Tre settimane in Iran: informazioni pratiche

Le dritte per organizzare un viaggio fai da te

  • di mnasi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Questo non è un diario di viaggio, ma un elenco di informazioni che possono essere utili per organizzare un viaggio in Iran in autonomia. Per noi è stato un viaggio splendido, più facile del previsto, nonostante in agosto sia davvero caldo!

Prima di partire:

- Visto: è obbligatorio. Si va a Milano all'ambasciata, zona piazzale Lotto. Occorre avere già l'indirizzo del posto in cui si dorme la prima notte e l'assicurazione viaggio. Bisogna recarsi di persona per lasciare le impronte digitali di tutte e 10 le dita.

- Assicurazione: noi abbiamo fatto Viaggi Sicuri.

- Moneta: noi abbiamo portato dollari, perché sono più facili da cambiare. In Iran le nostre carte di credito e bancomat non funzionano, quindi bisogna pagare tutto in contanti. Noi siamo partiti con 3000 dollari in 2 e ci sono avanzati.

- Cambio: il cambio era 3100 per 1 dollaro e 4200 per 1 euro. In aeroporto il cambio non conviene, ma poiché occorrono soldi per il taxi, vale la pena cambiare il minimo. A Teheran c’è una via con quasi solo posti di cambio valuta, si chiama Ferdowsi Avenue. Loro contano i soldi in Rial o Toman: sono la stessa cosa, solo che 1 Rial vale 10 Toman.

- Vaccinazioni: nessuna.

- Periodo dell'anno: noi siamo andati in agosto, che è uno dei mesi più caldi. Sicuramente è meglio andare in primavera, quando la temperatura è più bassa e i giardini sono tutti fioriti, ma se avete ferie solo in estate, non fatevi scoraggiare, ne vale la pena lo stesso!

- Guida: siamo partiti con la Lonely Planet, discreta. Molto più utile è stato un diario di viaggio trovato qui, che consiglio di leggere: http://turistipercaso.it/iran/71737/iran-una-meta-per-tutti.html

- Volo: abbiamo volato con la Turkish, aerei comodi, cibo ok. Occorre fare attenzione perché molte combinazioni di voli hanno lo scalo a Istanbul, ma occorre cambiare aeroporto! Noi abbiamo optato per la soluzione dallo stesso aeroporto. Altri turisti che abbiamo incontrato hanno volato con la Pegasus.

- Prenotazioni: abbiamo prenotato solo l'albergo a Tehran, per poterlo comunicare per il visto. Una volta là abbiamo contattato Iran Sebt Tour, dove c'è una persona che parla italiano e che ci ha prenotato alcuni alberghi. Li abbiamo pagari facendo un bonifico su una banca italiana e così abbiamo risparmiato un po' di contanti. Agosto è comunque bassa stagione, quindi non abbiamo mai avuto problemi; può succedere però che alcune strutture siano chiuse.

Lingua: si riesce a parlare inglese in alberghi, ristoranti, con i giovani. Noi avevamo anche un piccolo dizionario persiano di Edizioni Vallardi, utile. In ogni caso tutte le persone si prodigano per farsi capire, o per aiutare i turisti.

Una volta in Iran...

- Telefono: abbiamo preso una scheda subito in aeroporto per usare il telefono in Iran (chiamate a casa, alberghi...). E' una soluzione comoda. Portatevi un telefono non con la mini sim.

- Mezzi di trasporto: ci siamo mossi sempre in pullman VIP (significa che hanno l'aria condizionata, ad agosto è una questione di sopravvivenza). Sono molto economici, comodi e direi puntuali. E' anche un modo per conoscere delle persone. A bordo danno anche qualche snack. Noi li abbiamo sempre prenotati il giorno prima tramite l'albergo.

- Taxi: sono molto economici, non si contratta a lungo, più o meno il prezzo è quello. Esistono anche dei taxi collettivi, in cui si dividono pezzi di corsa con persone che vanno nella tessa direzione. Non sono facili da capire per i turisti, ma se qualche iraniano ve lo propone, vale la pena accettare perché è super economico.

- Cibo: nessun problema con la cucina. C'è una buona varietà di carne, frutta, verdura. Noi abbiamo sempre mangiato la verdura senza nessun problema. Hanno molti dessert, pasticcini, gelati e dissetanti succhi di frutta (buonissimo il cocomero). Il pane è molto buono

- Escursioni: abbiamo prenotato tutto in loco. Per visitare Persepolis ci siamo appoggiati all'agenzia che segnala la Lonely: sono efficienti e economici. Per la gita nel deserto partendo da Kerman abbiamo usato una guest house sempre consigliata dalla Lonely.

Hotel e ristoranti: ho creato una mappa in cui ho segnato tutti gli spostamenti delle 3 settimane, con ristoranti e alberghi. Per chi volesse anche questi suggerimenti la trova qui: http://maurizionasi.it/elenco-di-idee-che-ho-cambiato-in-iran/

In sintesi il nostro viaggio ha seguito queste tappe: Milano - Istanbul - Tehran - Kashan - Isfahan - Yazd - Zein-o-Din - Kerman - Deserto Kalut - Shiraz - Persepolis - Tehran - Istanbul - Milano.

  • 14520 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social