Tour irlanda: we like it!

I GIORNO - 11 Aprile 2009 TORINO-DUBLINO-WEXFORD Non volevamo partire proprio a Pasqua, ma alla fine le offerte Ryanair hanno scelto per noi la data. Così sabato mattina io e il mio consorte, nonché solito compagno di viaggi, voliamo verso ...

  • di andryabraxas
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

I GIORNO - 11 Aprile 2009 TORINO-DUBLINO-WEXFORD Non volevamo partire proprio a Pasqua, ma alla fine le offerte Ryanair hanno scelto per noi la data. Così sabato mattina io e il mio consorte, nonché solito compagno di viaggi, voliamo verso l’isola dei trifogli. Primo imprevisto: a Caselle mi si squarcia la valigia, quella di Andry si era rotta poco prima. Poco male. In qualche modo trasciniamo i nostri bagagli fino a Dublino, dove scopriamo il secondo imprevisto: noleggiare un’auto nel week-end di festa sembra essere un’impresa impossibile. Poco male. Attendiamo due orette e finalmente troviamo una macchina disponibile, ad un prezzo non proprio economico. Ma non ci scoraggiamo, risparmieremo su altro e, siccome non vogliamo rinunciare a nessuna tappa della nostra avventura, decidiamo che faremo dei tagli sul budget del cibo. Nel frattempo ci siamo resi conto che abbiamo dimenticato a casa il navigatore. Poco male Una cartina stradale e un pochino di intuito ci basteranno. O, come disse un giorno qualcuno, “guarderemo il sole!”. Anzi, sono quasi contenta di averlo scordato; ci godremo meglio il paesaggio. Mentre attendiamo l’auto facciamo una siesta in aeroporto e un’irlandese un po’ distratta mi rovescia addosso il suo tè bollente. Poco male. Il mio giubbino super impermeabile mi salva da un’ustione di primo grado. Questa vacanza non inizia proprio nel migliore dei modi. Ma l’umore cambia non appena usciamo all’aria aperta. Abbiamo lasciato una Torino uggiosa e coperta alle nostre spalle e sorpresa: troviamo una Dublino serena e soleggiata. “Andry: metti via la cerata!!!” Il paesaggio è stupendo. Da subito notiamo il verde dei prati sormontato da un cielo azzurrissimo, interrotto qua e là da nuvoloni bianchi passeggeri. Lo spettacolo naturale promette bene già da qui. E il cielo lo aiuta. Ok: ora si comincia. Lasciamo l’aeroporto di Dublino alla volta del sud. Destinazione: Wexford. Lungo la strada facciamo una sosta in un tipico bar irlandese, con tanto di camino acceso, nel quale sorseggiamo la nostra prima tazza di “sporcatura”, detta anche caffè lungo, che ci fa entrare subito nell’atmosfera del posto. Tra l’altro a me piace di più di quello italiano. Se mi sentisse mamma Teresa mi scomunicherebbe, in quanto figlia delle Terre Campane e della “tazzulella ‘e cafè”. Arriviamo a Wexford nel tardo pomeriggio e, dopo una passeggiata per le vie del centro e del porto, durante la quale mi si rompe anche la cinghia della borsa a tracolla (poco male: la annodo!), ci sistemiamo in un carinissimo B&B. Consumiamo in stanza la nostra cena risparmio, reduci da un supermarket economico della città e usciamo alla ricerca di un pub per gustarci finalmente la famosa birra irlandese. Den, il simpatico barista, ci aiuta ad aggiustare l’adattatore elettrico, che nel frattempo, incredibile ma vero…si era rotto! Poco male. Andry si improvvisa Mc Giver e con la cartina del pacchetto di sigarette di Den, non so ancora come, lo ripara. Cellulari e macchina fotografica sono salvi per fortuna. Il barista si emoziona e, non ci posso credere: ci offre due Guinness! Evvai, stasera si beve gratis. (n.d.r. Ma quanto sono gentili gli irlandesi?! Cordiali e carini con i turisti. Un applauso. E un applauso anche al mio uomo, che col sorriso ottiene sempre tutto. Se lo merita). La serata si conclude con un 2-1. Ok, ha vinto lui, però questa sfida a biliardo se l’è dovuta sudare. È stata una prima giornata all’insegna degli imprevisti e delle sorprese. Sicuramente un inizio scoppiettante, me gusta…anzi: I LIKE IT!!!

II GIORNO - 12 Aprile 2009 (Domenica di Pasqua) WEXFORD-KILMORE QUAY-HOOK PENINSULA-KINSALE Notte insonne. Il caffè lungo ha fatto effetto, non ci sono abituata. Auguri! Oggi è Pasqua. Dopo un’abbondante colazione irlandese (troppo abbondante, per noi vale anche da pranzo), partiamo alla scoperta della costa sud. La prima tappa è Kilmore Quay, un piccolo paesino di pescatori con spiagge e case particolari dal caratteristico tetto di paglia. Poi ci dirigiamo verso la Hook Peninsula, passando per le rovine della Tirten Abbey, nascoste tra ruscelli e boschetti. Poco più giù arriviamo all’Hook Head Lighthouse, un faro con una vista spettacolare, affacciato sulle scogliere e sul mare in tempesta. Si riparte per Kinsale, il paesello con le case colorate, nel quale pernotteremo. Per raggiungerlo continuiamo il tour della costa sud, passando per “grandi” città come Waterford e Cork, piuttosto trafficate, nelle quali decidiamo di non fermarci. Kinsale è carina, forse un tantino turistica e affollata, ma piena di B&B e ristoranti. Pare sia anche la meta culinaria del paese, noi però assaggiamo solo un internazionalissimo hamburger, mhmmm…

III GIORNO - 13 Aprile 2009 (Lunedì di Pasquetta) KINSALE-KENMARE-KILLARNEY Dopo una colazione a base di muffin e due chiacchiere con tre simpatici milanesi, che ci fanno sentire un po’ a casa, lasciamo Kinsale e ci dirigiamo verso nord-ovest. Passando per Kenmare, imbocchiamo la N76, una strada panoramica, che attraversa il National Park of Killarney. La scelta del percorso è azzeccatissima, ne vale proprio la pena. Si passa per punti panoramici pazzeschi, come la Ladies Wiew, che si affaccia su un lago. Qui il paesaggio inizia a cambiare: le distese verdi di prato lasciano il posto a scure montagne punteggiate da azzurri ruscelli e cascate. Anche i cartelli stradali sono differenti: il “pericolo, attraversamento ovino” si è trasformato in “pericolo, attraversamento capriolo”! Lungo la strada lasciamo l’auto all’inizio di un sentiero, che porta alla Torc Waterfall. Il tragitto per la cascata dovrebbe durare poco più di 30 minuti, ma noi deviamo anche per il National Park e allunghiamo la nostra camminata. Qui si possono noleggiare biciclette o calessi trainati da pony. Noi proseguiamo a piedi. I giardini fioriti sono coloratissimi. Posto assolutamente da vedere. Dopo due ore e mezza torniamo alla macchina e raggiungiamo Killarney, dove finalmente ci decidiamo a mangiare come si deve. Il salmone affumicato del Murphi’s è spettacolare. Peter e la sua famiglia ci ospitano nel loro accogliente B&B, come al solito sono gentili, ormai non ci stupisce più la cordialità di questo popolo.

IV GIORNO - 14 Aprile 2009 KILLARNEY-KLIFFS OF MOHER-DOOLIN I tre figli paciocconi e lentigginosi di Peter sono simpatici, certo, però che pestiferi. Il mattino presto ci svegliano con le loro urla, è ora di alzarsi. Dopo la colazione preparata dalla mamma di famiglia, si parte per le famose Cliffs of Moher. Per raggiungerle scegliamo la strada più breve, che scopriamo essere anche la più cara. Il traghetto che attraversa l’estuario del fiume Shannon e congiunge Tarbet con Killimer ci costa ben 18 euro, per niente economico, ma ormai siamo su, proveremo anche questa esperienza. Lungo la costa attraversiamo in macchina delle baie affascinanti con spiagge affollate di surfisti, come Spanish Point e Lahinch. Proseguiamo per qualche chilometro e finalmente eccole. Le scogliere di Moher sono assolutamente da vedere, forse lo scenario più bello d’Irlanda. Una vista mozzafiato. Rocce di 180 metri a strapiombo sul mare in tempesta, che paura. Io tanta, Andry un po’ meno. Infatti lui si avventura sul sentiero privo di protezione, io lo aspetto al sicuro e per qualche ora ci perdiamo di vista. Forse è destino. Questo è uno spettacolo da godere in solitudine, perdendo lo sguardo verso il nulla all’orizzonte. Attenzione: il percorso è gratuito! Si paga solo per la mostra, ma non ne vale proprio la pena. Verso sera raggiungiamo la piccolissima Doolin, dove nel famoso O’Connor pub abbiamo modo di ascoltare dal vivo la musica tradizionale irlandese e di gustare il Fish&Chips: very good!

V GIORNO - 15 Aprile 2009 DOOLIN-BURREN-KILBEGGAN Lasciamo volentieri il poco accogliente ostello di Doolin e ci addentriamo nel National Park of Burren. Tutti lo descrivono come un affascinante spettacolo lunare. Noi ci mettiamo un po’ a cogliere il fascino di questa distesa desolata di pietre calcaree. Sarà per il tempo (per la prima volta da quando siamo in Irlanda il cielo è completamente grigio), sarà perché ci perdiamo più volte tra le stradine isolate, ma inizialmente il Burren ci delude. Poi torniamo ad orientarci. Cominciamo a sentire l’inebriante profumo che c’è nell’aria e notiamo i fiorellini colorati che stanno sbocciando qua e là tra le rocce. Incrociamo pascoli di mucche e cavalli e questi incontri ravvicinati ci fanno tornare il sorriso. Anche il Burren inizia a piacerci. Anzi: WE LIKE IT! Visitiamo la profumeria più antica del Paese, dove Andry cerca di ritrovare la fragranza che continua a sniffare nell’aria. Forse la trova, o forse è solo convinto di averla trovata; non importa. “The man of Aran” rimarrà per lui un ricordo dei profumi d’Irlanda. Lasciata la profumeria (che per motivi a me ancora sconosciuti abbiamo visitato per ben due volte!), incrociamo finalmente il Poulnabrone Dolmen, vecchio 4.000-4.500 anni. Niente di eccezionale. Sinceramente ce lo aspettavamo più imponente. Ma forse dopo le Cliffs of Moher ogni spettacolo ci sembrerà deludente. Comunque è da vedere. Gli altri siti, come il Forte e le Alliwee Cave, sono a pagamento. Quindi valutiamo che è giunto il momento di lasciare il Burren. Ci dirigiamo verso Kilbeggan, nel centro dell’Irlanda. L’intenzione è quella di visitare l’antica distilleria di Whiskey Locke’s, ma sono già le 17, forse non faremo in tempo. Invece ci riusciamo per un pelo, fiu. Il museo chiude alle 18 e ci dicono che per visitarlo un’ora è più che sufficiente. In effetti è così. La fabbrica non è più in funzione, ma conserva quasi intatta la struttura originale ed è possibile scoprire tutte le fasi di lavorazione della famosa bevanda irlandese. Carina. Una meta simpatica per gli amanti del Whiskey. Ovviamente la visita si conclude con un assaggino (uno solo Andry…furbacchione!). A Kilbeggan troviamo un B&B tranquillo e molto confortevole. Concludiamo la giornata con l’ennesimo 2-1. Decido che è meglio smettere di giocare a biliardo, perdo sempre per un pelo

  • 1332 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico