Immersi nella natura del Giglio

Vacanze sull'isola all’insegna della natura e del relax fra splendide calette e borghi medievali

  • di arpi61
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Vista la passione per le isole, io e mio marito “turisti per caso”, per le vacanze di fine agosto 2016 abbiamo scelto l’isola del Giglio. Come sempre con un certo anticipo leggendo qua e la le varie recensioni su internet, si è deciso per il B&B “Albergo da Giovanni”a Giglio Campese. L’albergo sorge su una roccia di granito con un vista spettacolare sulla baia di Campese. Si accede dal retro (parcheggio) con due rampe di scale e si scende sul davanti sulla spiaggia tramite la scalinata scavata nella roccia. Noi avevamo la stanza n. 06 con vista mare, semplice, funzionale, con cambio biancheria ogni 3 giorni. La colazione consumata sulla terrazza a buffet dalle 8 alle 10, fornitissima di brioche, torte, dolcetti biscotti fatti in casa, yogurt, macedonia ecc, ma come sempre, vista la conduzione familiare, basta chiedere a Stefania e ogni richiesta vi verrà soddisfatta. Stefania, da noi contattata, ci ha agevolato nella prenotazione del traghetto con la compagnia Maregiglio, grazie a particolari convezioni con gli albergatori dell’isola. Siamo partiti con l’auto al seguito poiché sul retro del B&B è disponibile un ex campo da calcio adibito a parcheggio (chiaramente a pagamento) anziché lasciarla a Porto Santo Stefano all’Argentario, (comunque sempre a pagamento) da dove ci siamo imbarcati con traversata di 60 minuti. L’auto ci è servita per le sdraie e l’ombrellone visto che abbiamo sempre scelto spiagge libere e per raggiungere i sentieri di accesso a spiagge (Cala dell’Allume, Cala dei Pozzarelli , Punta di Capel Rosso, Cala dello Schizzatoio ) non raggiungibili con i mezzi (bus -TIEMME o imbarcazioni taxi).

Il nome dell’isola, come erroneamente si crede, non deriva dal fiore né dal simbolo di Firenze, bensì dal latino AEGILIUM: isola delle capre. Questa isola fa parte del parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano composto da 7 isole maggiori, Elba, Giglio, Montecristo, Pianosa, Giannutri, Caprara, Gorgona, e altri isolotti minori.

La leggenda dice che Venere nuotando nelle acqua limpide del Mediterraneo, perse 7 perle della collana, che riemersero formando 7 isole e che la catena che le unisce sia il mare.

L’isola del Giglio si suddivide in 3 zone: Giglio Campese, Giglio Porto, Giglio Castello.

GIGLIO CAMPESE

E’ stato il nostro punto di partenza. Baia ampia e bellissima, se il mare è calmo è una piscina, con sabbia grossolana di colore rosso incorniciata dal faraglione da un lato e dalla Torre Medicea dall’altro. Avendo l’esposizione ad ovest consente di godere del sole fino a tarda sera e di ammirare stupendi tramonti sul mare. Scendendo le scale dal nostro B&B si accede a destra alla spiaggia libera, a sinistra a quella attrezzata con lettini ombrelloni e servizio bar. Proseguendo lungo la strada dopo il parcheggio del campo sportivo fino in fondo alla sterrata (c’è un deposito di autobus) si lascia l’auto e si scende lungo il sentiero a Cala dell’Allume. Discesa da farsi sempre con scarpe da ginnastica, acqua muniti e al mattino, 25/30 minuti abbastanza impegnativa. Spiaggia di Sassi poco affollata c'è la possibilità di fare snorkeling. Proseguendo sulla spiaggia di Campese verso il faraglione c’è il sentiero difficoltà media, 35 minuti per arrivare alla Cala dei Pozzarelli. Punto panoramico sui faraglioni e sulla baia di Campese. Merita. A Campese abbiamo cenato in diversi ristoranti, Zio Meino, Trattoria del Golfo, Da Tony. Si equivalgono come rapporto qualità-prezzo, per noi il migliore è stato Da Tony. Buoni i primi e discreta la pizza, con veranda sul mare. Cenare al tramonto è stato molto romantico. In tutta l’isola è comunque consigliata la prenotazione una sera per l’altra altrimenti si rischia di cenare alle 23!

GIGLIO PORTO

Da qui siamo partiti per accedere alle varie calette: Delle Cannelle sabbia bianca finissima, colori del mare stupendi ma molto affollata. La spiaggia la si può raggiungere in auto (parcheggio a pagamento)

  • 8135 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social