India del Sud, Tamil Nadu e Kerala tra incontri e colori

L'India è l'India, un mondo a parte dove tutto ha inizio e dove tutto finisce

  • di Greis_full
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Chi ama l’India lo sa: non si sa esattamente perché la si ama. È sporca, è povera, è infetta; a volte è ladra e bugiarda, spesso maleodorante, corrotta, impietosa e indifferente. Eppure, una volta incontrata non se ne può fare a meno. Si soffre a starne lontani. Ma così è l’amore: istintivo, inspiegabile, disinteressato. In India non ci si sente mai soli, mai completamente separati dal resto. E qui sta il suo fascino. E Terzani aveva ragione. Ma procediamo con ordine e iniziamo da qualche info pratica.

Visto: Fatto online al costo di 50 USD a testa. Nessun problema.

Vaccini: Abbiamo deciso di non fare nessun vaccino. Siamo stati molto attenti a quello che abbiamo mangiato, toccato e bevuto perciò se volete partire senza pensieri consiglio Malaria, Tifo e colera. Noi non siamo MAI stati male.

Organizzazione: abbiamo sempre fatto viaggi fai da te, Indonesia, Vietnam, Giappone ma l'India è diversa, l'India è un mondo a parte. Unica. 2 settimane sono davvero poche e abbiamo deciso quindi di appoggiarci ad un'agenzia locale (SouthView tours, per info contattatemi tramite mail grau12g@libero.it, ci siamo trovati benissimo) e noleggiare un'auto con autista. Si è rivelata una grande scelta.

Monsoni: in 2 settimane 3 giorni di pioggia a Munnar e Mumbai. Non abbiamo avuto grossi problemi. Il caldo è relativo... io avrei portato qualche felpa in più, ad Agosto fa molto più caldo a Milano.

Bagni: portatevi della carta. E' praticamente inesistente quando si trova un bagno e non si devono usare i cespugli.

Cibo: non abbiamo mai avuto problemi con le spezie. La cucina è prevalentemente vegetariana, io lo sono e quindi non ho sentito la mancanza di nulla. Abbiamo mangiato moltissime banane, sono un pasto valido, pratiche e buonissime.

11 Agosto

Arriviamo a Mumbai alle 23.30 e siamo fuori dall'aeroporto in un'ora circa. Abbiamo preso un albergo a 3 km perchè il giorno dopo abbiamo il volo per Chennai alle 18.00. Decidiamo di farci fregare i soliti soldi dai taxi fuori dall'aeroporto e con 7 euro arriviamo in albergo. D'altronde si sa, appena atterrati bisogna ambientarsi. L'albergo è confortevole e pulito e dopo una doccia ci addormentiamo.

12 Agosto

Intorno alle 8.30 facciamo colazione e cominciamo ad ambientarci. Oltre a cibo speziato (anche a colazione) ci sono toast e marmellata e così mangiamo qualcosina e partiamo alla scoperta di Mumbai. La metro è pulitissima e rimaniamo stupiti ma il traffico è delirante, clacson ovunque, persone, persone e ancora persone. Baracchini che sembrano vendere di tutto ma in realtà non vendono nulla e comincia la nostra dieta delle banane. Con 30 rupie (l'equivalente di 0,40 centesimi) compriamo 20 banane circa e cominciamo a sfamarci. Non ci sono turisti, ci fissano tutti incuriositi e noi non ci siamo ancora ambientati. Cominciamo a vedere mucche e caprette ovunque, in ogni angolo. Ma loro sono pulitissime, non una mosca, non una zecca o una pulce addosso. Questa è la domanda alla quale non avrò mai una risposta... com'è possibile? A Mumbai la spazzatura e davvero ovunque e loro si nutrono per strada, di qualsiasi cosa, insieme agli amici corvi che svolazzano con brandelli di carne di non so cosa nel becco. Non abbiamo molto tempo e ci accorgiamo da subito che in India è difficile programmare, decidiamo quindi di avviarci all'aeroporto intorno alle 14.30 circa e aspettare il nostro volo delle 18.00. Volo Jet Airways prenotato dall'Italia puntualissimo e atterriamo a Chennai intorno alle 20.40 dove ad attenderci c'è il Sig. Murali con il nostro autista, che ci accompagnerà alla scoperta del Tamil Nadu e del Kerala per i prossimi giorni, il grande Raja. Dopo aver dato il benvenuto con collane di fiori e averci spiegato un pò di cose partiamo con l'autista per Mamallapuram e comincia a piovere, si allaga ogni strada, ma questo non scompone le persone intorno che continuano a scorrazzare con i loro motorini in infradito sempre con la mano ben appoggiata al clacson. Dopo circa 2 ore di auto arriviamo a destinazione alla Blue Moon Guest House, in mezzo al nulla. Il proprietario molto carino e disponibile ci da il benvenuto e ci dice che non ci sono molti ristorante nei paraggi e che quindi ci saremmo potuti fermare da lui la sera successiva, avrebbe cucinato pesce per la modica cifra di 13 euro a testa. Diciamo che con 26 euro in due potresti comprare un ristorante... ma diciamo di sì ovviamene... ancora inesperti. Camera pulita, il bagno mi lascia perplessa ma poi avrei capito che in India non c'è la carta igienica, mai, in nessun albergo e la doccia è senza tenda, sempre. Di conseguenza ogni volta che ti lavi si allaga il tutto ma poco importa, inizia il viaggio.

13 Agosto: Mamallapuram

Colazione alle 08.30 con toast, marmellata uova e immancabili banane. Comincia a piovere tantissimo e pioverà per un'ora circa. Partiamo alla scoperta dei templi. Il primo lo saltiamo, Pancha Rathas. 500 rupie a testa l'ingresso... eravamo spaventati e ci siamo chiesti se tutti i templi avessero questo costo. Sarebbero stati 70 euro circa al giorno in due con una media di 5 templi al giorno... decisamente fuori budget. Così facciamo un giro per i negozietti, ascoltiamo qualche commerciante e torniamo alla macchina. Procediamo con lo Shore temple, altre 500 rupie a testa. Parliamo con l'autista e gli diciamo che l'avremmo fatto in serata al rientro in albergo. Visitiamo quindi il Krishna Butterball, il Descent of Ganges e ci accorgiamo che fortunatamente non bisogna pagare tutto. Visitiamo la spiaggia in serata, persone, persone e ancora persone. Una confusione incredibile e dopo un km arriviamo davanti all'Oceano. Le persone stanno lì davanti, vestite, in silenzio, una confusione strana, pacifica e tutti fissano l'Oceano e tu cominci a chiederti a cosa stiano pensando così assorti. Forse semplicemente si godono il momento cosa che noi non siamo più abituati a fare. E' già sera e si deve considerare che in India per fare 50 km in macchina servono 2 ore circa, il traffico di Mamallapuram è davvero incredibile e noi abbiamo la nostra cena di pesce programmata per le 19.00. Rientriamo quindi in albergo, doccia e cenetta in terrazza che consiste in riso bianco, papadum a volontà, 1 pesce intero a testa e gamberi cotti al burro. Tutto molto buono.

14 agosto: Puducherry

Partiamo presto la mattina e ci fermiamo prima ad Auroville. Un eco villaggio del quale non parlava nessuna guida. Un progetto di vita comunitaria dove le persone coltivano in modo complementare la dimensione sociale e spirituale. Una strana atmosfera, quasi artificiale ma particolare. Arriviamo a Puducherry intorno alle 14.00 circa, check in in un albergo, confortevole e pulito e passeggiata a piedi prima di vederci con l'autista per le 15.30. Puducherry è diversa, tracce di Francia qua e là soprattutto sul lungomare. Finiamo in un mercato di frutta e verdura, un delirio di colori ma una confusione indianamente ordinata. Lle signore in sari mi sembrano in tinta con la frutta che vendono e si confondono in mezzo ai colori. Compriamo le nostre immancabili banane e torniamo da Raja verso la zona templi. Visitiamo un Ashram e un tempio con un elefante fuori che per una monetina ti da la benedizione, che consiste in un colpetto in testa. Facciamo una lunga passeggiata sul lungomare, fissiamo l'Oceano, ci sediamo, ci rialziamo, ci guardiamo intorno e rientriamo in albergo. Proviamo a cercare qualche ristorante o del cibo a piedi in zona, ma nulla di nulla. Ci sono baracchini che fanno della frittura ma le condizioni sono davvero precarie. Optiamo per il ristorante dell'albergo, un buffet all you can eat e ci ammazziamo di qualunque cosa commestibile. Paghiamo alla fine 9 euro a testa, che comunque è tantissimo.

15 Agosto

Giorno dell'indipendenza e partenza per Kumbakonam. Questo giorno è stato indimenticabile perchè siamo entrati definitivamente in India, le sensazioni, i profumi, le persone. Da qui è iniziato il mio vero viaggio. Ci siamo fermati a Chidambaram, Thillai Nataraja temple e il bellissimo wallpaper di Gangaikondacholapuram. Tantissimi bambini in gita scolastica, uniformi colorate e noi unici turisti. E' partita la richiesta dei selfie, da chiunque ovunque. Abbiamo un sacco di bellissime fotografie e ci sentivamo parte di qualcosa che non ho capito, non siamo mai stati soli. Quegli occhi mi sono rimasti nel cuore e la sincera felicità di aver fatto una fotografia che comunque sarebbe rimasta a noi. Un ricordo. Siamo arrivati a Kumbakonan, check in in un albergo confortevole e pulito e siamo ripartiti alla scoperta della città intorno alle 16.00. I templi sono tutti diversi e diventano quasi un'ossessione alla ricerca delle cerimonie. Alcune parti del tempio sono riservate agli induisti e ammetto che la curiosità è tanta.... siamo finiti però in mezzo di una cerimonia induista, uno spettacolo indescrivibile. Suscita svariate emozioni, musica, profumi, olezzi maleodoranti... Non voglio rovinare la sorpresa della sensazione che si prova per cui mi fermo qui. La sera abbiamo cenato in albergo, ristorante rigorosamente vegetariano per 4 euro circa a testa. Ottima cena. Non ricordo i nomi di quello che abbiamo mangiato e non saprei neanche descriverlo ma molto buono.

16 Agosto, partenza per Thanjavur

La distanza non è molta e cominciamo con la visita del bellissimo Maratha Palace. Io non riesco a distogliere lo sguardo dai mille colori di questi luoghi. Nonostante il degrado, spesso la puzza e lo sporco questi colori sono la cosa che mi è rimasta più impressa nella mente. Il monumento più visitato è però il Brhihadeeswarar Temple. Proseguiamo verso Tiruchirappalli dove pernotteremo in un pessimo albergo che però ci ha fatto sorridere e adattare. Anche questo fa parte del viaggio. L'accettazione. Tiruchirappalli non mi è piaciuta moltissimo. Anche se è un ottimo punto per visitare Srirangam, un complesso di templi magnifico. Le immagini che mesi prima mi hanno fatto scegliere l'India del Sud. Kilometri di corridoi, entrate e siamo anche stati fortunati ad aver assistito ad una cerimonia della quale non abbiamo capito molto ma basta trovarsi in mezzo per sentirsene parte. Abbiamo anche visitato il Rock Fort (proprio di fronte al nostro albergo) ma molto bello dal basso, la vista dall'alto non è granchè. Cenetta al ristorante dell'albergo... Ottimo cibo, cucina nascosta e non voglio sapere altro.

17 Agosto

Next stop Chettinad. Un villaggio unico, pochi abitanti, il nulla intorno, molto famoso per le sue mansions e per le bellissime "piastrelle" che a mio giudizio sono vere e proprie opere d'arte. Arriviamo all'albergo, molto bello e decidiamo di salutare l'autista e gironzolare a piedi, perderci per le vie del paesino. Passeggiamo passando e fotografando i bellissimi palazzi nella loro strana e meravigliosa fatiscenza, entriamo persino nel palazzo del "sindaco" che ci accoglie nel suo salotto, ci racconta dei suoi viaggi e ci scatta qualche foto. La giornata prosegue molto tranquillamente tra sorrisi, selfie, fotografie e chiacchiere. La sera ceniamo al ristorante dell'albergo, vegetariano e finalmente riesco anche a lavarmi i capelli perchè incredibilmente qui è presente del sapone, della carta e un phon. Mai stata più felice di avere così tanti comfort, ne approfitto quindi perchè non so cosa ci riserverà il destino.

18 Agosto

Partenza per Rameswaram e perdita del dente. Sì esatto. Pat (che sarebbe mio marito) si ritrova con un dente in mano nel posto più in mezzo al nulla di tutta la nostra vacanza. Fortunatamente quel che è rimasto del dente ha deciso di rimanere in silenzio e non generare panico per cui è andato tutto bene fino al rientro in Italia. Che dire di Rameswaram? vale la visita. Siamo finiti a Dhanushkodi, la città fantasma distrutta da un tifone. E' stato molto suggestivo. L'Oceano Indiano che divorava la spiaggia, ricordi di una chiesa cristiana e capanne ancora abitate. Nel punto più a est dell'India di incontrano poi il mare d'Arabia e l'Oceano Indiano. Da una parte onde sconvolgenti e dall'altro lato la calma piatta. Il silenzio. Solo il vento per kilometri e kilometri, Visitiamo poi un tempio dove è proibita qualsiasi cosa, macchina fotografica, telefono, sigarette, calze... Insomma dopo aver lasciato ogni cosa in albergo passeggiando per i vicoli arriviamo a destinazione. Entriamo e subito veniamo assaliti da odori, persone che bagnate fradice urlando ci vengono addosso, una folla incredibile mano a mano che ci si avvicina al cuore del tempio, bambini nudi e bagnati che sfrecciano tra la folla... Sinceramente non so cosa è stato ma non ce la siamo sentiti di proseguire e addentrarci nella cerimonia. Siamo usciti subito non sapendo se ridere o piangere. Distrutti cerchiamo del cibo che non troviamo e così questa sera ci è toccato mangiare 2 banane a testa in camera. Sempre meglio che niente. L'albergo è discreto ma mi è rimasto nel cuore per una persona speciale, John, un ragazzo di 19 anni che lavora in reception e che sento ancora. Mi ha raccontato la sua storia, una storia vera, la sua vita. E io tra me e me mi sentivo quasi in colpa ad ascoltare, ho provato vergogna. Ma questa è un'altra storia e non voglio dilungarmi. Se dovesse interessarvi o foste disposti a dare una mano alla scuola del villaggio contattatemi pure sulla mia mail privata grau12g@libero.it.

19 Agosto

Next stop Madurai. L'autista è felice perchè la sua famiglia abita qui e finalmente ritorna a casa anche se solo per un giorno. Finiamo in un B&B carino e partiamo alla scoperta dei dintorni. Visitiamo il Meenakshi temple, Tirumalai Nayak Palace, il Ganshi Memorial museum e altri piccoli templi dei quali però non ricordo il nome. Ci destreggiamo tra i vicoletti, si nota che l'autista è più pratico del luogo e ci fa anche un po' da cicerone. facciamo una passeggiata per capire cosa offrono i dintorni del nostro albergo, soliti negozietti ma per la prima volta noto un negozio di scarpe chiuse. Di solito usano tutti i sandali. La sera ceniamo in un ottimo ristorante per circa 12 euro in 2

  • 2359 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social