Un selfie dal lago alla città

Un’amicizia che dura da più di 20 anni, la voglia di evasione, il desiderio di scoprire nuovi posti per un week end alternativo in auto e un cellulare in mano per immortalare ogni istante

  • di Romy Crystal
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

24 luglio

Sveglia ore 9:00, in realtà a Romy tocca tirare su la tapparella perché la sua amica non si svegliava… nelle appartamenti adiacenti c’era un simil trasloco e quindi è stata svegliata dal rumore; discreta colazione, si preparano lo zaino e motori accesi.

Arrivano a Sulzano, costeggiando lo splendido lago con scenari mozzafiato e tappe per selfie, per arrivare all’imbarcadero. Purtroppo essendoci il mercato si dirigono al paese successivo Sale Marasino; con soli 5€ avranno sia l’andata che il ritorno.

Eccole approdare a Monte Isola, la perla del Lago d’Iseo, la più vasta isola lacustre europea, nel 2007 è stata inserita nella lista dei Borghi più belli d’Italia. Loro scenderanno presso il paesino di Carzano molto carino per una piacevolissima passeggiata nei sentieri attrezzati; zaino in spalla, cellulare in mano per selfie a scatti a tutto spiano. È mezzogiorno, da buone italiane decidono di fermarsi per un aperipranzo molto semplice ed economico in un Circolone esattamente di fronte all’imbarcadero; meravigliosa la vista. Proseguiamo la camminata sino ad un parco pubblico attrezzato in riva al lago per prendere il sole, vi è un noleggio kayak e un bar decisamente più moderno rispetto al precedente, un bel gelato e un po’ di sole, leggendo un giornale di gossip e ovviamente Turisti per caso. È davvero un’isola romantica con tanti spunti artistici nascosti, le rive sono rallegrate da giardini, ulivi, fiori e ampi terrazzi coltivati a vite. Ripreso il traghetto ripercorreranno la costa con musica a pala, finestrini abbassati, a passo d’uomo, per godersi a pieno le coste di questo lago al calar del sole.

In serata andranno al ristorante L’Approdo fronte lago nella zona di Paratico. Cozze tarantine freschissime rosse poi uno spaghetto alle vongole bianco senza glutine e uno spaghettino allo scoglio, accompagnate da un vino bianco frizzantino fresco. Cena TOP sulla terrazza godendosi il panorama del Porticciolo con tutte le barche attraccate, il rumore delle onde , temperatura ottimale e in sottofondo l’accompagnamento musicale di un bravissimo pianista.

Il terzo giorno alle ore 8:50 salutano Sarnico in una bellissima giornata di sole, per dirigersi a Bergamo Alta con solo 40 minuti circa di auto. Lungo la strada che percorrono vedono distese di ulivi e pannocchie, le strade sono molto curate rispetto alle lore zone di Milano - Varese.

Lasciano l’auto al primo parcheggio della città alta, ma le nostre amiche consigliano di salire fino alla fine delle mura, perché parcheggi ce ne sono molti, ovviamente tutti a pagamento; loro spendono €1.80 l’ora per un totale di 4 ore massimo. Dal loro parcheggio si son fatte una camminata di 15 minuti tutta in salita, fortunatamente ripagate dal paesaggio di Bergamo sotto i loro occhi. Finalmente entrano nei vicoli, ristorandosi presso il Caffè del Tasso, locale storico dal 1476, in Piazza Vecchia, un concentrato di storia eleganza e raffinatezza. Non mancano delle sane risate, causate dalla “picciofobia” di Romina, bere un caffè con i piedi sopra la sedia, da unicità alla pausa relax. Questa piazza è la più frequentata, con la sua fontana Contarini, il Palazzo della Ragione e la Torre civica, detta il Campanone.

Bergamo Alta è una città medievale, circondata da bastioni eretti nel XVI secolo, per renderla inespugnabile, nei vicoli ci sono molte costruzioni di epoca romana che hanno subito molti numerosi rimaneggiamenti e modifiche nel corso dei secoli ma il fascino elegante di questa città, è rimasto immutato nel tempo. Come loro abitudine, le donzelle si faranno un regalo come souvenir come ricordo di questi 3 giorni, ma particolarità del gesto è il semplice scambio di un identico regalo, quest’anno una borsa. Ste donne moderne!

Lasciano la città alta perché purtroppo scadrà il disco orario. Ultimi infiniti selfie di rito ultimi scatti dall’alto e si rimettono in viaggio per tornare verso casa, per evitare il traffico di Milano. Qualche leggero rallentamento… per non annoiarsi le “Thelma & Luise dei poveri” fanno un saluto in diretta radio dedicandosi una canzone che le ha tenute compagnia in questi tre giorni, “Viva la libertà” di Jovanotti, uno dei tormentoni più ascoltate di questa estate 2018

Cosa si inventeranno per l’anno prossimo le nostre due impavide Elena & Romina? Staremo a “leggere”… di certo in Italia… la nostra bellissima terra tutta da scoprire!

  • 268 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social