Ferragosto a chiusi della verna

E’ tradizione che il giorno di ferragosto si lasci la città e si vada a fare una gita “fuori porta”. Così verso le dieci prendiamo la nostra auto e imbocchiamo la A1 a Firenze sud in direzione Roma; usciamo ad ...

  • di graziano
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

E’ tradizione che il giorno di ferragosto si lasci la città e si vada a fare una gita “fuori porta”.

Così verso le dieci prendiamo la nostra auto e imbocchiamo la A1 a Firenze sud in direzione Roma; usciamo ad Arezzo e ci dirigiamo verso il Casentino.

Abbiamo programmato una giornata al fresco a Chiusi della Verna.

Da Rassina, una strada in salita ci porta ai piedi del colle su cui si trova il celebre santuario della Verna; quello che forse è meno conosciuto è appunto il paese. C’è di bello che in questi giorni di fine estate, in molte località si usi ancora allestire delle sagre paesane: a Chiusi c’è quella “del tartufo”. Quasi tutti gli abitanti, più i numerosi villeggianti, sono nelle strade che sono intasate da macchine e camper; numerosi sono i banchini dove vendono il prezioso tubero e altri prodotti di artigianato locale ed etnico: tutta la piazza antistante la chiesa ne è piena.

Da mezzogiorno, una lunga fila staziona davanti al cinema dove è allestito un ristorante; i volontari della Pro Loco hanno un bel daffare a servire ai tavoli i numerosi ospiti che continuano ad arrivare fin dopo le due e mezzo.

Usciamo poi dall’affollamento della sagra e ci dirigiamo verso quella parte di Chiusi, per noi sconosciuta, che apprendiamo essere il nucleo originario del paese. Qui l’atmosfera è completamente diversa, il silenzio ci avvolge, solo qualche anziano è rimasto a casa e siede a sonnecchiare davanti alla porta della propria abitazione o all’ombra dei pergolati negli slarghi tra più vie. Saliamo al castello del Conte Orlando, o meglio ai pochi ruderi che ne restano; da qui si vede nitida la sagoma del colle immortalato da Michelangelo nell’affresco della nascita di Adamo che si trova sul soffitto della Sistina; è per questo che gli abitanti di Chiusi sostengono che qui abbia abitato Michelangelo quando il padre vi si trasferì dalla vicina Caprese in qualità di podestà .

Vicino alla Chiesa di San Michele Arcangelo con il suo campanile a vela c ‘è la podesteria dove è allestita una mostra d’arte. Un percorso a gradoni in porfido, che riconduce alla statale, si snoda per le strette vie del vecchio borgo. Qui ci sono le case più antiche, quasi tutte in pietra e appoggiate al colle, alcune, ci dicono, con pavimenti e travi originari, fino al fontanone pubblicitario in via Roma. Un’ ultima visita ai banchini della sagra e poi si riparte per Firenze; peccato, perché ci hanno detto che in serata ci saranno i fuochi d’artificio! Per foto e altri racconti di viaggio www.Webalice.It/graziano.Alterini

  • 916 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social