Inghilterra del sud on the road

In viaggio con una bimba di 3 anni al seguito tra la capitale inglese, una natura imponente che regala un senso di pace e il suggestivo sito di Stonehenge

  • di *apnea*
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

18 Agosto

Prenotiamo un volo a/r su Londra con Ryanair al prezzo totale di 470 euro. Siamo io, mio marito, allora mio compagno, e la nostra bambina di 3 anni e mezzo.

Partiamo da Bergamo alle ore 16.30 dopo aver lasciato l’auto in uno dei parking limitrofi all’aeroporto spendendo 75 euro. Arrivati in aeroporto a Stansted, prendiamo il bus della compagnia Terravision al costo di 22 Sterline in 3. Il bus impiega un’ora prima di arrivare a Victoria St. Piove e nostra figlia decide di deliziarci con un capriccio epico che farà voltare tutti e fermare anche qualche signora preoccupata. In realtà il capriccio si smorza grazie alla nostra indifferenza, e decidiamo comunque di prendere un taxi fino all’albergo. Siamo in giro con i bagagli e passeggino quindi un po’ ingombranti per i mezzi. Per la notte abbiamo prenotato al Colliers Hotel (95/97 Warwick way) al costo di 382 euro per 3 notti. La stanza è una tripla, letto matrimoniale e un singolo, è piccola ma accogliente. Il bagno è minuscolo sembra quello di un camper. La pulizia non è al top idem gli arredamenti, ma non ci possiamo lamentare, abbiamo visto di peggio, soprattutto qui a Londra.

È già ora di cena, decidiamo di rimanere nei pressi dell’albergo e ci fiondiamo in un pub. Loro mangiano un hamburger (bruciato) e io una torta salata di spinaci e feta con patate novelle ( crude), spendiamo sulle 34 sterline. Rientriamo subito in hotel, è il 18 agosto ma qui fuori si gela.

19 Agosto

Colazione in hotel con pane e marmellata, ci siamo svegliati con calma oggi, ma in generale a noi non piacciono le levatacce, soprattutto in vacanza. Ci vestiamo a strati e andiamo a piedi fino al Big Ben che osserviamo velocemente, siamo già stati a Londra e vogliamo spendere il tempo gironzolando senza tappe obbligate. Andiamo alla metro e prendiamo la Oystercard. Andiamo a Hyde Park scendendo a Nottingh Hill per andare al playground che abbiamo letto essere molto carino. Ci sono un sacco di bimbi che giocano a piedi nudi nella sabbia del parchetto. Noi siamo copertissimi invece, l’aria è fresca. Abbiamo felpe, sciarpe e cappuccio in testa. Sembriamo inadeguati rispetto al resto delle persone che popolano il parco.

Verso l’ora di pranzo proseguiamo a piedi e mangiamo in un ristorante thai. Dopo pranzo riprendiamo la metro e andiamo a gironzolare per Camden town fino alle 18. E’ sempre bellissima questa zona di Londra. Le foto si sprecano mentre camminiamo, la bimba si appisola nel suo passeggino. Rientriamo in hotel per doccia, decidiamo di uscire per cenare nei pressi dell’albergo in un ristorante brasiliano, pieno di camerieri italiani. Rientriamo verso le 22.

Il tempo oggi è stato freddo con vento gelido, a tratti un po’ di sole e nuvole e ha pure piovuto per 10 minuti.

20 agosto

Facciamo la solita colazione a pane e marmellata e ci dirigiamo verso Oxford Street per un po’ di shopping. Non compriamo praticamente nulla, la roba che vediamo è la stessa che troveremmo da noi a praticamente gli stessi prezzi e non conviene chissà quanto. Pranziamo di nuovo a Camden nella food court all’aperto. La bimba si mangia delle tagliatelle, marito l’insalata e io un burger vegan molto buono. Facciamo un altro giro per le bancarelle mentre la bimba fa il suo pisolo e ci dirigiamo in metro verso Picadilly, facciamo un giretto con sosta caffe/merenda a Pret a manger. Proseguiamo a piedi fino a Buckingam Palace e passiamo un po’ di tempo a St. James's Park a fianco alla bella residenza della regina. Fotografiamo papere, scoiattoli e scorci incantevoli. Anche qui troviamo un bel play ground dove far sfogare un pochino la bimba. Decidiamo di rientrare in hotel a piedi, facendo circa una mezzoretta di camminata. Dopo una bella doccia calda ceniamo sempre in zona hotel, locale che si chiama Giraffe ( zona Victoria), cibo buono e non troppo caro, ho trovato anche una ottima insalata di quinoa feta e verdure varie, qualche scelta vegetariana e vegana. Dopo cena andiamo in hotel.

21 agosto

Sveglia con calma, facciamo colazione e poi via in metro verso King’s Cross station, qui c’è l’agenzia presso cui abbiamo prenotato l’auto. In stazione della metro restituiamo la Oyster card dove ci ridanno soldi. L’auto l’abbiamo prenotata con rentalcar a 193 euro. Il seggiolino della bimba lo portiamo in valigia, essendo solo l’alzatina.

Saliamo in auto, abbiamo noleggiato una Fiat 500 L, che per questa vacanza va benone. Prendiamo la Ring Road e circumnavighiamo la zona a pagamento di Londra. Arriviamo al nostro hotel con qualche peripezia perdendoci un po’ di volte, per recuperare i bagagli. Prendiamo del cibo al super e ci avviamo verso Dover in cui arriveremo nel pomeriggio. Per uscire da Londra impieghiamo parecchio, ma è anche divertente passare per le perifere, la macchina effettivamente concede una libertà che con i mezzi non si ha per vedere zone meno battute.

Cerchiamo di orientarci un po’ a Dover, puntiamo le White Cliff. LA routard ci suggerisce di partire da Athol Terrace, al porto e di seguire il Saxon Shore Way. Noi arriviamo in auto fino al White Cliff information Centre, dove parcheggiamo la macchina e iniziamo una bella camminata verso la cima delle scogliere. Il prato è meraviglioso e qua e là scorgiamo dei leprotti che ci scrutano. Il sentiero è lungo circa 3 km e conduce al faro. Noi non arriviamo fino al faro ma passeggiamo senza fretta in questi stupendi prati. La bimba si diverte e cammina, abbiamo anche abbandonato il passeggino a bordo del sentiero, per recuperarlo al ritorno. Il sole si alterna alle nuvole in una danza continua, il vento che soffia è gelido, ma lo spettacolo da lassù è meraviglioso. Le scogliere sono imponenti e bianche. Ed era esattamente ciò che volevamo vedere

  • 4947 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social