Islanda last minute

On the road per l'Islanda a luglio

  • di erikarem
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ho deciso di pubblicare la mia esperienza perché può essere utile ad altri viaggiatori “dell’ultimo minuto”.

Abbiamo deciso di partire per l’Islanda a metà giugno, circa 3 settimane prima della data di partenza.

Contrariamente a quanto consigliato, cioè che per visitare l’Islanda in Luglio bisogna prenotare con largo anticipo, noi abbiamo fatto una vacanza “last minute”.

Per il volo i prezzi erano anche inferiori di quando avevo cercato a gennaio. La compagnia low cost Vueling aveva tariffe da 400euro. Io però ho scelto Lufthansa (preferisco viaggiare senza sorprese) e ho speso 550euro.

Ho prenotato 3 notti dall’Italia tramite booking.com mentre le restanti notti abbiamo trovato in loco. In particolare a Reykjavík e Keflavik non ci sono problemi di disponibilità.

Per la macchina a noleggio ho scelto il sito “Iceland 4x4 car rental”, ho prenotato online 4 gg prima della partenza e avevano ancora ampia disponibilità. Ho scelto la “Dacia duster offroad”. Il 4x4 è essenziale se si desidera uscire dal ring e addentrarsi nell’entroterra..cosa che consiglio caldamente!! Solo percorrendo le F-roads si possono ammirare i paesaggi più emozionanti. Il costo per 6gg con assicurazione “totale”, navigatore e extra guidatore è stato di 920euro. Il giorno della partenza al posto della Ducia Duster ci hanno consegnato una Nissan X-trail, che è sicuramente una macchina di fascia superiore!

Il Viaggio

Ho cercato di non perdere troppo tempo nelle mete più turistiche, in parte perché odio le resse dei pullman, in parte perché l’esperienza mi dice che spesso sono delle fregature.

Avendo 8gg a disposizione ho preferito vedere poco ma vederlo bene piuttosto che macinare km su km in auto, l’Islanda è da vivere, dedicando il giusto tempo a ogni luogo. Secondo me è un errore troppo comune attraversare l’isola in macchina facendo una piccola sosta nelle attrazioni principali. Per scoprire i posti più emozionanti bisogna addentrarsi nell’interno e camminare!

Questo il mio itinerario di viaggio:

Giorno 1 – Arrivo a Keflavik e pernottamento Motel Alex.

Abbiamo dormito in bungalow. Nessuna nota particolare, le solite casine di legno non eccessivamente pulite. Alla reception abbiamo fatto incetta di quei giornaletti pieni zeppi di pubblicità che si sono rivelati molto utili quando abbiamo avuto la necessità di trovare dove dormire.

Giorno 2 – Geysir – Gullfoss - Kerlingarfjoll

Ore 8.00 consegna della macchina e partenza. Oggi tappa di trasferimento abbastanza lunga.

Il tempo è terribile, piove e tira vento. Una costante della nostra vacanza. Gli islandesi ci han detto che non è comune un’estate cosi piovosa e fredda, siamo stati sfortunati!

Il sito geotermico di Geysir vale la visita, spettacolare Strokkur e affascinante la vista dalla collina, purtroppo è invasa dai turisti.

Gullfoss è magnifica, siamo tornati il giorno successivo e fortunatamente non pioveva cosi ho potuto fotografare la cascata con l’arcobaleno!

In serata arriviamo a Kerlingarfjoll. Notevole la strada che percorriamo (la F35 per un buon tratto non asfaltata ma non è eccessivamente difficile). Passiamo la notte in saccopelo nel dormitorio del rifugio. Prezzo salatissimo (33euro a persona). Oppure c’è la possibilità di pernottare in bungalow per soli 330euro a notte!

Esternamente ci sono le docce calde (aperte 2 ore al mattino e due alla sera) e la possibilità di cucinare (visto i prezzi del ristorante è un’opzione che quasi tutti scelgono). Noi eravamo attrezzati con pentole e cibo vario per cercare di risparmiare qualcosa. Una cena scarsa costa non meno di 30-40 euro

  • 10406 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social