Attraverso i parchi divertimento in Emilia Romagna

Quest'estate per divertirci e rilassarci abbiamo deciso con mia moglie di portare la nostra bambina di anni 7 a visitare i parchi divertimenti dell'Emilia Romagna per cui il 17 agosto ci siamo imbarcati , essendo residenti in Sardegna, da Olbia ...

 

Quest'estate per divertirci e rilassarci abbiamo deciso con mia moglie di portare la nostra bambina di anni 7 a visitare i parchi divertimenti dell'Emilia Romagna per cui il 17 agosto ci siamo imbarcati , essendo residenti in Sardegna, da Olbia per raggiungere Piombino. La linea di trasporto scelta è stata la Linea dei Golfi che si è rivelata una compagnia navale affidabile per gli orari di partenza e arrivo ampiamente rispettati e dignitosa per quanto concerne la sistemazione logistica in cabina.

Una volta sbarcati a Piombino grazie al super navigatore satellitare siamo arrivati a Firenze e attraverso la mitika statale Tosco - Romagnola abbiamo puntato la provincia di Forlì per raggiungere la nostra prima meta delle vacanze: Agriturismo Ca Bionda loc. Cusercoli.

Rigidamente prenotato via Internet nel mese di marzo la struttura è gestita magnificamente da Rita e Franco. Eccezionale il mangiare , compresa l'ottima grappa che ci ha accompagnato in ogni fine pasto, meravigliosa la piscina all'aperto per i bei bagni pomeridiani , ottime camminate mattutine in montagna e simpatici i cottage in legno che ci hanno ospitato nei nostri due giorni di permanenza. La retta giornaliera è onesta magari da migliorare un pochino le pulizie nelle stanze e l'erogazione dell'acqua calda nelle ore di punta ma credetemi vale veramente la pena di farci una capatina.

Lasciata la Ca Bionda ci siamo diretti in visita a San Marino, sempre affascinante ma ormai troppo inflazionata di strutture ricettive per i turisti ( mamma quanti negozi, ristoranti , bar e punti ristoro ) .Comunque è sempre meritevole prendere la funicolare per raggiungere il Borgo Antico.

Una volta lasciata San Marino eccoci arrivare al primo dei parchi pianificati nel ns. Viaggio per la gioia di mia figlia: Italia in Miniatura.

Veramente suggestive le riproduzioni in scala ridotta dei luoghi più famosi d'Italia e d'Europa, i giochi presenti sono simpatici ma un po' troppo oneroso, secondo me, il costo del biglietto d'ingresso.

Terminiamo la ns. Giornata raggiungendo Ravenna, in cui abbiamo previsto una sosta di 4 notti, dove devo affrontare il primo e unico intoppo del viaggio: febbre a 39 e relativa visita del pronto soccorso dell'Ospedale di Ravenna.

Dopo circa 2 ore tra attesa, visita e controlli vari, lascio la struttura ospedaliera, che mi ha diagnosticato un' influenzale con relativa cura a base di antinfiammatori, antibiotici e ...3 gg di riposo assoluto, e raggiungo la mia famiglia all'Hotel Byron, anche questo scelto e prenotato via Internet, in pieno centro storico a Ravenna ( non vi dico cosa c'è voluto per raggiungerlo con l'ausilio del navigatore - meglio farsi guidare dal gentilissimo personale dell'albergo a cui ho fatto ricorso alla fine via cellulare ) . L'albergo è accogliente, le stanze pulite e la colazione ricca; la sua posizione baricentrica favorisce facili spostamenti in tutto il centro di Ravenna e il costo per una stanza matrimoniale + 1 lettino per la bambina è davvero interessante.

Il giorno successivo ho passato tutta mattina e pomeriggio a letto mentre mia moglie e mia figlia hanno girato tutto il centro di Ravenna ( originariamente era prevista la visita a Fiabilandia, sarà per un prossimo viaggio ) che è davvero molto interessante a livello culturale; la sera essendo sfebbrato e quasi a digiuno da 24 ore abbiamo cenato, su indicazione del personale dell'albergo, presso il Ristorante La Gardela di cui abbiamo apprezzato, chiaramente io in parte, l'ottima cucina casalinga

  • 970 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social