Pantelleria: prima la vedi e poi muori

…..oddio ci siamo sbagliati!! Questa è una famosa frase dedicata alla città di Napoli…battuta tormentone di un famoso film italiano…ma non stiamo esagerando..Pantelleria è davvero sorprendente e dopo averla visitata e scoperta puoi anche pensare che nessun'altro luogo/città potrà darti ...

  • di lore&dani
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

...Oddio ci siamo sbagliati!! Questa è una famosa frase dedicata alla città di Napoli...Battuta tormentone di un famoso film italiano...Ma non stiamo esagerando..Pantelleria è davvero sorprendente e dopo averla visitata e scoperta puoi anche pensare che nessun'altro luogo/città potrà darti le stesse sensazioni.

Selvaggia, qualche volta inaccessibile, "spigolosa" ma straordinariamente accogliente...Può sembrare un controsenso ma per noi è stato così!!! L'accesso alle calette in alcuni casi è stato impegnativo così come l'accesso al mare, ma una volta arrivati in spiaggia (si fa per dire perché la spiaggia intesa come sabbia, ombrellone e sdraio non esiste a Pantelleria, e non ci sono neanche i bar, portatevi sempre acqua in abbondanza e cibo a sufficienza) o una volta fatto un tuffo in un mare cristallino e diversamente colorato (dal turchese, al verde; dall'azzurro, al blu notte) ci si sente piacevolmente immersi e accolti (appunto) dalla natura, dal silenzio e dalla libertà che abbiamo "respirato" sull'isola.

Tantissime le calette da vedere e tante le attività da fare...Anche più al giorno. Tutti i giorni abbiamo fatto il bagno in due/tre posti diversi (fondamentale a questo proposito è noleggiare un mezzo di trasporto, per noi meglio lo scooter...)...Abbiamo alternato il mare con attività termali (il famoso Bagno Asciutto, una grotta o meglio una spaccatura nella roccia dove si può fare un vero e proprio bagno turco naturale; i fanghi al Laghetto di Venere, un lago di acqua salata e sulfurea con formazione naturale di fanghi; Cala Gadir, dove ci sono delle vasche di acqua calda proveniente dal mare; Grotta di Sataria, molto simile a Cala Gadir...) oppure con la degustazione degli ottimi prodotti panteschi (noi siamo stati ad AgrIsola, vicino Tracino, a degustare il pesto pantesco, il patè di capperi, l'ammogghiu o salsa pantesca, il famoso vino Passito di Pantelleria...)

La cucina pantesca ottima...I ristoranti dove abbiamo cenato: La Trattoria (da provare i ravioli di pesce spada, 25/30€ a persona) - Papuscia (da provare la carbonara di tonno e la mousse di ricotta...Da annotare in senso negativo: il servizio e l'accoglienza del personale, 30/35€ a persona) - La Favarotta (crediamo il migliore tra quelli in cui abbiamo cenato...Da provare la pasta al sugo pantesco e il coniglio alla pantesca, 25/30€ a persona) - Agriturismo Zinedi (dove abbiamo mangiato il migliore Cous Cous di pesce e verdure, piatto tipico di Pantelleria, e bevuto il migliore vino zibibbo e passito prodotto direttamente dai vigneti di loro proprietà...Da provare anche la pasta al ragù di tonno, 20€ a persona per antipasto, primo, secondo, acqua, vino, dolce e 1 bicchiere di passito , tutte le sere).

Inoltre segnaliamo la rosticceria Ciaki Ciuka (a Scauri, lungo la strada che porta dal paese al porto, vicino all'unico semaforo dell'isola!!!) per gli arancini e il bombolone ripieno di prosciutto e mozzarella...

Per i dolci: noi vi consigliamo la pasticceria Kose Duci (in una traversa vicino al porto)...Da provare le cassatine con ricotta o crema e i biscotti con marmellata di fichi e mandorle...

Dove dormire: noi abbiamo scelto di alloggiare in un dammuso, costruzione tipica dell'isola che richiama molto la dominazione araba e che ha come caratteristiche principali il materiale di costruzione (pietra!) e la forma del tetto (a cupola, anche per agevolare la raccolta dell'acqua piovana, qui l'acqua non si butta...È un bene prezioso da preservare); per quanto riguarda la località da scegliere, sicuramente le zone di Scauri e Tracino sono più panoramiche rispetto a pantelleria e dintorni, ma si paga lo scotto di essere un po' più lontani (si fa per dire) da alcuni servizi (benzinai, pescherie, macellerie) che potete trovare solo a Pantelleria...; noi sconsigliamo l'albergo, l'isola perderebbe un po' del suo aspetto magico.

Le calette più belle: per noi Cala Cinque Denti, Punta Nicà, Cala Cottone (con un sentiero splendido per raggiungere il mare!!) e Punta Kharace (forse i migliori fondali insieme a quelli di Cala 5 Denti), Balata dei Turchi (raggiungibile con una lunga strada sterrata per chi ama l'avventura con lo scooter e la macchina stile Camel Trophy), Martingana (rifugio ideale nei giorni di maestrale)...Ma l'isola è bella TUTTA e il consiglio che possiamo dare a tutti quelli che stanno per partire o hanno in programma di farlo è: scoprite l'isola da soli seguendo i consigli e facendo tesoro dell'esperienza degli altri ma "createvi" la vacanza su misura...Non sempre quello che accade agli altri o le sensazioni provate dagli altri possono essere una verità assoluta per tutti ...!!!

...Però nel crearvi il vostro itinerario e andando alla scoperta dell'isola non perdetevi 2 cose:

1) il Laghetto delle Ondine quando tira il Maestrale e il mare è mosso...Non si può perdere la forza del mare che entra nella scogliera fino a formare un laghetto...

2) il panorama dall'alto del Laghetto di Venere...Godetevelo dalla strada che vi porta al laghetto...

Buona Pantelleria a tutti!!!

  • 2184 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social