Dona - Mal di Sicilia

Venerdi 1 Agosto Finalmente! Sogno il viaggio in Sicilia da anni e ora finalmente questo sogno si avvera! Rimandato anno dopo anno nell'attesa di trovare un compagno/a di viaggio abbastanza avventuroso/a, l'avevo trovata nella mia amica Roberta che però alla ...

  • di donna.v
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Venerdi 1 Agosto Finalmente! Sogno il viaggio in Sicilia da anni e ora finalmente questo sogno si avvera! Rimandato anno dopo anno nell'attesa di trovare un compagno/a di viaggio abbastanza avventuroso/a, l'avevo trovata nella mia amica Roberta che però alla fine non è potuta venire, e allora ho deciso di partire da sola. Ho prenotato il traghetto a Febbraio trovando un'ottima offerta con Snav: € 175.00 Auto + Cabina Doppia Donna, e anche i pernottamenti dopo varie ricerche online. Sono le 17,15 di questo caldissimo primo agosto e sono in fila sul Molo Angioino a Napoli in attesa dell'imbarco sulla nave che mi porterà a Palermo. Il viaggio da casa fino a Napoli è stato abbastanza tranquillo nonostante il traffico intenso, quella di oggi è una giornata da bollino nero. Finalmente alle 19,20 mi imbarco e faccio una rapida perlustrazione della nave, piuttosto grande e molto ben attrezzata con ristorante, sala tv, sala videogames e cinema, oltre a due bar e la discoteca. Anche la cabine sono confortevoli, nonostante siano abbastanza piccole, ma c'è l'aria condizionata, meno male! Per cena vado al self service del ristorante e devo dire che sia mangia abbastanza bene, anche se non è proprio economico. Vado a nanna presto, dato che la sveglia suonerà alle 6.00.

Sabato 2 Agosto Alle 6,44 sbarco a Palermo e già mi accoglie un caldo asfissiante, molto umido. Attraverso velocemente Palermo percorrendo la litoranea e buttando un occhio alla città, che come primo approccio devo dire che non mi colpisce; sempre lungo la litoranea che costeggia un meraviglioso Tirreno blu cobalto, mi dirigo verso est alla mia prima tappa: Cefalù, dove ammiro lo splendido duomo e rischio subito una multa perché mi addentro in auto nel centro storico nel quale è vietato il transito ai non residenti. Niente multa, mi gusto invece il dedalo di viuzze intorno al duomo e gli scorci a picco sul mare, le botteghe di artigianato tipico e le pasticcerie, veri templi del gusto. Mi rimetto in macchina, dopo aver fatto qualche foto, diretta a Zafferana Etnea, dove soggiornerò in una agriturismo. Da Cefalù continuo a costeggiare tutto il litorale nord fino a Capo 'Orlando, e intanto ammiro il mare, bellissimo. Da Capo d'Orlando devio verso sud e mi inoltro nell'entroterra attraversando i piccoli centri di Naso e Ucrìa; la strada è tutta curve, taglia i monti Nebrodi, coperti di boschi e foreste, e sale parecchio di altitudine, ad ogni svolta c'è un panorama diverso, in particolare da quassù si vedono le Eolie con in primo piano Stromboli e Vulcano, con il suo perenne pennacchio di vapore, e all'improvviso appare l'Etna, che in questo periodo è in leggera attività. Arrivo a Zafferana più o meno all'una, rapida doccia rigenerante, sistemo la valigia e sono di nuovo in macchina in direzione Taormina. Intanto per raggiungerla attraverso tutti i centri abitati affacciati sullo Ionio come Giarre, Giardini Naxos e tutti gli Aci...Vari, che sono nove, che si susseguono uno dopo l'altro e scopro due cose: un traffico degno della Roma più intasata e che la guida locale è a dir poco spericolata, più o meno è come essere sulle macchine a scontro, chi arriva prima passa. Arrivo a Taormina e c'è poca gente in giro, fa davvero molto caldo. Faccio una passeggiata nel centro e la visita di rito al bel Teatro Greco con granita di mandorle finale per dissetarmi. Nel frattempo scrivo le prime cartoline. Riparto alla volta di Acireale, con il bel centro barocco. Particolarmente animata in questo periodo perché c'è il Carnevale, per questo il corso principale è pieno di gente che ammira carretti siciliani in mostra. Più tardi ci sarà anche una sfilata di carri allegorici in cartapesta, ma sono troppo stanca per restare e quindi riprendo la strada di casa...Si fa per dire, compro un po' di frutta per cena e a nanna

  • 2823 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social