Iran classico in 12 giorni

Un bel viaggio tra moschee, giardini, dimore storiche e deserto

  • di silvju
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Considerazione generale.

Possiamo dire che l'Iran è un paese sicuro e pulito. A parte il volo interno per Shiraz ci siamo mossi sempre con VIP-bus, molto comodi ed economici. Nelle città abbiamo usato i taxi che costano 100-150.000 rial (3-4 dollari). Spese extra un po' più cospicue sono state le gite in taxi di un'intera giornata, la guida a Persepoli e la somma di tutte le entrate a musei, case padronali, giardini, mausolei e siti archeologici. Abbiamo portato 2.000 dollari per 12 giorni e sono bastati abbondantemente, escluso i volo. Consigliamo di cambiare ogni volta che si è in prossimità di un ufficio di cambio perché è leggermente più vantaggioso che negli alberghi o negozi. Noi abbiamo cambiato un dollaro per 3.750 toman/37.500 rial. Si mangia in media con 5 dollari, una bottiglietta d'acqua costa 15 centesimi di dollaro. Il punto debole di tutto il viaggio è stato il cibo, difficile trovare buoni ristoranti, menù sempre uguali. A pranzo abbiamo mangiato spesso panini con felafel. Il punto forte è stata la cordialità e disponibilità nonché la correttezza della gente che esprime sempre gratitudine per aver visitato il loro paese. I giovani desiderano spesso intervistarvi o fare una foto con voi. L'inglese non è molto diffuso. La temperatura è stata sempre intorno ai 35/40 gradi, ma non ci ha dato molto fastidio in quanto il tasso di umidità è molto basso.

1° giorno

Atterriamo a Teheran con volo Austria Airlines alle ore 17:00 locali. Taxi a tariffa fissa da aeroporto internazionale Khomeini per Tehran a 75.000 toman (750.000 rial, 22 dollari circa). Lungo la strada si vede sulla destra il santuario di Khomeini. Albergo Parsi (Kimyia Apartement) presso la piazza Enghelab, livello medio, rapporto qualità prezzo medio-basso. Camera grande con 4 letti a disposizione, 100 euro a notte, prenotata dall'Italia tramite Iranian Sebt Tour. Colazione modesta. Al pomeriggio, sul tardi, prendiamo la metropolitana a piazza Enghelab dopo aver scaricato la mappa delle linee da internet e ci rechiamo a Tayrish, capolinea nord della linea 1/rossa e da lì con un taxi a Darband, paesino di montagna, pieno di ristoranti eleganti, terrazze, piante e fontane. Bello e fresco. Mangiamo spiedino di pollo e riso con zafferano. Rientrare con taxi costa 50.000 tomai.

2° giorno

Con la metropolitana da Enghelab alla fermata Panzdah per un giro al Bazar centrale e moschea Khomeini, poi sosta al parco E-Shahr e dopo aver mangiato dei felafel ad una rosticceria di strada visitiamo il complesso dei palazzi del Golestan. Poi veloci con un taxi, altrimenti alle 16:30 chiude, a vedere il caveau della banca dove sono custoditi i gioielli dello shah. Tutto molto bello e interessante. Sera a cena da Koohne, un locale trendy, raggiunto con metropolitana fino a Shahid Aghani, da li si attraversa il parco in salita e si discende verso l'avveniristico Tabiat Bridge, grande attrattiva per i locali e altamente spettacolare Al termine del ponte è sufficiente andare a destra pochi minuti e ti trovi in una piazza, li è il ristorante che ha anche una terrazza. Si mangia in modo originale, in prevalenza veggie, un po' caro. Rientro in taxi per 30.000 tomai.

3° giorno

Visita al museo del cinema, vale la pena anche per la location in una bella villa del periodo qajaro con 2 bei caffè e librerie. Per arrivarci prendiamo la metro, linea rossa fino a Tayrish e poi 30 minuti a piedi con Me-map. Interessante l'urbanistica di questo quartiere alto-borghese. Rientro con taxi (30.000 toman). Nel pomeriggio volo interno per Shiraz acquistato tramite Iranian Sebt Tour. Per l'aeroporto nazionale Mehrabad prendiamo un taxi (25.000 toman) ma c'è anche la metro fino al terminal. A Shiraz soggiorniamo al Parseh International Hotel con buone camere e buona colazione vicino alla cittadella fortificata. Da lì prima ricognizione al Vakil-Bazar.

4° giorno

Partenza ore 8:00 per Persepoli accompagnati dalla guida MItra che parla italiano (+ 98 917 912 2731) e dall'autista dell'albergo. Il sito si raggiunge in 1h., conviene munirsi di acqua e cappello. Molto interessanti, a tratti impressionanti i bassorilievi. Da lì proseguiamo ancora 80 km per Pasargade attraversando un altipiano di verdi risaie e montagne imponenti. A Pasargade la tomba di Ciro il grande è molto suggestiva. L'ultimo sito che visitiamo è la necropoli con le maestose tombe nella roccia di Dario I e II, Serse e Artaserse. MItra ci porta a pranzare in un bel locale con alberi, veranda e vasca con fontana. Rientriamo a Shiraz e, dopo esserci riposati in hotel, visitiamo l'Hammam, la parte nord del Bazar e la parte sud fino al Caravanserraglio. Interessante la visita al mausoleo del poeta Hafez, venerato da tutti gli iraniani. Cena con panino e buoni felafel davanti all'albergo

  • 666 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social