Amazing iceland

Finalmente il resoconto del bellissimo viaggio che abbiamo fatto questa estate in Islanda. Questa meta era nella lista dei desideri da un po’ di tempo, ma sinceramente non avevo mai creduto che saremmo davvero riusciti ad andarci davvero (anche per ...

  • di *swan77*
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Finalmente il resoconto del bellissimo viaggio che abbiamo fatto questa estate in Islanda.

Questa meta era nella lista dei desideri da un po’ di tempo, ma sinceramente non avevo mai creduto che saremmo davvero riusciti ad andarci davvero (anche per una questione economica. L’Islanda è in effetti molto cara, ma con qualche accorgimento non ci siamo dissanguati!).

Abbiamo prenotato l’aereo a Gennaio e il totale è stato di circa € 400.= a testa a/r. Abbiamo volato fino a Londra-Stansted con Ryanair e da lì (con un bel po’ di ore di attesa!) abbiamo preso il volo serale della Icelandexpress (la compagnia low cost islandese).

Dopo mesi di studio di mappe, cartine, guida e siti Internet, finalmente il gran giorno è arrivato e alle 8.00 di Sabato 5 Agosto eccoci all’aeroporto di Orio al Serio, con tutti allegramente in canottiera e infradito, mentre noi ci trascinavamo la giacca a vento…chissà dove hanno pensato che andassimo! Sinceramente pensavo che mi sarebbe pesato molto di più lasciare l’estate per avventurarci a nord, ma eravamo così stremati dal caldo che non vedevamo l’ora di stare a temperature meno estreme!

Il volo era previsto per le 10.30 ed è partito puntuale (anzi, avevano annunciato un ritardo che poi non si è verificato). Peccato che fosse un po’ turbolento e che al momento di atterrare a balzelloni abbiamo quasi sfiorato la pista e siamo tornati in cielo…ora, tutto è bene quel che finisce bene, ma l’esperienza non è stata esattamente piacevole…ed è già la seconda volta che ci capita con Ryanair!

Alla fine con il cuore in tumulto (il mio) ce l’abbiamo fatta e la prima tappa del nostro viaggio era raggiunta. Dopo il controllo passaporti (ancora non c’erano le restrizioni dovute all’attentato sventato a Londra) e il recupero dei bagagli abbiamo fatto un giro dentro l’aeroporto e ci siamo preparati spiritualmente a una lunga attesa, infatti il secondo volo era dopo ben 8 ore, anche se hanno aperto il check-in un’ora prima.

La stanchezza cominciava a farsi sentire e non vedevamo l’ora di salire sull’aereo per dormire. Il secondo volo è stato molto calmo e senza sorprese, credo di non aver mai fatto un volo tanto piacevole (e poi eravamo anche un po’ più tranquilli, nessun ritardo, nessuna valigia persa…). Man mano che ci avanzavamo verso nord il cielo diventava sempre più chiaro, una cosa davvero stranissima!

Purtroppo il tempo sopra Reykjavik era pessimo, infatti, nonostante la nostra curiosità, non siamo riusciti a intravedere le coste islandesi fino all’ultimo.

Fuori faceva freddo (circa 10°C), piovigginava e tirava un vento molto forte. Al controllo passaporti ci hanno addirittura parlato in italiano!

All’uscita c’era già il bus che aspettava per portarci in città, abbiamo tentato di fare il biglietto con la macchinetta, ma non funzionava, quindi ce lo siamo fatti dare dall’autista (Kr 3.800.= a/r per due). All’interno dell’aeroporto abbiamo cambiato i soldi, con un tasso di cambio tra i peggiori che abbiamo trovato.

L’autista ha chiesto a tutti la destinazione, in modo da organizzarsi. Arrivati alla stazione dei bus noi due siamo scesi e siamo saliti su un minibus che ci ha portato davanti al Salvation Army Guesthouse (consigliato dalla nostra Lonely Placet, una guida davvero molto utile, anche se questo alloggio non era proprio il massimo).

Ci siamo registrati, abbiamo pagato in anticipo (Kr 8.000.= colazione inclusa) e finalmente siamo saliti in camera, una scatoletta minuscola, ma con wc e lavandino. Dopo la doccia (con acqua che puzzava di zolfo!) ci siamo messi a dormire, a circa 24 ore dall’ultima volta che avevamo visto il letto…non ci sembrava vero!

06 Agosto 2006

Il mattino dopo, con un tempo ancora minaccioso, siamo andati a piedi all’agenzia della Hertz, dove avevamo prenotato via Internet una Yaris per 7 giorni (totale kr 52.521,03, con le assicurazioni aggiuntive)

  • 1327 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,