TOSCANA e vai sul sicuro

E’ l’estate del 2005 e bisogna scegliere dove andare a passare qualche giorno di riposo, magari visitando qualche posto che offra anche attrattive culturali: se queste sono le condizioni, la scelta è obbligata, la TOSCANA. Primo passo, cercare un B&B: ...

 
Annunci Google

E’ l’estate del 2005 e bisogna scegliere dove andare a passare qualche giorno di riposo, magari visitando qualche posto che offra anche attrattive culturali: se queste sono le condizioni, la scelta è obbligata, la TOSCANA.

Primo passo, cercare un B&B: trovato, è Armonie del Chianti e si trova in una posizione strategica, nel paesino di Impruneta, a pochi km dall’uscita autostradale Firenze SUD, ad altrettanti dalla superstrada che porta a Siena e dintorni e a 6 da Firenze, che poi scopriremo essere raggiungibile ad 1 € con l’autobus che ti lascia alla stazione di santa Maria Novella. Il viaggio è tranquillo e arriviamo a destinazione nel primo pomeriggio; giusto il tempo di lasciare i bagagli e ci spostiamo nell’area relax del B&B a prendere il sole e fare il bagno nella (piccola ma accogliente) piscina, con le splendide vallate del Chianti come sfondo per credere...In serata ceniamo in paese (Locanda LO ZIRO) con un’ottima tagliata e un cheesecake al cioccolato per dessert. Il paese non offre granchè, se non una piazza con chiesetta annessa, ma lasciamo stare e ci ritiriamo presto.

La giornata successiva siamo a SIENA.

Avendo frequentato l’università di Pisa ero già stato a Siena, ma in questa seconda occasione ho modo di visitarla meglio e con più attenzione. E’ il giorno dopo il Palio, vinto dalla contrada della Torre (di cui acquisto una bandana celebrativa...) e infatti Piazza del Campo nel porta ancora i segni, con gli addetti alla pulizia all’opera. La Piazza è davvero bella e ti viene da pensare a quando vi si svolge il Palio, all’atmosfera che deve esserci...C’è molta gente, a cui ben presto si aggiunge un corteo di persone della contrada della Torre che con bandiere e tamburi gira per la città a celebrare la loro vittoria. Pranziamo con un panino con salame toscano e pecorino senese (scelta obbligata quasi) e dopo pranzo ci dirigiamo verso san Gimignano, percorrendo un itinerario indicato sulla ns guida che si rivelerà però essere meno bello di quanto descritto (ti porta lungo le strade del vino del Chianti, ma niente di che). Terminato l’itinerario, è di strada, prima di arrivare a San Gimignano, il paesino Monteriggioni (citato anche dal grande Carlo Verdone in “Un sacco bello”, nell’episodio del figlio dei fiori, Ruggero...). Il paese è minuscolo ma caratteristico in quanto tutto circondato da mura e torri di guardia, che parzialmente si possono anche visitare. Merita secondo me la visita, che oltretutto non porta via troppo tempo date le dimensioni del paese.

San Gimignano è poco distante; è il famoso paese delle torri che al tempo venivano costruite più come simboli di grandezza che come posti di avvistamento o altro; oggi di torri ne sono rimaste “solo” 14, mentre prima erano molte di più; bastano comunque a caratterizzare il paese che al nostro arrivo brulica di persone lungo le sue vie, che ospitano negozi e botteghe di articoli in pelle, tutti davvero molto ben fatti. Prima di ripartire, facciamo una rapida spesa alla Coop del paese per restare in casa e cenare in assoluto riposo (il B&B ha una cucina in comune).

Il secondo giorno è dedicato a FIRENZE.

Anche a Firenze ero stato più di una volta, ma è sempre un piacere visitarla di nuovo.

Come scritto, la raggiungiamo in autobus per non avere problemi di parcheggio e, scesi a SMN e pranzato al McDonald’s, ci addentriamo verso il centro e ammiriamo così il Duomo con la cupola del Brunelleschi, il Campanile di Giotto,Piazza della Signoria, Palazzo Vecchio, Ponte Vecchio e Palazzo Pitti. La giornata trascorre tranquillamente a passeggio per Firenze senza una meta particolare

Annunci Google
  • 630 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social