Iran on the road

Viaggio artistico-culturale da Teheran a Shiraz in autobus, passando per le principali città

  • di Dalbi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Spese di viaggio più importanti prima di partire:

Volo A/R Venezia-Teheran: circa 300 €

Volo interno Shiraz-Teheran: circa 50€

VISA: 75$

Assicurazione sanitaria 28 € (si può fare all’arrivo in aeroporto e si spende meno: 16-20$)

(ricordare la conversione 10 Riyal o Rial = 1 Toman)

Giorno 1

Abbiamo viaggiato di notte da Venezia, facendo scalo a Istanbul. La VISA (75$) si può fare direttamente in aeroporto, contando di perdere circa 1h e 30 a causa della coda onnipresente e dei controlli. Fuori dall’aeroporto si può prendere il taxi fino a Teheran, al costo di circa 20$, perché la metro fino all’aeroporto non è ancora funzionante.

Nell’attesa di un taxi disponibile sono venuti ad accoglierci alcuni ragazzi offrendo del pane tipico (impossibile rifiutare!) buonissimo. Questa resterà una costante nel viaggio: dovunque andassimo la gente ci offriva biscottini, ci sorrideva, ci invitava a casa per cena, cosa che per noi sembrava quasi incredibile e che ci è rimasta nel cuore come il ricordo più bello dell’Iran. La prima notte abbiamo alloggiato all’Iran Cozy Hostel, un ostello gradevole soprattutto per la gentilezza dei proprietari e per la possibilità di incontrare gente da ogni parte del mondo e pronta a scambiare notizie e curiosità.

Appena arrivati dall’aeroporto abbiamo solo appoggiato i bagagli perché non era ancora il momento del check-in e ci siamo diretti in centro. La metro presenta ancora la suddivisione maschi-femmine ma non è un problema andare insieme, specie per gli stranieri. Nessuno verrà a multarvi se lo fate! Io e la mia ragazza l’abbiamo capito grazie ad Abbas, che abbiamo incontrato proprio mentre ci preoccupavamo di dover andare in una carrozza diverse. Abbas è un ingegnere che sta conseguendo il PHD in Italia: una volta riconosciutici come italiani, siamo diventati suoi ospiti e, pur avendo degli impegni quel giorno, ha trovato il tempo per accompagnarci in giro per il bazar e offrirci un pranzetto prelibato in un ristorantino lì vicino. Il bazar di Teheran è molto bello e merita una visita.

Per la metro si spendono 15 000 Rial per un biglietto, ma le tessere per più tratte consentono di risparmiare.

Dopo il pranzo abbiamo visitato il Golestan palace, a nostro parere non molto bello comparato con i palazzi che abbiamo visto nelle città successive: ci sono più attrattive all’interno e diversi biglietti per vederle. Il prezzo risulta elevato se si vuole vedere tutto e non tutte le parti meritano (380 000 Rial).

Stanchissimi dopo la notte insonne abbiamo poi fatto ritorno all’Iran Cozy Hostel (20$ a notte), ci siamo riposati e lì abbiamo fatto conoscenza con una coppia egiziano-croata. Insieme ai proprietari abbiamo fatto merenda con the e biscotti ai datteri offerti da loro.

Giorno 2

Abbiamo fatto colazione in ostello con uova, pane, formaggio e marmellata di arance e carote fatta in casa (buonissima!). Poi abbiamo passeggiato per la città e ci siamo diretti a Park e Shahr, sostando per pranzo nel ristorante iraniano del parco (250 000 Rial).

Abbiamo visitato poi il museo dei gioielli, situato in un bunker di una banca, con un sacco di coda e controlli. Secondo noi si può dedicare il tempo ad attrazioni più interessanti, ma per gli appassionati dell’oreficeria sarà sicuramente da non perdere (200 000 Rial a testa).

Poi abbiamo preso il bus per Kashan (180 000 Rial), dalla stazione degli autobus centrale. I bus hanno posti ampi e confortevoli e offrono snack a bordo: sono ottimi per gli spostamenti lunghi in Iran

  • 803 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social