Inghilterra tra storia, miti e cattedrali imperdibili

Tour della parte meridionale dell’isola, con tappa finale a Londra, per scoprire luoghi suggestivi e capolavori imperdibili: itinerario, dritte e consigli di viaggio

  • di luplay
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Un viaggio per scoprire l’Inghilterra del sud, molte miglia percorse in strade strette e con la guida a destra, decisamente costoso, ma ripagato con la visione di capolavori imperdibili.

Complice la Brexit e il deprezzamento della sterlina sull’euro ho deciso di fare questo viaggio che programmavo da tempo nel sud dell’Inghilterra. Nonostante il deprezzamento è un viaggio costoso in particolare per le sistemazioni alberghiere non proprio a buon mercato in special modo se inserirete anche Londra nell’itinerario. Il viaggio risulta dispendioso anche perché quasi tutte le attrazioni sono a pagamento e a cifre decisamente care.

COME ARRIVARE

Volando con la Ryanair il punto di arrivo è Stansted. Non avendo prenotato con notevole anticipo, per trovare un volo veramente low cost, mi sono dovuto spostare per la partenza fino a Bergamo (non proprio a due passi dalle mie Marche). La scelta di Bergamo (Orio al Serio) oltre per il costo (il triplo negli altri scali), è stata anche influenzata dagli orari dei voli che negli altri aeroporti più vicini erano improponibili. Come sanno tutti quelli che viaggiano il problema si pone principalmente nell’orario del volo di rientro che, se collocato troppo presto al mattino, ti costringe a dormire nei pressi di Stansted o addirittura in aerostazione.

Nel programmare il volo di rientro va infatti tenuto conto che a Stansted i controlli di sicurezza sono particolarmente puntigliosi (di fatto il metal detector suona sempre e quindi quasi tutti sono costretti a togliere le scarpe ed a fare una sorta di lastra a cui segue una perquisizione personale). Sono stato già 4 volte a Stansted ed è sempre stato così. La conseguenza è che, per evitare spiacevoli sorprese, sarebbe opportuno arrivare in aeroporto un paio di ore prima rispetto all’operativo del volo.

Da Bergamo ho trovato orari da volo di linea, partenza alle 14.25 e rientro da Londra alle ore 16. In questo modo si ha anche a disposizione la mattinata del giorno del rientro.

SPOSTAMENTI

Per l’itinerario che avevo scelto era necessario avere un mezzo proprio a disposizione per cui ho noleggiato un auto. Ho trovato delle buone condizioni prenotando sul sito della Ryanair una Ford Focus con Firefly (di fatto la Hertz). Ho deciso di aggiungere l’assicurazione integrativa che copriva la franchigia (considerando la guida al contrario e le conseguenti difficoltà che si potevano trovare nel percorrere circa 1.200 km su strade con pochi tratti autostradali). Normalmente gli autonoleggi chiedono una quota aggiuntiva per il navigatore (decisamente cara), però programmando il noleggio di un’autovettura di classe media è quasi sicuro che tale equipaggiamento sia già in dotazione alla macchina.

Conviene però portare con sé un ulteriore navigatore su cui preimpostare da casa tutte le tappe: i siti turistici, gli hotel, i parcheggi migliori. Organizzandosi da casa con l’ausilio della rete oltre ad avere una sicurezza quasi matematica di raggiungere l’effettivo punto di interesse. Aggiungendo le tappe tra i preferiti si risparmia, inoltre, un tempo notevolissimo nell’impostare il navigatore durante il viaggio. Di fatto, se non avessi preimpostato il navigatore non credo che sarei riuscito a fare tutto il giro che ho fatto ottimizzando al massimo i tempi.

Mi hanno dato una macchina a benzina, ma in realtà non è un gran problema dato che in Inghilterra il costo del gasolio è superiore o pari a quello della benzina. La Focus poi consuma relativamente poco e facendo attenzione a scegliere i distributori più economici il costo del carburante non sarà particolarmente significativo nel budget del viaggio (circa 90 euro nel mio caso)

  • 3478 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social