Koufonissi e Amorgos: le due facce delle piccole Cicladi

Impressioni (di viaggio) e consigli (per i viaggiatori)

  • di chebellavita
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Premetto che le impressioni di Luglio potrebbero non ripetersi ad Agosto. Ciò detto, sinteticamente, la parola d'ordine per i 4 giorni passati a Koufonissi è "semplice". E niente affatto in senso diminutivo. Semplice perché c'è un solo centro principale e porto attorno al quale ruota la vita serale (notturna... ecco... non direi), semplice perché a piedi (al limite in bici) si arriva dove si vuole, semplice perché anche l'imperdibile gita a Kato Koufonissi richiede solo di recarsi al porto e decidere quanto si vuole camminare e a che ora si vuole tornare (occhio all'orario dell'ultima barca).

Tutto scorre tranquillo, i numerosi ristoranti offrono tutti un buon servizio: alcuni con strepitoso rapporto prezzo/qualità (non perdetevi la taverna Mixalios e il chiosco del Suvlaki in paese, per il pesce direi Karnagio). Il mare è incantevole, in particolare a Kato, dove a Luglio è capitato di passare tutta la giornata da soli in spiaggia (basta aver voglia di camminare un po'). Il campeggio libero è ampiamente praticato e soprattutto a Kato può essere una vera esperienza a contatto con la natura. Sempre a Kato c'è una sola taverna e non si pernotta. Le spiagge di Pano non sono male, ma non sono molto ampie e rischiano di essere affollate, salvo Porì che, essendo più lunga, offre più spazio a disposizione. La ricettività è limitata e direi non economica, questo per contro dovrebbe tutelare dal superaffollamento. Insomma, Koufonissi ci è piaciuta ed avrebbe meritato qualche giorno in più. Però forse non è un'isola in cui spendere due settimane e soprattutto chi non ama il mare dopo un po' avrà fatto tutti i giri che si potevano fare.

La parola d'ordine per i 5 giorni passati ad Amorgos è invece "movimentato". L'isola è stretta, lunga e piena di ripidi saliscendi e per girarla occorre un mezzo a motore. Certo ci sono i sentieri da fare a piedi, chi è allenato può optare per la bici, oppure c'è sempre l'opzione mezzi pubblici, ma il classico motorino, almeno 125, (no, per favore il quad no) è la soluzione per girarla bene.

Innanzitutto Amorgos ha più centri: oltre al porto, alla Chora, a Egiali ci sono altri villaggi, quasi tutti arroccati. Ad Amorgos devi muoverti e le cose da fare e da vedere sono sparse. Sul capitolo cibo segnalerei solo Transitoraki alla Chora e Amorgialos ad Egiali. Per il mare, Agia Anna offre un signor spettacolo (quasi solo scogli però, praticamente no spiaggia), mentre ho amato all'infinito nuotare a Muros. Purtroppo ci sono tornato quando ha girato il vento e mi sono ritrovato con il mare nero di alghe e la spiaggia invasa dalle onde; questione di fortuna. Secondo me sopravvalutata l'isoletta di Nikouria: mare bello ma esattamente come l'isola principale. Ma in realtà, in 5 giorni chissà quante cose ci siamo persi. Amorgos è un'isola dove anche chi non ama il mare troverà sempre una gita alternativa da fare. Nota folkroristica: essendo lo scenario del film le grand blue, l'isola è quasi un territorio d'oltremare francese; in particolare frequentatissima da comitive di giovani e giovanissimi transalpini.

Infine, piccola nota a margine sui due giorni passati a Santorini, giusto perché altrimenti non tornano i conti. C'eravamo già stati ed essenzialmente ha funzionato da stopover per il volo. Che dire, l'isola ha un fascino immenso, ma il tipo di turismo, tra crociere che vanno e vengono e frotte di caciaroni vari, ed il mare, non al livello delle altre isole, non fanno per noi.

E comunque, Grecia, Grecia, torneremo

Note logistiche

- Volo MIlano-Santorini con Easyjet. Prenotato per tempo, economico e puntuale. A Santorini siamo andati tranquillamente al porto col bus pubblico risparmiando taxi e navette private; è fuori dal terminal e fa una breve sosta a Fira (se scendete un paio di fermate prima, al crocevia principale dell'isola, fate in tempo a mangiare un boccone o fare un po' di spesa a uno dei vari supermarket, tanto ripassa di la per il porto)

- Spostamenti tra isole. Catamarani veloci SeaJets ed Hellenic Seaways: veloci ma non del tutto puntuali (dipende dal mare), ma soprattutto cari; ci sono costati più del volo. Per gli orari, consultate l'utilissimo https://www.gtp.gr/RoutesForm.asp

- Alloggi: Koufonissi da Michalis little houses: casette piccole ma graziose con tutto quel che serve a pochi minuti dal porto. Michalis è poi una persona sempre disponibile benché discreta. Amorgos studio Damianos a Xilokeratidi (anch'esso a pochi minuti dal porto). Santorini B&B una gita al faro ad Akrotiri. Qui menzione speciale per Claudio, ospite squisito e sempre disponibili. In tutti e tre i casi sono venuti a prenderci al porto, e Claudio ci ha anche portato in aeroporto.

  • 10680 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social