Israele e Petra on the road

Viaggio fai da te alla scoperta della spiritualità di Gerusalemme, la natura del Mar Morto e il fascino di Petra

  • di rosaz2
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Partenza da Orio il 12 agosto, prima tappa Gerusalemme a cui arriviamo direttamente dall’aeroporto Ben Gurion con un pullman di linea che ci lascia alla stazione pullman (costo 4€), da lì prendiamo un taxi per una breve corsa fino all’hotel : Seven Arches hotel, proprio in cima alla collina degli Ulivi. Gode di una vista strepitosa, è famoso per essere stato uno dei vari temi della discordia tra Israele e Giordania. Quest'ultima, per costruire l’hotel ha distrutto parte del cimitero israeliano. Il rapporto qualità/ prezzo è buono e c’è anche la possibilità di cenare in hotel con una vista incantevole su Gerusalemme by night.

Nel pomeriggio del primo giorno riusciamo a visitare solo la tomba della Vergine, poco distante dall' hotel.

Il secondo giorno visitiamo il Getsemani e la città vecchia compresi naturalmente il muro del pianto e la Basilicata del sacro sepolcro. Non riusciamo a vedere il tempio della roccia dato che ha orari ridotti e rimandiamo la visita al giorno seguente. Prima di tornare in albergo proviamo in uno dei tanti bar il Shalab, una bevanda tipica di Israele a base di latte e frutta secca: deliziosa.

Il terzo giorno, torniamo a piedi nella città vecchia per visitare il Tempio della roccia e poi in taxi raggiungiamo l'autonoleggio per prendere la macchina che avevamo prenotato.

Lasciamo Gerusalemme con un po’ di malinconia, è una città veramente unica, melting pot di culture religiose.

Con la macchina percorriamo la 1 e la 90 passando in mezzo a deserto e costeggiando il Mar Morto fino alla nostra successiva destinazione Eilat, sul Mar Rosso. Ci fermano solo due posti di blocco senza farci il minimo problema. Eilat è una città di mare molto famosa tra i ragazzi israeliani e in estate la sua popolazione passa da 50mila a 150 mila abitanti, quindi è molto affollata. A noi serviva in realtà come base per visitare Petra non volendo fare la levataccia partendo da Tel Aviv o Gerusalemme.

Decidiamo di non guidare in Giordania e ci affidiamo ad un tour organizzato non certo economico, tra tasse e tour spendiamo circa 300€ a testa, però la visita a Petra nella sua magnificenza lì è valsi proprio tutti!

Dopo due notti a Eilat con visita a Petra torniamo verso nord e ci fermiamo a Ein Gedi, oasi nel deserto. Soggiorniamo all’International hostel, pulito e ben attrezzato. Anche qui è possibile cenare, scelta azzeccata perché a Ein Gedi non ci sono quasi ristoranti. Visitiamo Masada che richiede quanto meno 5 ore... ma vale veramente tutta la fatica della visita. Consiglio le audio guide e vedersi lo speciale di Alberto Angela su Masada prima di visitarla. Facciamo sosta alle terme e naturalmente un bagno nel mare morto. Un’esperienza unica.

Dopo due notti a Ein Gedi partiamo per tornare a Tel Aviv con sosta a Betlemme. Capiamo subito che attraversare la Cisgiordania non sarà facile quando il navigatore non accetta la destinazione sostenendo che si tratta di zone a rischio e che la normativa israeliana vieta di andarci. Rimaniamo un po’ perplessi all’inizio, ma decidiamo di andarci comunque.

I controlli per entrare e uscire sono molto minuziosi e una volta arrivati si ha proprio la sensazione di essere in un altro mondo e per la prima volta in quel viaggio ci sentiamo un po’ inquieti nel guidare. Parcheggiamo vicino alla Basilica della Natività e dopo una visita “caotica” perché l'accesso alla grotta non è ben organizzato, riprendiamo l'auto per la nostra ultima destinazione Tel Aviv. Tel Aviv è una città cosmopolita, i parcheggi sono rari e molto cari, vorremmo restituire l'auto ma il sabato è tutto chiuso, quindi la riporteremo in aeroporto il giorno seguenteSoggiorniamo vicino al movimentato lungomare e ceniamo all’antico porto di Jaffa, veramente pittoresco.

Il giorno seguente ultima passeggiata sul poco affollato lungomare, dato che la domenica è giorno lavorativo, e poi partenza per l'aeroporto.

Questo viaggio on the road alla scoperta di luoghi mistici e affascinanti che avevamo conosciuto solo nei libri di storia, alle lezioni di catechismo o visto nei notiziari, ci ha davvero lasciato un ricordo indelebile.

Shalom Israele

  • 1004 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social