Sicilia occidentale all'ultimo minuto

Da anni desideravamo andare in Sicilia.....finalmente per una fortunata serie di circostanze, organizzando tutto via internet, e superando il problema del viaggio in macchina, il 26 agosto siamo partiti (in treno) alla volta di Pisa, dove con un ritardo di ...

  • di tota
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Da anni desideravamo andare in Sicilia...Finalmente per una fortunata serie di circostanze, organizzando tutto via internet, e superando il problema del viaggio in macchina, il 26 agosto siamo partiti (in treno) alla volta di Pisa, dove con un ritardo di circa 1 ora e 1/2 ci siamo imbarcati sul volo WindJet Pisa-Palermo. Per i nostri bambini Lori e Orsi è stato il battesimo dell'aria!! Dopo circa 50 min. Di volo tranquillo e un po' di attesa per i bagagli abbiamo recuperato la macchina noleggiata con la Maggiore, una splendita Fiat Stilo SW 1900 Turbo Diesel che ha entusiasmato Dani, ed abbiamo raggiunto, alle 23.15 il nostro primo B&B "Villa Fiori Beach" in loc. Lido Fiori di Menfi (AG) dove, per fortuna i gentilissimi ed ospitalissimi Nino e Vita (e figli) ci hanno nutrito con ottimi ravioli di cernia con sugo di gamberetti.

La temperatura è torrida (33°a mezzanotte) ma noi siamo ben alloggiati in un appartamento "essenziale" ma a 100 m. Dallo splendido mare che ci separa dall'Africa e che da oltre 10 anni vanta meritatamente la "Bandiera Blu".

27 agosto Dopo colazione e spesa a Menfi (danneggiata dal terremoto del 1968) andiamo sulla spiaggia. E' proprio come piace a noi...Dorata, sabbia fine e fresca, selvaggia, con alle spalle le dune (e i gigli di mare!!!!) in un golfo tranquillo e verdeggiante di vigneti, poca gente ed acqua cristallina.

La giornata è caldissima e Vita (previdente) ci ha fornito un ombrellone. Lori e Orsi, ma anche noi, stanno sempre in acqua e quando siamo abbastanza rosolati, dopo una veloce merenda, partiamo alla scoperta della Sicilia! Attraverso la campagna (coltivatissima) arriviamo a Porto Palo di Menfi (dominata da una torre di avvistramento) e poi a Campobello di Mazara, dove faticosamente troviamo un bar aperto e cominciamo ad apprezzare l'ospitalità siciliana (il barista ci regala una bottiglia d'acqua).

Dopo esserci rifocillati con la nostra prima vera granita, partiamo alla volta delle Cave di Cusa. Siamo gli unici visitatori, il luogo è riarso e affascinante, ci sono ancora sul luogo le colonne scavate dai selinuntini e mai staccate. Al tramonto torniamo sulla nostra spiaggia per un bagno rinfrescante e per una buona cena al ristorante del B&B.

28 agosto Partenza per Sciacca, visitiamo qualche chiesa, il piazzale sul porto, lo Steripinto, le stradine in salita con i cortili di impianto arabo e ci fermiano per la granita. Poi alla ricerca di una spiaggia. Dani dopo qualche perplessità acconsente ad imboccare una strada sterrata che, dopo il paesino di Seccagrande, ci porta al Lido Fuggitello spiaggia all'interno della Riserva naturale della foce del fiume Platani. Dopo un bel bagno ed un meritato riposo all'ombra del nostro ombrellone ci attende Eraclea Minoa città costruita su uno sperone di roccia bianca con un bel teatro (purtroppo coperto da una brutta costruzione). Anche qui siamo completamente soli con un gregge di pecore e, forse, le vipere...

Tota non contenta, sulla strada del ritorno vuole fermarsi al "Castello Incantato" un oliveto nel quale sono raccolte le teste scolpite dal contadino scultore Filippo Bentivegna. Interessante, soprattutto il personaggio tormentato dell'uomo Bentivegna. Si torna a Lido Fiori e ceniamo al solito ristorante.

29 agosto Abbiamo un appuntamento con i nostri amici Paolo e Rosalia per visitare la Valle dei Templi. A Porto Empedocle siamo bloccati da una manifestazione ed arriviamo ad Agrigento in ritardo. La visita alla Valle dei Templi si svolge, quindi, sotto il sole cocente. Sono assolutamente consigliabili cappello, occhiali e molta, molta acqua!!! La valle non ha bisogno di commenti. La visitiamo in lungo ed in largo e per rinfrescarci scendiamo al Giardino della Kolymbetra dove ci offrono freschi fichi d'india e dove seguiamo una visita guidata

  • 4318 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social