Bali e Gili (consigli veloci)

Seconda parte del viaggio Singapore - Bali (estate 2016). Consigli veloci e pratici su tutto ciò che riguarda l'isola e l'arcipelago delle Gili

  • di Francesco Padua
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

I prezzi alle Gili sono un po' più alti ma le distanze sono molto ridotte, qunque è tutto a portata di mano. Le sistemazioni di solito sono a pochi metri dalla spiaggia, così come i ristoranti, i bar, i piccoli market e gli ATM. È una delle mete preferite per i sub ma i prezzi qui sono tutt'altro che balinesi. Io ho optato per una barca che con poco ti porta in giro a fare snorkeling tra tutte e tre le isole per mezza giornata (il meglio della fauna della barriera corallina non scende oltre i 5 metri di profondità). Un ottima esperienza con tanti compagni, un mare fantastico con una barriera corallina piena di vita e i luoghi migliori da visitare grazie all'esperienza delle guide.

A Bali poi certe calette nascono dal nulla nel pomeriggio, con il ritirarsi della marea, come a Nusa Dua (ma come arrivarci è già un mistero, visto che si cerca quasi a caso tra gli accessi su strada rimasti liberi, la zona è infatti l'unica in cui ci sono numerosissimi resort di lusso - ma veramente tanti - a occupare terra e spiaggia rispetto alle proprietà balinesi).

Andate in giro per templi (numerosissimi - che non elenco perché ci sono guide che ve ne propongono molti secondo gli itinerari scelti) e, se ne avete l'occasione, per quelli esposti a sud, sud-est, attendete fino al tramonto. Lo spettacolo è garantito. Appena ne avete l'occasione acquistate un Sarung (una sorta di pareo usato per coprire le gambe) perché è obbligatorio per uomo e donna per entrare nei templi avere le gambe coperte - lo utilizzerete molto. Unica accortezza: nel Tempio Madre (il più grande di Bali) oltre al biglietto d'ingresso, appena entrati vi chiederanno di farvi accompagnare da una guida locale, e insisteranno molto (dicono che conoscono loro i posti dove i turisti possono andare, ma sono truffe, infatti anche se ammettono il contrario non potrebbero farvi entrare neanche ad una funzione in corso). Voi rifiutate categoricamente. Infatti è come una tangente (probabile neanche ufficiale) e non è assolutamente obbligatoria, superando questi infatti potete girare liberamente (ovviamente se una cerimonia, di solito funerale, è in corso, non è rispettoso entrare nei luoghi in cui si sta tenendo ma potrete girare all'esterno, visto che il complesso è enorme). Rifiutate categoricamente e liberatevi di questi individui anche se insistono (ma non preoccupatevi, questo accade solo in questo tempio).

Grandi città come Ubud offrono invece molte attrazioni non molto distanti le une dalle altre, cosicché non occorre altro che i vostri piedi per raggiungerle. Esempi sono il Palazzo Imperiale, la Foresta delle Scimmie, il sentiero di trekking tra le Risaie, templi e molto altro. Numerosi e iperaffollati anche i mercati (principalmente di cianfrusaglie per turisti) in cui poter contrattare ogni acquisto. Non perdetevi una sera uno spettacolo di musica e danza locale (nei periodi di maggiore afflusso turistico si tengono ogni sera, a differenza di quanto i cartelloni all'esterno indicano). Nel centro di Ubud, nel Palazzo Imperiale, costa 100mila rupie a persona, ma spostandosi di qualche centinaia di metri ne trovate anche a meno (ma non per questo meno spettacolari). Lo stesso discorso vale per ogni cosa, dai tour operator ai ristoranti: più lontano dal centro sono e meno costano (ma questo accade penso ovunque nelle località turistiche!).

Prima di partire, proprio in coda al vostro viaggio, lasciate un paio di giorni di spazio per visitare Kuta, la capitale turistica dell'isola. Cosa primaria: l'aeroporto è praticamente in città, così in pochi minuti (anche a piedi) potrete raggiungerlo per ripartire. Seconda: il centro della città è una lunga strada in cui trovare ogni tipo attività, dagli shop ai ristoranti e anche un paio di centri commerciali. Terzo: una lunga spiaggia sabbiosa. E le distanze sono veramente minime tra una cosa e l'altra. Un consiglio per i ristoranti: provate anche i piccoli warung senza insegne luminose e con arredamento dall'aspetto semplice, sono i più genuini

AVVERTENZE: Crema solare (il sole è tanto e picchia forte) - Spray anti zanzare/insetti

ELETTRICITÀ: Presa europea (dunque non occorre l'adattatore)

  • 75300 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social