Indonesia paese indimenticabile

Dopo averla tanto desiderata riusciamo a prenotare la nostra vacanza in Indonesia. Partiamo il 15 Agosto 2006 da Fiumicino con la Malaysia Airlines, dopo 12 ore facciamo scalo a Kuala Lumpur e lì aspettiamo la coincidenza per Bali. Arriviamo a ...

  • di mev96
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Dopo averla tanto desiderata riusciamo a prenotare la nostra vacanza in Indonesia.

Partiamo il 15 Agosto 2006 da Fiumicino con la Malaysia Airlines, dopo 12 ore facciamo scalo a Kuala Lumpur e lì aspettiamo la coincidenza per Bali.

Arriviamo a Bali dopo tre ore e ad accoglierci troviamo Baga, il nostro accompagnatore inviato da Hotelplan, prende subito le nostre valigie e ci accompagna alla macchina; durante il tragitto da Denpasar a Nusa Dua cerca di darci alcune informazioni sull`isola di Bali, ma noi eravamo talmente stanchi che non siamo riusciti a comprendere proprio tutto, l`unico nostro desiderio era la stanza dell`albergo per poterci riposare qualche ora prima di iniziare la nostra avventura.

Dopo venti minuti di auto arriviamo al nostro hotel, il Nikko Bali Resort e Spa, beh mai visto niente di piu` bello in vita nostra, ci accompagnano in camera e finalmente riusciamo a sdraiarci un po`, ma la curiosita` era grande e quindi una doccia veloce e via subito a vedere il mare... A Bali ci sono delle onde impressionanti, la corrente non ti permette di nuotare e quindi abbiamo evitato il bagno per lo meno il primo giorno.

Il 17 Agosto torniamo in aeroporto per andare a Lombok dove avevamo prenotato 2 notti, li` viene a prenderci Rhamat e ci porta nel nostro albergo, l`Holiday Inn Resort; anche qui restiamo senza parole, avevamo la stanza a piano terra e nel bagno c`era addirittura un giardino.

Lì prenotiamo subito la nostra prima escursione alle Isole Gili, un vero e proprio paradiso incontaminato spiagge bianchissime e mare cristallino, ci dedichiamo allo snorkelling e al sole, poi quando si e` avvicinata l`ora di pranzo Rhamat la nostra guida ci ha portati nell`isola dei pescatori, popolazione chiamata Sasak, dove abbiamo mangiato su un tavolo di legno del pesce alla griglia che avevano appena pescato per noi.

Nel pomeriggio risaliamo in barca e torniamo alla macchina che ci aspettava a Lombok, durante il tragitto ci troviamo nei festeggiamenti del giorno dell`indipendenza indonesiana, una cosa molto suggestiva vedere una popolazione cosi` povera ma cosi` felice di scendere in piazza e manifestare l`amore per il proprio paese, cosa molto rara qui da noi.

Rhamat ci rimarra` nel cuore, e` anche grazie a lui che la nostra permanenza a Lombok e` stata indimenticabile.

Il 19 Agosto torniamo a Bali dove ci fermiamo per altri sei giorni.

Le nostre escursioni sono state il Tempio di Tanah Lot, un tempio situato su una scogliera molto particolare perche` durante l`alta marea sembra un`isola mentre il pomeriggio quando c`e` la bassa marea ci si puo` camminare tranquillamente: li` abbiamo comprato un po` di souvenir che si trovavano a prezzi veramente bassi rispetto al Nikko.

Abbiamo visto poi la foresta di Sangeh, meglio conosciuta come la foresta delle scimmie; la nostra guida Swamba ci veniva dietro ed era pronto a soddisfare tutte le nostre curiosita`, insieme a noi c`era anche un`altra guida esclusivamente per entrare nella foresta e per aiutarci a dare da mangiare alle scimmie che molto delicatamente salivano sulle nostre teste per prendere con le loro manine il cibo e poi scappavano via.

Un`altro tempio molto bello e` stato quello di Mengwi appartenente alla famiglia Reale dove in alcune occasioni si facevamo delle feste a cui partecipavano anche gli abitanti del posto.

Entusiasmante anche il rafting sul fiume Tegalalang, un percorso molto faticoso durato circa due ore .

Volendo parlare ora della popolazione indonesiana possiamo semplicemente dirvi che resteranno per sempre dentro di noi per i loro interminabili sorrisi, la loro ospitalità`e il loro modo di vedere la vita, siamo persino andati a cena a casa della nostra guida Swamba ci ha presentato la sua famiglia ed e` bello vedere quanto si amano tra loro. Sono un popolo estremamente religioso, per la maggior parte induisti, ed ognuno di loro nella propria casa costruisce il tempio della famiglia per raccogliersi in preghiera in ogni momento della giornata

  • 920 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social