Bellissima Genova

Salve siamo Laura e Roberto e vi vogliamo raccontare la nostra incursione lampo a Genova alla scoperta dell’acquario e non solo. Allora approfittando delle ferie di Roberto decidiamo di partire domenica sette gennaio di buon’ora (circa alle cinque) alla volta ...

  • di alla
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Salve siamo Laura e Roberto e vi vogliamo raccontare la nostra incursione lampo a Genova alla scoperta dell’acquario e non solo. Allora approfittando delle ferie di Roberto decidiamo di partire domenica sette gennaio di buon’ora (circa alle cinque) alla volta di Genova. Il viaggio dura circa cinque ore e senza troppi problemi troviamo l’albergo lasciamo i bagagli ed usciamo subito. La sistemazione che abbiamo scelto è un albergo della Best Western il Metropoli situato in piazza Fontane Marose cioè in pieno centro. La stanza ci costa 99 euro e ci dormiremo solo una notte, non è certo tra le più economiche ma ne vale tutto il suo prezzo. All’interno troviamo l’arredamento molto carino e soprattutto nuovo, il bagno veramente piccolo ma nuovo e molto curato anche per quanto riguarda le piccole dotazioni da bagno era veramente fornito. La camera aveva a disposizione il bollitore per fare un the o caffè liofilizzato e la finestra affacciava direttamente sulla piazza quindi ottima posizione.

Appena siamo usciti dall’albergo siamo andati subito in via luccoli e percorrendola interamente ci siamo trovati in una piazzettina dalla quale si accede al porto vecchio. Lì siamo andati subito a fare i biglietti per l’accesso all’acquario e abbiamo pagato 17,50 euro di accesso di cui 14 per l’acquario e 3.50 per il mondo di Antartide. L’acquario è molto grande e molto bello, pieno di informazioni e con vasche che permettono la visuale dei pesci da ogni angolazione, soprattutto la vasca grande che riproduce la barriera corallina in cui è possibile vedere squali e soprattutto una tartaruga meravigliosa ed una murena verde enorme. Molto bella anche la vasca dei pinguini sempre simpaticissimi, inoltre a quella delle mante è possibile sporgersi per accarezzarle. Tutto molto curato e bello se non fosse per la sezione dei delfini alla quale abbiamo trovato le vasche vuote, in pratica c’era un cartello che diceva che i delfini hanno a disposizione ben quattro vasche di cui solo una visibile dal pubblico se passavano da lì bene altrimenti...Pazienza! I delfini sono la mia passione e diciamo che vederli da vicino era il motivo principale che mi ha spinto ad arrivare a Genova, se magari ci fosse stato un cartello che avvisava della possibilità di non vederli si sarebbe anche potuto decidere se entrare oppure no. All’uscita dall’acquario si è catapultati nella galleria commerciale della costruzione con dei prezzi assurdi per ogni cosa, inoltre all’interno abbiamo pagato un’ulteriore biglietto per vedere la riproduzione della foresta pluviale con i colibrì. Una volta pranzato siamo andati alla volta del bigo che è un’ascensore circolare che sale a circa 40 metri d’altezza e dà la possibilità di vedere Genova da un altro punto di vista, davvero molto bello anche dura solo una manciata di minuti. Finito il bigo abbiamo optato per una piccolissima gita in battello davanti al porto in cui, in circa 40 minuti, ed al prezzo di 6 euro a persona ti portano a vedere i moli commerciali, assolutamente sconsigliato farlo a meno che non si voglia avere una visione d’insieme della città dal mare. Arrivati di nuovo siamo andati a vedere la mostra di Antartide e devo dire che a me non è piaciuta per niente ma magari se qualcuno è appassionato... All’uscita ci siamo concessi una bella passeggiata lungo il porto antico e ci siamo goduti i bei palazzi che si affacciano sul mare, notando che bel recupero è stato fatto intorno a questa zona. L’unica cosa che veramente è obbrobriosa è la sopraelevata che passa sulle teste della gente che passeggia tranquillamente. Vorrei conoscere la grandissima testa di rapa che ha deciso di porre in quel punto questa opera pubblica, ma possibile che non si trovava altra soluzione per non farla passare da lì? A mio avviso per come è bella Genova questa strada è solo una mortificazione del porto. All’interno la città si snoda verso la collina attraverso un intrigo di viuzze (carrugi) strettissime e con palazzi talmente alti da togliere luce naturale alla via, ma nonostante ciò risultano assolutamente caratteristiche e così piene di negozietti e di gente che passeggia che è un piacere perdercisi dentro. Una curiosità: qualsiasi via, se la percorrerete in discesa, vi porterà verso il mare. La sera del nostro arrivo ci siamo concessi una pizza in un locale in piazza Portello, abbiamo speso molto poco e la pizza era buonissima. Attenzione perché la maggior parte dei locali la domenica sera è chiuso

  • 1220 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Bri Bellina
    , 3/8/2011 14:57
    "micheledemo" non sono genovese ma vivo a genova da anni e la amo come fosse la mia città!
    non sono del tutto in accordo con te....sapevi che per costruire la sopraelevata hanno dovuto abbattere "il ponte reale"?.....cosa direi al quanto INACCETTABILE!!!poi beh diciamo che ha anche tanti difetti che adesso non sto ad elencarti.....
    poi che sia un ottimo collegamento per quelli del ponente al centro sono daccordo con te.
  2. micheledemo
    , 3/5/2010 22:26
    ciao, volevo dirti che il diario è molto veritiero e fatto bene, ma la sopraelevata è manna dal cielo per noi genovesi.
    se non ci fosse bisognerebbe inventarla! e poi dovresti dare un giudizio sul panorama che si gode percorrendola con la macchina.
    MOZZAFIATO!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social