partiti per Palinuro in due, io e mio marito, per un week end romantico, lontani da pensieri e problemi. Il viaggio lungo la Salerno- Reggio Calabria per fortuna è stato tranquillo, senza troppo traffico nonostante i continui cantieri di lavori in corso. Consiglio prudenza e rispetto dei limiti di velocità! Arrivati a destnazione lo spettacolo ci ha incantato: proprio di fronte al nostro hotel - La Torre, adiacente a un'antica torre saracena- il porto turistico e un mare blu da favola con baie rocciose e alle spalle una rigogliosa pineta. Un paradiso! L'albergo è un piccolo gioiello, pulito, confortevole, stanze belle e nuove.La nostra aveva una spledida vista sul mare e un grande terrazzo con sdraio per prendere il sole, angolo cottura con frigobar ben fornito di bevande e lavabo. Siamo usciti per una passeggiata al porto. Ci sono pescatori e sub che tornano dalle escursioni in mare e regna una tranquillità surreale: nessun rumore molesto, solo pace e odore di bouganville. Dagli alberi sul ciglio della stradina checonduce al porticciolo abbiamo raccolto e mangiato gelsi bianchi squisiti e abbiamo ammirato con un pò di invidia (noi abitiamo in una città fredda) piante di limoni e fichi d'india e splendidi olivi. La sera scorpacciata "Da Carmelo", un trionfo di pesce frschissimo e un servizio ineccepibile. I piatti sono stati cucinati con mirabile maestria, dall'antipasto- carpaccio di salmone-ai primi-spaghetti alla Carmelo gamberie e peperocino e spaghetti vongole e patate- al secondo- una pezzogna cotta al sale e divinamente- al dessert. Torta ricotta e pere e delizia al limone. Infine assaggi di liquori casarecci- al finochietto selavatico, alla liquirizia, al cioccolato e un conto giusto. Circa 50 euro a testa. La mattina dopo, all'alba, gita alle grotte marine con il gozzo di "Alessandro"(sulla spiaggia del porto) guidati dall'eccezionle Vincenzo, un ragazzone simpatico e colto che con grande competenza ci ha narrato storie e leggende su Palinuro(nome del nocchiero di Enea) condite da battute e aneddoti divertenti. La grotta azzurra è uno spettacolo indimenticabile:il mare è di un blu intenso mai visto prima. Capo Palinuro, a forma di pentadattilo, rivela sorprese continue:anfratti rocciosi, una finestrella naturale nella roccia da cui riesci a scorgere la stazione meteo, scogli che per l'erosione degli agenti atmosferici hanno assunto la forma di mammut o di coniglio, baie incontaminate raggiungibili solo via mare. Che favola! Anche il centro del paese merita un visita:vie e viuzze senza frastuono, con tante botteghe allegre e colorate fra cu perfino il calzolaio che fabbrica scarpe belle ed economiche. Come dicono i locali Palinuro è davvero la perla del Cilento!

Annunci Google
  • 4387 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social