Isola d'Elba in moto

Per festeggiare il nostro anniversario di matrimonio , mio marito ha organizzato una gita in moto di un fine settimana all’isola d’Elba. Complice il bel tempo , è stato il “viaggio” più bello mai fatto da noi. Siamo partiti da ...

  • di Constanza
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Per festeggiare il nostro anniversario di matrimonio , mio marito ha organizzato una gita in moto di un fine settimana all’isola d’Elba. Complice il bel tempo , è stato il “viaggio” più bello mai fatto da noi. Siamo partiti da Livorno dopo colazione e abbiamo attraversato tutti i paesini lungo la costa fino a Piombino , dove abbiamo trovato il traghetto pronto che ci ha portato sull’isola di Napoleone.

Un’ora di navigazione tranquilla , seduti fuori sulla banchina a farci accarezzare il volto dal vento tiepido e pregustando due giorni di assoluta pace ( abbiamo spento i nostri cellulari !!) , siamo arrivati nel porto di Portoferraio , sentendoci liberi di galoppare sul nostro bicilindrico per le strade elbane incontro al tramonto...

Siamo arrivati circa un’ora dopo nel nostro albergo , Hotel Ilio , a Capo Sant’Andrea . Ci hanno accolto con entusiasmo e simpatia, offrendoci da bere e facendo reciproca conoscenza e dopo aver scelto da un vasto menu per la cena siamo stati accompagnati nella nostra camera , e aprendo le persiane del balcone abbiamo potuto ammirare una veduta splendida sul golfo . Eravamo un po’ indecisi sul da farsi.., mettersi sulla spiaggia a godere dello splendido sole primaverile oppure ripartire per un primo sopralluogo delle vicinanze? Scelta difficile , ma alla fine ha prevalso il buon senso ( cioè , io.. ! ) e abbiamo passato il resto del pomeriggio sugli famosi scogli di Capo Sant’Andrea, le “ Cote Piane” . Quando il sole stava tramontando dietro alla Corsica siamo tornati verso l’albergo con energie nuove e..Anche un po’ di fame! Docciati e di nuovo presentabili abbiamo preso un tavolino sulla terrazza e abbiamo gradito un buon bicchiere di prosecco come aperitivo in attesa di metterci a tavola. Attesa che ha valso la pena.. Siamo stati viziati dallo chef con dei primi e secondi piatti a base di pesce , un vino nobile che ci è stato consigliato da Maurizio e per concludere una vasta scelta di dessert , e tutto in un ambiente nuovissimo e molto raffinato , sottolineando la particolare posizione dell’albergo un po’ in collina e un po’ sul mare. Dopo una notte trascorsa nel silenzio più assoluto siamo stati svegliati da un cinguettio da prima pianissimo poi man mano aumentando sempre di più , quasi ci volessero vedere affacciati al balcone. Abbiamo fatto una colazione splendida e abbondante sulla terrazza inondata dal sole mattutino, che ci ha messo del umore giusto per partire con la nostra moto per avventure inimmaginabili. Sono stati momenti magici , poco traffico e tanta voglia di volare sulla strada con il vento tra i capelli , fermandoci per mangiare o per passeggiare nelle vie dei paesi medievali , osservando i vecchietti giocare a carte o a chiacchierare sulle panche delle piazze , cosi volgeva la giornata al termine e noi ci siamo messi sulla strada del ritorno in albergo , dove abbiamo gustato un’altra cena prelibata e un’altra notte , sognando un ritorno in quest’oasi di tranquillità e pace ...

  • 2631 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social