Urbino e le Marche

Metti la primavera che avanza, le giornate lunghe e sempre più calde, mettici anche un lungo week-end pasquale all’orizzonte e due amici che da tempo ti ripetono “dove si va a Pasqua” e l’epilogo è scontato: bisogna trovare una meta ...

  • di claumore
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Metti la primavera che avanza, le giornate lunghe e sempre più calde, mettici anche un lungo week-end pasquale all’orizzonte e due amici che da tempo ti ripetono “dove si va a Pasqua” e l’epilogo è scontato: bisogna trovare una meta che soddisfi tutti! Dopo aver scartato i viaggi a lunga gittata, costosetti in quel periodo, la proposta delle Marche e di Urbino trova subito entusiasti consensi ( basta partire, staccare la spina, liberare la mente...). Così, la sera del venerdì santo, alle 18.30, si accendono i motori della Rav4 e della GolfPlus: puntiamo la prua a Sud e ci prepariamo a divorare i 340 Km che ci separano dalla meta, l’Agriturismo “dei Duchi” alla periferia di Urbino. Il viaggio è tranquillo, il traffico scarso in A13 aumenta un po’ nei pressi di Bologna per tornare scorrevole in A14. Dopo una pausa in Autogrill in vista di Pesaro accendiamo in navigatori, giusto per non sbagliare casello e per rintracciare subito quella che sarà la nostra dimora per i prossimi tre giorni: tutto facile e alle 10.15 siamo già parcheggiati davanti alla bellissima struttura agrituristica, in una posizione collinare incantevole (almeno sembra, perché l’inquinamento luminoso veramente minimo rende le tenebre molto fitte). Ho però dimenticato di presentare i compari d’avventura: Andrea, Flavia, Filippo, Michele, Cristina, Nicola, Claudio, Stella e Riccardo, tre famiglie con figli quindicenni sbuffanti, annoiati e affamati al seguito forzato, anche se per via di appetito gli adulti non sono stati certo da meno! La prima sera, dopo quasi 4 ore di viaggio siamo stanchi, tutti a dormire: e invece no! L’ “anziano” del gruppo, inaspettatamente, invita ad un assaggio notturno di Urbino, proposta subito accolta, e allora via, 5 chilometri e siamo immersi in un’atmosfera quasi irreale, viuzze strette e piazze larghe lastricate, pendenze da fiatone, sporadici i passanti sembriamo i padroni della città, anche i locali sono quasi tutti chiusi (celebrazioni della settimana santa?). Un’oretta più tardi, finalmente decidiamo di deporre le stanche membra e nel silenzio assoluto della collina marchigiana ricarichiamo le energie. La mattina successiva annuncia una splendida giornata di sole, calda e limpida, i colli coltivati a vite, frumento e ravizzone, danno spettacolo con gradevoli contrasti di colore. Celebriamo subito il rito della colazione, lenta, abbondante; il programma prevede per il sabato uno spostamento a Macerata e a Recanati. La prima meta si rivela non propriamente entusiasmante: visitiamo lo Sferisterio ( ma per chi conosce l’Arena di Verona...) e poi saliamo alla piazza principale e al Duomo ma, complici l’ora del mezzodì avanzato e l’inarrestabile richiamo delle delizie gastronomiche che comincia ad affiorare e che costituirà l’asse portante di tutto il viaggio, ci tuffiamo nella trattoria “dei fiori” dove apprezziamo dei primi molto curati e ben annaffiati.

Nel pomeriggio si va a Recanati, il borgo è bellissimo e neanche tanto piccolo, da ogni muro, da ogni via, da ogni palazzo trasuda lo spirito di Giacomo Leopardi ed è spontaneo anche per chi, come me, non lo legge da decenni, emozionarsi davanti alla casa di Silvia o sotto la torre antica o ancora sull’ermo colle, vicino alla siepe.

La visita alla casa natale e alla biblioteca è davvero coinvolgente: passare a pochi centimetri dai suoi libri, dalla sua scrivania, potere quasi toccare il calamaio con il quale scrisse molte sue opere, poter immedesimarsi in Leopardi che dalla finestra vede Silvia ... Recanati merita veramente una visita! Per il nostro gruppo è ormai ora di rientrare alla base di Urbino, poco più di un’ora di autostrada, una doccia veloce e siamo di nuovo a tavola: abbiamo scelto di cenare nella locanda dell’agriturismo che ci ospita: pizze e coca cola per i ragazzi, grigliata mista patate e vino per i grandi, dolce per tutti

  • 5898 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social