Irlanda, ma che ansia!

10 giorni fra Dublino, Belfast e Galway, rigorosamente senza auto

  • di letisutpc
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

ORGANIZZAZIONE: voli prenotati 3 mesi prima sul sito Ryanair, soggiorno di 6 notti a Dublino prenotato su AIRBNB, di 3 notti a Galway su Booking.

GUIDE UTILIZZATE: guide Touring e Lonely Planet, pagina Facebook Ireland travel tips per info pratiche, foto e consigli.

INFORMAZIONI UTILI

TRASPORTI: bene il servizio di autobus, DART e LUAS nonché il collegamento ferroviario Dublino-Belfast. Poco puntuali gli autobus a lunga percorrenza es. BusEyreann o Expressway: calcolate sempre dai 20 ai 40/50 minuti di ritardo negli arrivi.

LEAP VISITOR CARD: assolutamente necessaria per spostarsi a Dublino se alloggiate in zone periferiche. Esiste da 1, 3 o 7 giorni, il calcolo delle ore parte dalla prima timbratura. Acquistabile in aeroporto oppure negli uffici turistici di Suffolk street / O’Connell street, la ricarica si può effettuare in qualsiasi esercizio commerciale ove compaia il simbolo verde della rana. Diverse le modalità di obliterazione a seconda dei mezzi di trasporto. La Leap visitor card consente l’accesso anche agli AIRBUS da e per l’aeroporto, non inclusi i bus Hop-on, hop off.

CORRENTE ELETTRICA: 220, con presa a 3 fori, necessario l’adattatore.

ORARIO: - 1 rispetto all’Italia, il sole nel mese di luglio tramonta alle 11 p.m.

GUIDA A SINISTRA: se non guidate l’auto, attenzione comunque agli attraversamenti stradali ed anche a salire/scendere le scale: noi italiani sbagliamo sempre!!!

Bene, esaurite le premesse passiamo a descrivere i nostri 10 giorni un po’ troppo ansiosi in terra d’Irlanda

DAY 1: THE NIGHTMARE

È il primo mattino del 3 luglio quando prendiamo il treno dalla nostra città, Forlì, diretti all’aeroporto di Rimini. E’ l’1.30 a.m. del 4 luglio quando arriviamo davanti alla porta del nostro Airbnb di Rathmines, Dublino. Tutto quello che è successo “in between” è da dimenticare.

Per risparmiare qualcosa avevamo pensato di spezzare il nostro volo d’andata in Irlanda prenotando le singole tratte Rimini-Stansted e Stansted-Dublino: grandissimo errore!

Il nostro volo, invece di partire alle 13.35 come previsto, parte alle 16, impedendoci di prendere il volo Ryanair Stansted-Dublino delle 17.30. Ciò che succede durante le 5 e passa ore che trascorriamo nell’aeroporto londinese è talmente assurdo che adesso ci fa sorridere, sul momento molto meno.

Per prima cosa ci mettiamo in fila al desk reclami di Ryanair dove una hostess simpatica come un pugno nello stomaco ci spiega che il ritardo del nostro volo da Rimini è inferiore alle 2 ore, quindi non verremo re-imbarcati sul volo successivo. Se vogliamo raggiungere Dublino dovremo acquistare un nuovo biglietto. E’ però possibile farlo dall’Ipad del banco informazioni, posto davanti all’uscita. Peccato che al momento della conferma del volo non vengano riconosciute le mie password, me le sono trascritte nel portafogli per non dimenticarle…niente. Fra parentesi il costo della stampa del biglietto è di 5 £ a foglio, vabbè quando si è alle strette non si bada a queste cose, ma è comunque un furto.

Senza speranza torniamo al desk della Ryanair, dove adesso la fila è lunghissima. Acquistiamo i biglietti per il volo di Dublino delle 22.30 e ci mettiamo il cuore in pace. Mangiamo qualcosa poi entriamo nella zona delle partenze ed iniziamo ad aspettare. Aspetta aspetta del nostro volo non si hanno notizie, ormai nella hall di attesa non ci sono tantissime persone, ho il terrore di non riuscire a prendere neanche questo volo e comincio a rompere le scatole ai vicini di posto. Ed è così che conosciamo Hettie, una simpatica signora dublinese che sarà il nostro angelo custode per questo interminabile viaggio

  • 4838 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social