Leggende d'Islanda

La nostra luna di miele inizia il 23 giugno 2008, con partenza da Milano Linate alla volta di Amsterdam. Partiamo con 30° gradi e arriviamo accolti da un vento fresco e da una temperatura di 17°! La “nostra” Costa Atlantica ...

  • di Iaia78
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

La nostra luna di miele inizia il 23 giugno 2008, con partenza da Milano Linate alla volta di Amsterdam. Partiamo con 30° gradi e arriviamo accolti da un vento fresco e da una temperatura di 17°! La “nostra” Costa Atlantica ci aspetta in tutta la sua imponenza, ci imbarchiamo quasi subito e, dopo esserci incantati davanti alla sfavillante bellezza della hall, saliamo in cabina, la 6149 al ponte 6, Amarcord. Ci accoglie il pacchetto benvenuto con champagne e tartine, che ci gustiamo alla faccia degli impiegati che lavorano nel palazzo di vetro di fronte a noi! Alle 17.00 in punto la nave lascia il porto e noi, ben coperti, siamo sul ponte a goderci lo spettacolo, mentre alcuni bambini ci salutano dal molo!

Il primo giorno di navigazione lo dedichiamo ad esplorare la nave e conosciamo tre coppie, anche loro in viaggio di nozze, con le quali condivideremo buona parte della crociera. Avere ovunque il mare, da ogni lato, ascoltare lo sciabordio delle onde di notte e svegliarsi con lo sguardo perso oltre un orizzonte infinito, è pura poesia!

La prima tappa è Hellysilt, dove saliamo sul pullman che ci porterà a scoprire parte dell’entroterra norvegese fino al monte Dalsnibba. Da qui scenderemo verso il fiordo di Geiranger, dove ci aspetterà la nave. (L’escursione scelta è infatti “Da Hellysilt a Geiranger”).

Il paesaggio è un interminabile susseguirsi di vegetazione lussureggiante, di cascate, di monti innevati e di natura incontaminata. Più di una volta abbiamo l’impressione di trovarci all’interno di una cartolina, persino l’aria che respiriamo è diversa, pura e sana! Percorriamo le coste del lago Hornidal, il più profondo d’Europa, passeggiamo per Stryn, un paesino arroccato che durante l’estate si riempie di fiori colorati e dove mio marito assaggia il salame di cervo!

Dopo la pausa pranzo in un ristorante che ci serve ottimo salmone (piatto tipico e quasi odiato alla fine della crociera!), proseguiamo alla volta del monte Dalsnibba. La strada è interrotta da numerosi tunnel, all’uscita di ognuno il paesaggio cambia diventando man mano sempre più spoglio e lunare, fino a quando i nostri occhi sono feriti da un improvviso raggio di sole che si riflette sul lago ghiacciato: uno spettacolo! Il pullman sale velocemente per numerosi tornanti fino alla cima dove ci accoglie una leggera nevicata! Da qui si gode la vista mozzafiato sul fiordo di Geiranger, un’insenatura fra le montagne degna di più di una foto ricordo! Possiamo anche notare e seguire con lo sguardo la strada che, come una serpentina, si snoda fino al paesino. La nostra Costa Atlantica ci aspetta per ripartire: la navigazione per uscire dal fiordo dura ben due ore, durante le quali possiamo ammirare le cascate, fra cui quella delle “Sette Sorelle” che è in assoluto la più spettacolare.

La seconda tappa è Trondheim, dove la nave attracca al porto. Qui non abbiamo preso l’escursione, siamo scesi dalla nave e ci siamo avventurati per le vie della cittadina, caratterizzare da un ordine perfetto persino nel susseguirsi dei colori delle case! Il clima era mite poiché c’era il sole, ma mentre gli abitanti azzardavano le magliette, noi preferivamo felpa e giacca imbottita!

Abbiamo visitato la cattedrale di Nordal, in perfetto stile gotico – romanico, dalle guglie lavorate e dall’immancabile rosone centrale, circondata da un parco verde e fiorito.

La tappa successiva sono state le Isole Lofoten: anche qui ci ha accolti un timido sole ma la temperatura era decisamente più rigida, tanto che abbiamo estratto dai bagagli il mitico piumino.

L’escursione che abbiamo scelto è “Le panoramiche Isole Lofoten”

  • 1780 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico