Liverpool, Belfast e Dublino in solitaria

Viaggio tra Inghilterra e Irlanda all'insegna di pinte di birra, Beatles e nuove amicizie

  • di Fabius90
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Sei matto da solo? Questa è la domanda che ho sentito maggiormente quando dicevo di andare in vacanza da solo. Sì, da solo. Non che non mi piaccia la compagnia, anzi, ma tutti i miei amici erano occupati e da amante di viaggi non potevo sprecare tempo prezioso restando a casa per le mie ferie. Per tempistiche varie scelsi l'Europa come meta, e di preciso queste tre città: Liverpool per I Beatles principalmente, Belfast perché è una città che mi ha sempre affascinato ed era da un po' che volevo visitarla e, infine, Dublino per la birra e l'atmosfera che in molti mi hanno raccontato.

GIORNO 1

Partenza da Bologna per Manchester (Ryainar 40 Euro). Arrivato all'aeroporto di Manchester prendo un treno per Liverpool (15.40 £) che mi porta alla stazione dei treni Liverpool Lime train station. Dopo qualche minuto di camminata mi dirigo all'ostello dove ho prenotato Euro Hostel. E' molto bello e pulito, la posizione è ottima, a pochi passi da Mathew street, la celebre via piena di locali dove si esibirono I Beatles nel Cavern Club. La sera nell'ostello conosco un ragazzo spagnolo e dopo due passi per la città ci rechiamo in un locale a Matthey street chiamato Rubber Soul (Beatles bar). Il locale è carino, c'e musica dal vivo e in contemporanea la gente guarda una partita di calcio in tv. Il primo impatto con Liverpool è che è molto autentica, ci sono quasi tutti inglesi nel pub e si conoscono quasi tutti. Eravamo gli unici turisti in quel locale. Un'altra cosa che mi ha stupito è il prezzo della birra. Nel locale dove siamo andati una pinta costa 1.60£ pochissimo. Concludiamo la serata in un altro pub The Hatch pub prima di andare a dormire.

GIORNO 2

Dopo la colazione in ostello mi dirigo verso la statua di St George hall dove mi devo incontrare con la guida di un tour gratuito di Liverpool. Il tour è molto interessante. La guida spiega molto bene Liverpool dall'inizio della sua storia fino ai giorni nostri. Da come si è formata Liverpool dal medioevo fino ai giorni nostri, dalla seconda guerra mondiale alla strage di Hillsborough del 1989 durante l'incontro Liverpool e Nottingham Forest ai Beatles (con mio enorme piacere). Abbiamo visto la statua di Eleonor Rigby (per chi non lo sapesse Eleonor Rigby è una canzone dei Beatles, tra l'altro una della mie preferite). Il tour finisce all'Albert Dock, la zona portuale di Liverpool dove si possono ammirare magnifici palazzi, esattamente Royal River, Cunard e il museo di Liverpool dall'aspetto futuristico.

Alle due, sempre all'Albert Dock avevo l'incontro con un Tour sui Beatles che avevo prenotato on line settimane prima. Ci sono moltissimi tour sui Beatles. Se non avete prenotato si può trovare posto anche in giornata. Il mio tour era su un autobus. Avremmo fatto il giro di Liverpool attraverso i luoghi dove I Beatles hanno fatto la storia. Siamo inoltre scesi in quattro fermate chiave: Strawberries field, Penny lane, Casa di George harrison, Paul Mc Carthy (casa di John Lennon anche ma non ci è stato possibile scendere dal bus). E' stato curioso quando siamo andati a vedere la casa d'infanzia di George... una quarantina di turisti che attraverso un quartiere fuori la periferia di Liverpool è passata attraverso il locale di un meccanico che sta lavorando in mezzo alla strada, tutto per vedere la casa dove abitò George harrison. La cosa più divertente è che tutto ciò accade tutti i giorni per più volte al giorno. Quanto potere ha la musica? Ci avete mai pensato? Il tour si è concluso al Cavern Club, il celebre locale che ha fatto la storia dei Beatles e non

  • 5837 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social