Avventura sulle Isole Lofoten, a nord del Circolo polare artico

Un viaggio on the road, alla scoperta delle isole, immersi nella natura incontaminata della Norvegia settentrionale

  • di Avventura73
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ultimamente sono affascinata dai paesaggi del Nord, per cui ho deciso di fare un viaggio on the road, alla scoperta delle Isole Lofoten, Norvegia del nord, oltre il Circolo polare artico.

Il mio viaggio inizia dall’aeroporto di Monaco, dove prendo l’aereo per Oslo, prima tappa di quest’avventura. La capitale norvegese non la conoscevo, anche se in Norvegia ci ero già stata, facendo tutta la costa fino a Capo Nord. Decido quindi di fermarmi per 3 gg, in modo da conoscere la città. Oslo è una città di media grandezza, conta 650.000 abitanti, per cui è a portata di mano e si gira bene con i mezzi pubblici. Non ho trovato difficoltà a girare a piedi, la criminalità è a livelli molto bassi. Particolare l’architettura moderna dell’Opera house, dove le persone salgono fino al tetto per ammirare il fiordo e bellissimo è il parco Vigeland, un’immensa oasi verde nel cuore della città. Molto interessante il museo delle navi vichinghe, consiglio una visita agli appassionati della storia scandinava e non. Ci sono diverse alternative per andare sulle Isole Lofoten: prendere 2 aerei Oslo-Bodø/Bodø-Svolvaer, prendere un aereo per Bodø e da qui imbarcarmi con il traghetto, oppure prendere l’aereo per Bodø e qui noleggiare l’auto. Decido di prendere 2 aerei e noleggiare l’auto direttamente all’aeroporto di Svolvaer, la capitale delle Lofoten.

La prima parte del soggiorno decido di passarla in una casetta a Krakberget i Bø a Nordland. Mi fermo 4 gg e da qui esploro tutta la parte nord delle isole, da est a ovest. La casetta è di legno, molto carina e tipica della zona, con tutte le comodità ed una bellissima vista sul fiordo, che non scorderò più. In questa zona, i paesi sono molto piccoli e quindi non si trovano ristoranti e negozi con molta facilità, ma i paesaggi sono favolosi. La natura è incontaminata, il mare è trasparente e cristallino con sfumature di verde ed azzurro che nulla hanno da invidiare ai Caraibi. Sapevo che avrei visto dei bei paesaggi, ma mai avrei pensato di trovare spiagge bianche di immensa bellezza. Sono andata fino ad Andenes, il punto più a nord delle Lofoten. E’ una delle città più grandi delle isole e qui c’è la possibilità di fare il whale watching (andare a vedere le balene), ma c’è troppo vento e quindi decido di accantonare l’idea, considerando che ho avuto la fortuna di godermi la vista delle balene, l’anno precedente nella baia di Portland nel Maine. Però faccio una bella passeggiata lungo mare. Sulle isole, c’è sempre vento forte ed è un vento artico, per cui anche se la temperatura è costantemente di 11/12 gradi, quella percepita è decisamente più bassa. E’ una strana sensazione, sapere di essere ad Agosto e vedere le persone con berretti e guanti. La cosa positiva è che il vento tiene lontane le nuvole, per cui posso ammirare la natura in tutto il suo splendore e le sue sfumature, con i colori illuminati dal sole. E’ bellissimo ammirare il fiordo dalle finestre della casetta, nella pace più assoluta, aspettando la notte che non arriva. Infatti, non diventa mai completamente buio, a mezzanotte ci sono ancora i colori del tramonto. Esploro la zona vicino a Krakberget e per caso mi ritrovo a Straumsjøen, dove rimango senza fiato ad ammirare la spiaggia bianca ed il mare con le sfumature turchesi, un posto che rimarrà impresso nella mia memoria. Le strade sono molto panoramiche, da una parte si costeggia la montagna e dall’altra c’è il mare, scenari davvero insoliti e bellissimi

  • 13200 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social