Umbria: il mio sogno si è avverato

Umbria: il mio sogno si è avverato! Da tanti anni avevo il desiderio di visitare l’Umbria. Non c’è mai stata l’occasione, anche perché il mio ragazzo c’era stato con la scuola. A fine marzo mi sono laureata definitivamente (ossia alla ...

  • di atena82
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Umbria: il mio sogno si è avverato! Da tanti anni avevo il desiderio di visitare l’Umbria. Non c’è mai stata l’occasione, anche perché il mio ragazzo c’era stato con la scuola.

A fine marzo mi sono laureata definitivamente (ossia alla specialistica) e quindi ho pensato che fosse il momento opportuno per partire, anche da sola.

Ho preparato per mesi il viaggio, grazie a 3 guide diverse (consiglio la leggera e comoda Tracce del Touring Club) e a vari siti internet. Non sono una grande guidatrice e quindi mi preparavo ad affrontare una vacanza tutta con i mezzi pubblici.

Sono partita mercoledì 11 aprile, la prima tappa è stata Orvieto, raggiunta con un IC plus da Mestre (dove vivo). Avevo prenotato una notte alla “locanda del lupo”, in mezza pensione. Ci sono tre stanze, a me è capitata una grandissima (quella “gospel”), con 2 letti singoli e uno matrimoniale. La stanza oltre ad essere molto spaziosa è molto carina. Mi sono trovata bene anche se gli altri ospiti erano un po’ troppo “casinisti”, infatti la notte ho avuto difficoltà ad addormentarmi. Il pomeriggio ho fatto un primo giro per Orvieto, ho acquistato la Carta Unica Orvieto (già alla stazione) che con 18 euro comprende i vari musei convenzionati, e l’andata e ritorno con la funivia.

Sono salita sulla Torre del Moro dalla quale ho potuto subito ammirare la città dall’alto. Ho fatto un sacco di foto al Duomo... Sono scesa ed ho proseguito il mio giro verso la piazza, il Duomo è davvero qualcosa di splendido! Ma finche non lo si vede dal vivo non si può capire fino in fondo quanto è bello! Nessuna foto può davvero racchiudere lo splendore di questo capolavoro. Ho visitato il Duomo, a parte la facciata anche la Cappella di San Brizio merita la visita. La cosa che consiglio a tutti è di guardare la facciata quando il sole comincia a tramontare, l’oro dei mosaici si illumina più fortemente e la bellezza lascia senza fiato. Poi ho prenotato il giro nell’Orvieto Underground. Mentre aspettavo sono stata al Museo Faina. La visita guidata ad Orvieto Underground è molto interessante, si visita una parte delle cavità sotterranee alla città e la guida spiega esaurientemente i vari usi che nel tempo si sono fatti di questi luoghi. Infine sono stata al Museo Archeologico, sembra molto piccolo ma in realtà raccoglie molto materiale etrusco.

Sono rientrata in Locanda per la cena. Dopo cena ho fatto una breve passeggiata, ho visto il Duomo di sera (bellissimo il contrasto tra la pizza nel pomeriggio, piena di turisti, e di sera, non c’era nessuno!) e sono passata davanti al Palazzo del Comune (molto bello illuminato) e alla vicina Chiesa di S. Andrea con un campanile molto molto particolare. La mattina seguente, ho lasciato il bagaglio alla Locanda e sono andata a visitare il Pozzo della Cava, c’è un percorso ben pensato con spiegazioni molto chiare. Sono salita fino alla chiesa di S. Giovenale ma era chiusa, comunque anche da li si gode un bel panorama. Poi ho ripreso il mio bagaglio e sono scesa verso la funivia. Li ho visitato il famoso Pozzo di San Patrizio. E’ grandissimo e molto caratteristico. Certo sono molti i gradini ma per chi fisicamente può visitarlo è quasi un dovere se si và ad Orvieto. Purtroppo non ho avuto il tempo di visitare la Necropoli che mi hanno detto essere davvero molto bella. Ho preso il treno verso Perugia (in realtà ho dovuto cambiare a Terontola). Guardando fuori dal finestrino: che spettacolo, quanti colori. Tutti i toni del verde, poi quelli del marrone, un tappeto di fiori gialli, e poi le montagne... era questo quello che cercavo! Arrivata a Perugia prendo il bus numero 1 per raggiungere l’hotel. Non è molto lontano da Fontivegge (stazione FS), ma chi conosce Perugia sa bene come anche pochi passano essere duri visto le salite e le discese continue. Ho prenotato al Centro Mater Gratiae. Arrivata alla fermata mi sono spaventata, bisogna salire su una collina, saranno 600 metri di salita...E io avevo pure la valigia. Mi sono sentita male! Fortunatamente poi la cosa si è ridimensionata. Certo la sera non è il caso di uscire da soli. Comunque mi sono fermata 8 notti e nel complesso non posso lamentarmi, c’è un clima familiare e le camere sono accoglienti. La colazione è abbondante, le cene non mi hanno entusiasmato molto ma io sono anche un po’ delicata con il cibo

  • 3726 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social