Quattro giorni a Dublino per vedere il rugby

Viaggio del 01/04 febbraio 2008 in occasione di Irlanda-Italia Siamo partiti in sette da Padova per visitare Dublino in occasione della partita di rugby con la nazionale irlandese. Volo da Venezia con Aer Lingus (puntualissimo; gli snacks a bordo sono ...

  • di gabryn
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Viaggio del 01/04 febbraio 2008 in occasione di Irlanda-Italia

Siamo partiti in sette da Padova per visitare Dublino in occasione della partita di rugby con la nazionale irlandese.

Volo da Venezia con Aer Lingus (puntualissimo; gli snacks a bordo sono a pagamento).

Arrivati all’aeroporto di Dublino alle ore 22.40, abbiamo preso un autobus per il centro (ci sono principalmente due linee di bus: Airlink ed Aircoach; biglietto anche a bordo prezzo 6-7 euro; fermate a O’Connel Str. E per Aircoach anche al Trinity College; circa 15 minuti di strada).

Arrivo al Morgan Hotel; la posizione è eccezionale, in Fleet Street–Temple Bar; le camere però non sono state tutte rinnovate e c’è parecchio rumore di notte, sia per il bar al piano terra che per la strada.

Al mattino, dopo una buona colazione siamo andati al Trinity College. L’entrata nel cortile è libera (belli l’ingresso monumentale e la statua di Lecky), invece per la vecchia biblioteca con il Book of Kells (un vangelo dell’anno 800 c.a., di cui vengono mostrate ogni giorno due delle 680 pagine complessive) e la Long Room, una sala monumentale di legno lunga 70 m. E con 200.000 volumi antichi ed i busti dei relativi autori è a pagamento (€.8,00; orario 9,30-17,00; domenica orario ridotto), ma ne vale senza dubbio la pena. Dopo un rapido passaggio al Dublin Tourism Office in Sufflok str. (all’interno di una chiesa sconsacrata) per procurarci piante ed informazioni sui tour guidati, abbiamo visto il Dublin Castle, la City Hall (Parlamento), la Christ Church (visitata solo all’esterno) e la Cattedrale di S.Patrick (ingresso €.5,50). L’interno in stile gotico racchiude parecchie testimonianze della storia d’Irlanda, cominciando dal vescovo S.Patrizio, per passare a varie personalità di rilievo (ci sono anche la tomba e la maschera mortuaria di J.Swift, scrittore e Decano della cattedrale), episodi storici e ad un ricordo dei reggimenti inglesi che si sono fatti onore in varie battaglie. A lato della cattedrale vi è un bel parco.

Dopodichè, gli uomini si sono diretti al Croke park (15 minuti a piedi da O’Connel Str.) per vedere la partita di rugby Italia-Irlanda che inaugurava il Torneo 6 nazioni (uno spettacolo i tifosi irlandesi, allegri e variopinti in perfetto spirito sportivo), noi donne siamo tornate verso il Trinity College e siamo andate a visitare prima la National Gallery (Clare Str.-ingresso libero- aperta tutti i giorni), che raccoglie circa 11.000 dipinti, tra cui al II° piano pregevoli opere di Tiziano, Caravaggio, Vermeer, Rubens, Goya, un Van Gogh ed un Picasso; poi, dopo uno spuntino, siamo andate al Museo Archeologico (Kildare Str.; ingresso libero; chiuso il lunedì) che racchiude una pregevole collezione di oggetti d’oro dell’età del bronzo, alcuni pezzi famosi di arte celtica (tra cui il calice di Ardagh e la spilla di Tara) ed un interessante ritrovamento di “bog body” (resti di sacrifici umani per cerimoniali di regalità), al piano superiore, Irlanda vichinga e medievale e qualche reperto egizio. Alla sera, recuperati i rugbisti, siamo andati a cena in un pub in Temple Bar (Quay’s Pub; piatti tipici irlandesi: stufato, irish steak; circa 30 €. A persona; attenzione al costo del pane-11 €. A porzione; 10% servizio). Dopo una birra in un pub, a letto.

Il mattino dopo, abbiamo fatto un tour della Costa Nord e Castello di Malahide (durata 3 ore; costo €.22,00 a persona compreso ingresso nel Castello; partenza ogni giorno alle ore 10 e alle 14,00 dall’Ufficio Turistico Dublin Bus in 59 Upper O’Connel Str.) che è stato molto piacevole nonostante il tempo terribile con pioggia e vento, grazie all’autista-guida Daniel che ci ha intrattenuto per tutto il Tour con racconti e canzoni tipiche e che ci ha regalato una gita davvero indimenticabile, Il giro prevede la visita del castello di Malahide, del 12° secolo (con tanto di psettro di nome Puck), appartenuto per quasi 800 ani alla famiglia Talbot e molto ben conservato, e un Tour della Costa attraverso il pittoresco paesino di Howth e la Baia di Dublino

  • 986 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico