Cicladimania

Una full immersion nell'arcipelago delle Cicladi per un tour itinerante di venti giorni fra le isole regine dell'Egeo. Mykonos, Naxos, Donoussa, Ios, Santorini, Milos, per finire con Atene

  • di dimodriver
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Cicladimania

Ho riflettuto a lungo su come costruire questo viaggio fra le isole Cicladi. Per un certo periodo ci era balenata l'idea di provare una crociera, pur sapendo che non era il nostro genere di vacanza, sarebbe stato il modo più semplice e meno faticoso, che però, ci avrebbe limitati ad un rapidissimo assaggio di solo un paio di isole.

Dopo aver consultato diari di viaggio e guide turistiche, la mia mente era farcita di mete fantastiche. Seleziona, taglia, riduci, ma le isole da non perdere erano sempre troppe. Con una ventina di giorni a disposizione, alla fine ho giudicato irrinunciabili: Mykonos, Naxos, Donoussa, Ios, Santorini e poi dovendo rientrare da Atene, perchè non fermarsi a Milos visto che rimane sulla direttrice?

Sei isole in 18 giorni, sono di certo un pò tantine, ma considerando che con una crociera, saremmo rimasti sulla terraferma solo per una manciata d'ore, potrebbero sembrare fattibili. E poi, mi vorranno scusare i miei amici amanti della Grecia, ma il mondo è tanto grande, la vita così breve e le risorse limitate, che non potremo permetterci di tornare da queste parti un'altra volta, almeno crediamo...

Così, nel giro di un giorno e mezzo, passiamo dai bagnati campi sportivi di Stoccarda, dove nostro figlio Simone di 11 anni partecipava ad un torneo di calcio, alle assolate spiagge di Mykonos, sostando a casa nostra a Firenze, giusto il tempo per cambiare le valige, sbrigare le ultime faccende burocratiche, e...... dimenticare il mio passaporto nella fotocopiatrice......Fortuna che partivamo da Peretola! Sono riuscito a riprenderlo in tempo, ma al check-in mi si è ghiacciato il sangue.....

La circolazione è ripresa regolare non appena l'airbus della Vueling si è alzato in volo, con noi a bordo, alle 19:00 di MARTEDI 1 LUGLIO, e altrettanto puntuale è atterrato a Mykonos, dove con nostro stupore non c'era ad accoglierci, ne il Meltemi, ne lo shuttle dell'Ibiscus villas. Quest'ultimo è arrivato dopo poco, il vento il mattino successivo.

L'Ibiscus, è situato a circa un chilometro e mezzo dal centro. Avevamo prenotato solo due notti e ci hanno sistemato in una delle camere peggiori, onestamente lasciava un pò a desiderare.

Per il giorno seguente, MERCOLEDI 2 LUGLIO, abbiamo noleggiato una pandina, con cui siamo partiti alla scoperta dell'isola. Prima siamo andati a dare una sbirciatina ad alcune delle più famose spiagge, come Super Paradise, Agrari, Kalo Liviadi, Kalafati, tutte bellissime e con acqua stupenda, ma un pò troppo "attrezzate" per i nostri gusti, così abbiamo proseguito fino a Lia, bella come le altre ma un pò più libera da ombrelloni e lettini. Nel pomeriggio siamo scesi al porto di Mykonos, decisi ad acquistare i biglietti per tutti i nostri trasferimenti dei prossimi giorni. Anche la signorina, dell'agenzia, è rimasta allibita quando le elencavo le nostre tappe, e alla fine soddisfatta, ha incassato 603 €.

Per l'ultimo bagno a Mykonos, abbiamo puntato su Agios Sostis, molto carina e anche se a nord, abbastanza riparata dalle onde provocate dal Meltemi. Alla sera ci siamo immersi nell'atmosfera caratteristica dell'isola, girovagando tra le bianche case del paese, in un groviglio di vicoli pieni di colori, di gente e di negozietti carini. Naturalmente abbiamo incontrato il famoso pellicano, che circondato da una piccola folla e da un gatto curioso, era intento a pulirsi le piume. Il tempo di godersi il tramonto dall'altura dei vecchi mulini a vento e siamo a cena da Marko Polo, una delle tante taverne con specialità greche, dove si mangia bene e si spende il giusto

  • 30542 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social