Un viaggio nel nord del Cile, sull'altopiano boliviano e sull'isola di Pasqua

Cile settentrionale, Bolivia meridionale e isola di Pasqua in 23 giorni

  • di puremorning1999
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Oltre 3000 euro
 
Annunci Google

Dal 02 al 25.8.2012 - Eravamo in 3 - Spesa approssimativa, € 3400 cad.

Alcune indicazioni generali prima di passare al racconto delle singole giornate:

1. In termini di sicurezza, dal punto di vista della microcriminalità, i posti che abbiamo visitato ci sono sembrati nel complesso sicuri e non abbiamo mai avuto alcun tipo di problema in merito. Solo a Valparaiso ci hanno allarmato dicendoci di evitare zone non turistiche e di prestare attenzione di sera anche in quelle turistiche. Non sappiamo se i consigli fossero allarmistici o meno, in quanto abbiamo comunque preferito seguirli.

L’attenzione maggiore in questo viaggio in realtà va prestata nei parchi del Norte Grande e nell’altopiano boliviano dove la somma di elevata altitudine, temperature estreme e isolamento a volte totale può essere potenzialmente molto pericolosa.

2. Il periodo da noi scelto è ottimo per l’altopiano boliviano e la zona di San Pedro. In generale comunque abbiamo potuto godere sempre di bel tempo, sebbene le temperature siano state a volte decisamente rigide. L’inizio della primavera australe ci ha permesso, ad ogni modo, almeno i bagni all’Isola di Pasqua.

3. In Cile i prezzi sono sicuramente superiori rispetto agli standard dell’America Latina, ma comunque inferiori a quelli medi occidentali, ad eccezione dell’Isola di Pasqua.

A titolo esemplificativo, una cena in un bel locale in Cile si aggira sui 15/20 €, mentre sull’Isola di Pasqua non meno di 35/40. Stesso discorso per gli hotel.

Mentre è sempre stato facile cambiare gli Euro nelle valute locali, i bancomat sono molto rari nelle zone isolate del Norte Grande.

4. Viaggiare all’interno del Cile e della Bolivia merita un distinguo. Nel Norte Grande è necessaria una 4x4 per visitare i parchi Lauga e Isluga e la zona di San Pedro de Atacama. Per il resto, le strade sono in buono stato. Unica grande difficoltà è stata noleggiare un’auto ad Arica e restituirla a San Pedro de Atacama: alla fine abbiamo dovuto arrenderci ed utilizzare più auto per questo tragitto. Discorso differente per l’altopiano boliviano, dove sono del tutto assenti le strade. Inoltre, considerando che non si può portare in Bolivia un’automobile noleggiata in Cile, la soluzione di gran lunga migliore, se non l’unica, è visitare questa regione con un tour. All’Isola di Pasqua si può indifferentemente noleggiare un’auto o fare dei tours. Abbiamo anche avuto modo di viaggiare con l’aereo (Sky Airlines, Santiago – Arica) e con l’autobus notturno (San Pedro de Atacama – La Serena): entrambi i mezzi sono stati davvero buoni.

5. Acquisto del biglietto aereo. Il prezzo dei biglietti aerei per il Cile è molto elevato nei periodi di alta stagione. Noi abbiamo controllato su numerosi siti web, sia di compagnie aeree che di broker, come Kayak, Edreams e Tripadvisor. Alla fine siamo riusciti a trovare i tre biglietti a € 1227 su Expedia.it all’inizio di aprile (Andata: Milano Malpensa – Madrid – Santiago con Iberia; ottimo perché rapidissimo, con una sola sosta di due ore e mezzo, ma Iberia lascia molto a desiderare. Ritorno: Santiago - San Paolo – Milano Malpensa; anche questo con una sola coincidenza molto breve. TAM è meglio di Iberia). Cosa molto strana, questo prezzo era disponibile solo a tratti, vale a dire in alcuni giorni della settimana, senza alcuna logica apparente e solo su Expedia. Dalla metà di aprile in poi il prezzo dello stesso volo, l’unico che ci poteva permettere di arrivare a Santiago senza lunghi scali, era già salito a € 1500 circa, per poi continuare ad aumentare. Per l’Isola di Pasqua abbiamo preso la LAN, l’unica compagnia aerea che la raggiunge – ottima

Annunci Google
  • 7033 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social