Le emozioni non si fotografano

Eccoci a Firenze! E’ stato un viaggio deciso in brevissimo tempo, ma è la dimostrazione che non serve pensarci a lungo: s’innaffiano le piante, si parte… e in men che non si dica ci si ritrova immersi in una nuova ...

  • di Machi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Eccoci a Firenze! E’ stato un viaggio deciso in brevissimo tempo, ma è la dimostrazione che non serve pensarci a lungo: s’innaffiano le piante, si parte... e in men che non si dica ci si ritrova immersi in una nuova realtà da vivere. Abbiamo prenotato una camera di un B&B nel cuore di Firenze, in modo da parcheggiare la macchina all’arrivo in una zona consentita lungo l’Arno, pagando il ticket, per riprenderla dopo i quattro giorni di permanenza. La scelta, infatti, è stata quella di non stressarci - evitando le zone a traffico limitato e cercando parcheggi - ma di goderci al meglio la vacanza... con i nostri piedi, i nostri occhi e le nostre forze! Molto carina, nella sua semplicità, la stanza prenotata al “soggiorno Alessandra”: piccola ma confortevole e soprattutto a due passi da Ponte Vecchio.

Abbiamo deciso, avendo a disposizione quattro giorni, di immergerci man mano nella città, con la guida turistica in borsa, ma cercando, soprattutto il primo giorno, di tirarla fuori il meno possibile. Ci piace che sia Firenze stessa a parlarci di sé, a svelarci particolari inediti che, appunto, non si leggono negli itinerari canonici. E’ bellissimo scoprire gli scorci cittadini. Come non pensare a quanti poeti hanno attraversato quelle strade, vestendo il look del tempo e catturando dentro di sé chissà quali sensazioni da trasferire in versi? L’uomo Dante prima di entrare nei testi di letteratura, transitava per queste strade. Per non parlare di Michelangelo... ma che strano pensarci! In ogni caso, per stare tranquilli, due giorni prima abbiamo prenotato la visita agli Uffizi e alla Galleria dell’Accademia, e ne è valsa la pena: fila evitata all’ingresso, risparmio d’energia fisica e mentale, libertà di muoverci per la città senza schemi. Da Palazzo Pitti fino al Duomo è un continuo tuffo nell’arte. L’Arno ci accompagna nel nostro viaggio e fa da sfondo alle fotografie dei turisti e all’incessante passaggio dei fiorentini in bicicletta.

Tra una chiesa, una torre e un’opera d’arte, i negozi sono molto curati e invitanti, in particolare per la lavorazione della pelle, l’artigianato orafo e la Moda con la m maiuscola.

Il David di Michelangelo ci ha incantati: davvero meraviglioso! C’è rimasta in testa la voce di un’addetta all’ordine che con un fare svizzero e militare ordinava “No foto”. Comunque, anche senza foto non può che rimanere impresso, così come gli Uffizi (che si consiglia di visitare a piccole dosi, vista l’estensione) con la “Primavera” e la “nascita di Venere”del Botticelli... non me ne vogliano gli altri artisti, ma il cervello si nutre d’emozioni. E non riuscivamo più a staccarci da quelle splendide creature. Anche Firenze è una splendida creatura. Partire senza pensarci troppo ci ha fatto bene!

  • 132 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social