Tour della Sicilia in auto

26 maggio 2006 venerdì Alle ore cinque e trentacinque, con un bel cielo sereno, partiamo per quella che dovrebbe essere la nostra prima meta: la mostra di Antonello da Messina a Roma. Arriviamo alla città verso le nove, ma il ...

  • di graziano
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

26 maggio 2006 venerdì Alle ore cinque e trentacinque, con un bel cielo sereno, partiamo per quella che dovrebbe essere la nostra prima meta: la mostra di Antonello da Messina a Roma.

Arriviamo alla città verso le nove, ma il grande il traffico che si dirige verso la capitale, ci fa cambiare idea e quindi puntiamo decisamente verso Polla che è la sosta intermedia da noi programmata nel nostro viaggio che ci condurrà in Sicilia.

Ci arriviamo verso le quindici; occupiamo il pomeriggio visitando le Grotte di Pertosa che da qui distano cinque chilometri circa: hanno uno sviluppo di tremila metri. Noi facciamo il percorso turistico di un chilometro: il primo tratto è in barca, il rimanente a piedi tra stalattiti e stalagmiti, molto simile ad altre grotte già viste, ma non meno affascinante. Pernottiamo a Polla.

27 maggio 2006 sabato Partiamo alle sei e trenta, direzione Villa San Giovanni. Il cielo è sereno, la temperatura mite; così anche l’attraversamento del Pollino, con scarsissimo traffico: è uno spettacolo! Prima dello stretto, ci fermiamo ad un belvedere e distinguiamo lo scoglio di Scilla con il suo castello. A mezzogiorno, senza problemi, sbarchiamo a Messina. Dopo la sosta pranzo, andiamo a Tindari. Dal Santuario, vediamo distintamente le Eolie; andiamo verso il teatro e le terme romane, ci soffermiamo alla basilica; sono ormai passate le quindici quando programmiamo Arianna per l’ agriturismo.

Facciamo la costa nord fino a Cefalù ed ogni tanto ci soffermiamo ad ammirare paesaggi marini di tanto fascino.

Giungiamo a Villarosa e quindi all’agriturismo, che si chiama Sangiovannello ed è posto in luogo solitario, verso le sette.Interessante cena a base di prodotti locali prima di un meritato riposo.

28 maggio 2006 domenica Sveglia alle sette: il sole illumina la piazzetta davanti alla nostra camera: “la stanza dell’arco”. In programma abbiamo la visita ai mosaici della Villa del Casale di Piazza Armerina che dall’agriturismo dista circa quaranta chilometri. Passiamo vicino al caratteristico borgo di Caltascibetta; proseguiamo e dopo Enna, arriviamo a Piazza Armerina.

La Villa del Casale è situata sei chilometri a sud del paese; tutti i mosaici, famosi nel mondo intero, sono protetti da tettoie di plexiglas e l’altitudine (metri settecento) mitiga solo parzialmente il caldo quasi insopportabile.

Ogni mosaico meriterebbe di fermarsi per tanto tempo; noi lo facciamo per quanto ci è possibile.

Dopo pranzo andiamo ad Enna dove la ventilazione ci rinfresca: percorriamo tutta via Roma alla fine della quale c’è il Duomo e pochi metri più a monte il bel Castello di Lombardia con la Torre di Federico II. Da qui scorgiamo distintamente, nella valle, su uno sperone, la già conosciuta Calascibetta. Tornando verso l’agriturismo, allunghiamo il giro verso Sperlinga che si distingue per un castello edificato su di una roccia al di sopra del paese.

Torniamo alla nostra camera dopo le diciannove.

29 maggio 2006 lunedì Oggi abbiamo in programma un giro dell’Etna da noi elaborato.

In poco più di un’ora arriviamo a Nicolosi; da qui si snoda una strada che, attraverso una colata lavica, giunge fino a quota 1.900 metri dove si trova il Rifugio Sapienza. Una funivia, dal costo piuttosto salato, (euro 24,00 a persona) porta fino a quota 2.500 metri, dove soffia un forte vento e di conseguenza c’è molta polvere.

Da qui si vedono distintamente il cratere centrale dell’Etna che fuma e tutta la piana di Catania fino ad Acireale.Torniamo al rifugio che sono circa le quattordici

  • 28681 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social