Ischia, terme vista mare

Non solo mare… ci sono anche le sorgenti d’acqua sulfurea

  • di Ink
    pubblicato il
 

Terme, paesini caratteristici e bei panorami: è il tris vincente di Ischia, la più grande e la più frequentata delle isole campane. A renderla “speciale”, sin dall’antichità, sono le sorgenti di acqua calda sulfurea che emergono in vari punti dalla superficie e che sono state utilizzate sin dai tempi dei Romani. Le sorgenti e lo scuro e fertile terreno di origine vulcanica testimoniano la storia geologica dell’isola: Ischia è un unico enorme vulcano collassato su se stesso e non più attivo. Ancora oggi, sull’entroterra montagnoso dell’isola, svetta la cima del monte Epomeo, cinta da boschi. Le pendici sono coltivate a vite e alberi da frutta: in passato, Ischia era un’isola contadina oltre che dedita alla pesca. Oggi, a farla da padrone è l’attività turistica, con centinaia di strutture alberghiere, aperte anche in bassa stagione, per il turismo legato alle terme. Nei mesi centrali dell’estate, al turismo termale si aggiunge quello balneare e l’isola si congestiona. I mesi ideali per visitarla, invece, sono giugno e settembre-ottobre, con clima piacevolissimo e senza folla.

UN GIRO DELL’ISOLA

I paesi principali sono sul litorale, collegati tra di loro anche da un comodo servizio di autobus che fa il giro dell’isola. Arrivando in traghetto o aliscafo da Napoli si sbarca sulla costa nord, a Ischia Porto, con tanti alberghi e resort, negozi e boutique, e una sfilata di ristoranti e locali affacciati sulla riva destra del litorale. Una piccola istituzione locale è la pasticceria Calise, aperta sin dagli anni venti, che prepara mitiche sfogliatelle con crema e ottime torte, come quella classica all’ischitana, con noci mandorle e fichi. Nelle vicinanze c’è il vecchio borgo marinaro di Ischia Ponte, con un isolotto roccioso collegato alla terraferma da un piccolo istmo. Sulla sommità dell’isolotto si trova il Castello Aragonese, un complesso fortificato aperto al pubblico. Nell’area del castello, l’ex convento delle clarisse è stato trasformato in hotel. Sulla costa settentrionale si trova anche Casamicciola, con altri centri termali e begli alberghi. Proseguendo verso ovest, si incontra il piccolo borgo di Lacco Ameno, con il litorale dominato dal caratteristico Fungo, un masso di tufo verde scivolato a mare, che veglia a guardia della cittadina. Continuando sulla costa occidentale si raggiunge Forio: in centro, sul lungomare si trova la bianca chiesa del Soccorso, a picco sul blu. Svetta solitario sulla costa sud, infine, il più bel paese dell’isola, il delizioso borgo marinaro di Sant’Angelo: sembra Capri in versione mignon, con i vicoli che sbucano nella piazzetta e il porticciolo. Qui si gira solo a piedi, o in ape-taxi.

UN TUFFO TERMALE

Sull’isola esistono diversi centri termali, oltre alle terme interne ad alcuni hotel di lusso. L’ingresso ai parchi costa caro, ma vale la pena passarci almeno una giornata, perché hanno ambienti molto curati e gradevoli, con le vasche all’aperto inserite in modo armonioso in rigogliosi giardini. Ad esempio, il Parco Termale Tropical, sul borgo di sant’Angelo, con piscine di ogni tipo e trattamenti di fisioterapia, massaggi, cure inalatorie, fango, antistress. Il centro è convenzionato con il Servizio sanitario nazionale (Ssn) per fangoterapie e cure inalatorie. Nella baia di san Montano, c'è il parco termale Negombo: in un rigoglioso giardino botanico sono inserite le piscine, le cascatelle e le grotte di acqua termale. Piscine termali di tutti i tipi e misure, e spiaggia privata si trovano ai Giardini Poseidon, il complesso più grande dell’isola, che scende al mare nella baia di Cotara, vicino Forio

Annunci Google
  • 5396 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social