Unexpected eire

L’Isola di Smeraldo è una terra fantastica, ma non mi soffermerò a raccontare le meraviglie che un viaggio in Irlanda può offrire. Chi parte per l’Irlanda infatti si aspetta già paesaggi da fiaba, cieli mutevoli, scogliere su mari in burrasca ...

  • di stramarta
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

L’Isola di Smeraldo è una terra fantastica, ma non mi soffermerò a raccontare le meraviglie che un viaggio in Irlanda può offrire. Chi parte per l’Irlanda infatti si aspetta già paesaggi da fiaba, cieli mutevoli, scogliere su mari in burrasca e gran parte delle 30 tonalità di verde sulle quali brucano le pecore.

Vorrei parlare invece di quello che ho incontrato in Irlanda e solo in Irlanda, di quelle particolari situazioni che ogni Paese può offrire e che lo rendono unico. Di quelle immagini alle quali spesso non si fa caso, ma che al rientro del viaggio in momenti improbabili hanno attraversato la mia mente sotto forma di ricordi.

In altre parole vorrei parlare dell’ INASPETTATO:

Un anziano signore dal viso cordiale che al pub fa sedere due giovani sconosciuti al suo tavolo, mentre attende sua moglie con le buste dello shopping;

Un cartello stradale che indica di fare attenzione all’attraversamento folletti;

Un autista irlandese ma dal senso dell’umorismo alquanto “british”;

Una simpatica commessa di Galway che vuole imparare l’italiano dai suoi coinquilini, ma finora le hanno insegnato solo la parola “str__zo”;

Un noiosissimo professore di chimica convinto che le donne “avvincano” gli uomini nelle spire delle loro lunghe chiome con lo scopo di vincere partite a carte;

Giovani ragazze per le vie di Dublino vestite da conigliette, per festeggiare un’amica futura sposa;

Un bambino dai capelli rossi, che usa la sua tavola da surf per raccogliere dalla spiaggia una medusa;

Una persona speciale.

  • 431 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave