Evviva la sicilia evviva i siciliani

Sono appena tornata da una indimenticabile vacanza con un’amica nella Sicilia Occidentale. Ci siamo innamorate di questa terra gentile e dei suoi altrettanto gentili abitanti. Partiamo da Napoli imbarcando anche la macchina con la Nave Snav alle 20 e dopo ...

  • di bienvenida
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
 

Sono appena tornata da una indimenticabile vacanza con un’amica nella Sicilia Occidentale.

Ci siamo innamorate di questa terra gentile e dei suoi altrettanto gentili abitanti.

Partiamo da Napoli imbarcando anche la macchina con la Nave Snav alle 20 e dopo la traversata notturna (vi sconsiglio di prenotare la poltrona: è scomodissima, non ci si riposa e in più fa freddo, portate con voi un plaid) arriviamo a Palermo alle 6,30.

Ci dirigiamo sulla litoranea che porta a Trapani in modo da poter esplorare subito il paesaggio.

Ci fermiamo a Mondello. Un vero carnaio. Non si riesce nemmeno a passare tra un telo e l’altro. La spiaggia non è pulitissima, così decidiamo di proseguire e tra un panorama e l’altro arriviamo a L’Isola delle Femmine. Bella. Acqua cristallina e tanti scogli. Sosta bagno e si riparte.

Arriviamo a Trapani al ns. Albergo, l’Hotel Vittoria. Si trova a due passi dal centro è, carino e pulito, camera spaziosa, buona colazione e personale super gentile e disponibile per ogni informazione e anche ad accompagnarci in qualche destinazione. Passiamo la serata in giro a Trapani. La cosa originale è che si trova tra due mari, per cui su di un lato c’è il porto e sull’altro il lungomare.. E questa cosa confonde un po’ l’orientamento, ma poi diventa simpatica.

Ha un grande e vivace centro storico con bar e localini e splendide gelaterie (arancine, cannoli, pasta di mandorle, brioches con gelato hmmmmmmmmmm!) Il giorno seguente con l’aliscafo andiamo a Favignana. Il paesino è un po’ una delusione, ma noleggiando una bici si possono raggiungere le calette. Cala Rossa mozza il fiato, Il bue marino è una caletta bella ma pericolosa per la caduta massi e anche Cala Azzurra è molto bella, anche se dicono che ultimamente abbia ridotto la sua estensione. Con una barchetta di un pescatore facciamo un giretto dell’isola e visitiamo le grotte. Favignana è l’isola più famosa, ma le altre due, Levanzo e Marettimo, sono molto più affascinanti.

In tutte le calette e spiaggette delle isole non ci sono bar, per cui è bene portarsi da casa cibi e bevande perché fa veramente caldo e ci si scotta in un baleno quindi è assolutamente necessaria la crema protettiva da spalmare spessissimo, in più le stradine per raggiungere i posti più incantevoli... non sono stradine.. Sono sentierini sterrati e poco agevoli e non all’ombra.. Ma vi assicuro che vale la pena. Torniamo a Trapani e ceniamo alla TAVERNA PARADISO. E’ un posto chic e snob, ma veramente gustoso con le specialità della cucina siciliana visitate in maniera raffinata. Ottimo e ovviamente conto salato.

Il giorno successivo per cercare di attutire la scottatura di Favignana.. Niente isole! Andiamo a San Vito Lo Capo. Il mare è meraviglioso, la spiaggia è bianchissima e fine. Veramente bella. E la brioche con gelato sublime. Ci hanno parlato della Riserva dello Zingaro gestita dal WWF. E’ bella, ma non c’è nemmeno un pochino d’ombra per arrivare alle varie calette, e meno male che cercavamo refrigerio! Per cui andateci di mattina presto, godrete meglio lo splendido panorama e risparmierete l’ammazzata che ci siamo fatte sotto un sole che non perdona. La prima grotta che si incontra è secondo me piuttosto tetra e.. Attenzione.. Piena di ucelli in libertà.. Per fare tutto il percorso della riserva si impiega due ore. Organizzatevi.

A cena a Trapani andiamo alla CANTINA SICILIANA: una trattoria semplice e non costosa, si mangia benissimo.

La mattina seguente andiamo a Levanzo. A Levanzo non si può fare a meno di provare un’emozione forte, una sorta di sindrome di Stendhal di fronte a tanti spettacoli naturali, forse complice una giornata splendida con mare piatto. Avete presente il libro di geografia della scuola, oppure le cartoline, oppure i documentari? Ecco, questo si vede a Levanzo.. I pesciolini colorati, l’acqua verde o di un azzurro intenso, la roccia a strapiombo imponente, maestosa e noi... su un bel gommone accompagnate da un gentiluomo. Si chiama Edoardo ed è così paziente, così disponibile e così colto.. No, non mi sono innamorata.. Sottolineo solo ancora la gentilezza di questa gente. Se avete bisogno del suo numero per il giro dell’isola, contattatemi pure..Ti porta a fare il bagno nei punti migliori, ti lascia sulla spiaggetta che preferisci e poi ti torna a prendere, ti aiuta nell’escursione della grotta del Genovese con i graffiti degli uomini primitivi... cosa si può volere di più? A cena a Erice un paesino molto antico a 800 m. Di altezza con uno splendido belvedere da cui si vedono le isole, San Vito Lo Capo e naturalmente Trapani

  • 1738 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. rino benny
    , 1/5/2010 16:05
    Grazie Barbara, io che vi abito non avrei saputo usare parole tanto belle quanto quelle che hai usato tu.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social