Come credere a gnomi e folletti nel West Ireland

Come scoprire un'Irlanda (occidentale) bella e creativa, nonostante un soggiorno studio: il cielo d'Irlanda non tradisce

  • di mariaedino
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Ho sempre scritto diari di viaggio dettagliati su TPC, in precedenza: questa volta voglio scrivere sensazioni miste, perchè il mio viaggio nel West dell'Irlanda è stato un connubio tra studio al mattino ed esplorazione al pomeriggio, nonché nei week end.

Sono partita da sola da Caselle con un volo perfetto Torino-Amsterdam-Dublino. La puntualità dell'arrivo bagagli mi permette di precipitarmi all'uscita e trovare subito un bus Citylink che mi avrebbe portato a Galway, sede di studio. L'autista si presenta, camiciotto bianco e cravatta nera, abbinato al cappello e con estrema cortesia mi spiega il viaggio e mi consegna un bottiglietta” d'acqua fresca omaggio perchè dice: “Today's hot”. Seduta con molti altri locali e turisti, in mezz'ora si parte e capisco di essere in Irlanda dal verde intenso che vedo dai finestrini, e dal cielo (da cui la canzone) che gioca con le nuvole in contrasto con il paesaggio.

Arrivo dopo due ore e mezza a destinazione, e tramite taxi arrivo nella zona Shantalla, dove vive la signora Anne, la gentilissima lady che mi ospiterà per una settimana. Ci raccontiamo un po' di vita, la cena, immediatamente servita, vede già dell'ottimo agnello con verdure e un budino al rabarbaro.

Con l'intero giorno di viaggio sulle spalle, mi reco nella mia stanza e mi tuffo su un morbido letto, non prima di stupirmi del chiaro del cielo in tarda serata: e' vero, di questo non avevo tenuto conto. Chiaro cielo, sera tardi e presto mattino... Il giorno seguente è il mio primo giorno di scuola, e considerati i 54 anni, sorrido perchè l'emozione è paragonabile al mitico first school day dei 6 anni. L'istituto scelto è accogliente, decisamente positivo, mi sembra di entrare in una scena di PASO ADELANTE: mi mischio tra giovani, moltissimi colorati e provenienti da ogni parte del mondo (48 nazionalità, mi diranno), uomini d'affari giacca e cravatta, insegnanti con mugs bollenti in mano, uomini in infradito, signore eleganti (solitamente italiane) e l'immancabile verso dei gabbiani in cielo, facendomi ricordare che il mare è vicino.

La prima settimana scorre velocemente in una full immersion, lezioni tradizionali e one -to- one, per me insegnante e' come essere in un luna park, ogni cosa è da sapere, ricordare, assaporare, condividere. Nella sera del venerdì arriva mio marito, fornito di auto a noleggio, e qui alla parte didattica si unisce la parte turistica: ogni giorno, al pomeriggio, e nel week end, ci godremo una fetta dei dintorni di Galway, tornando alla sera. I punti seguenti sono cio' che è rimasto in noi.

CONNEMARA

Da Galway si puo' raggiungere facilmente questa bellissima zona selvaggia, resa parco, e rispettata come tale. Si segue letteralmente la costa verso Carma, e ci si reca a Letterfrack, luogo di inizio del parco: noi abbiamo optato per la strada interna senza panorami per raggiungere direttamente Clifden e quindi l'ingresso al parco. “Connemara”... Il nome già riporta a leggende e poesie e il paesaggio non è da meno. E' bello passeggiare lungo il Diamond Ring, suddiviso in 3 livelli di difficoltà e godere del panorama, particolare e nordico: questo è stato il primo reale contatto con la parte selvaggia e piu' vera dell'Irlanda. Tra i tre anelli che vengono proposti- uno leggero, uno medio e uno piu' impegnativo- la scelta cade sul medio, il “Bog”. Bog è la torba, sempre presente. Osservando e camminando , si scoprono vedute notevoli, di fronte ed intorno: distese infinite e un sentiero ben pensato, con assi di legno, anche architettonico nel percorso, e con pietre. Per un buon tre quarti della via, la camminata è stata facilmente fattibile e godibile

  • 8466 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social