Everything is possible in India

Un itinerario nel mitico Rajasthan (ma non solo) attraverso templi, forti, palazzi e città dal fascino magnetico e dalla storia millenaria

  • di Jimboz81
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Cari amici turisti per caso, dopo un lungo silenzio eccomi nuovamente qui a raccontarvi dell’ultimo viaggio che ho fatto, l’India. Buona lettura!

Itinerario: il viaggio si è sviluppato principalmente in Rajasthan, ma abbiamo toccato anche alcune destinazioni in Madhya Pradesh e Uttar Pradesh. In particolare abbiamo visitato Mandawa, Fatehpur, Deshnok, Bikaner, Jaisalmer, Osian, Jodhpur, Ranakpur, Kumbalgarh, Udaipur, Pushkar, Jaipur, Fatehpur Sikri, Agra, Gwalior, Orchha, Khajuraho e Varanasi.

In 17 giorni l’itinerario che sto per descrivervi è piuttosto intenso, sicuramente non è stata una vacanza all’insegna del relax, però siamo riusciti a visitare le principali attrattive delle varie città con relativa calma.

Consigli pratici: durante tutto il viaggio il collo di bottiglia non sono stati i chilometri percorsi, ma piuttosto il tempo di percorrenza dei vari tratti, Tenete presente che le strade non sono eccelse e quindi la velocità media in macchina per andare da un posto all’altro si aggira intorno ai 50 km/h, non molto di più. Il trasferimento Bikaner – Jaisalmer per esempio, di 330 km, è durato più di 6 ore! Occhio quindi a come organizzate gli spostamenti!

Sempre a proposito di spostamenti: mentre guidare fuori dalle città non è particolarmente difficile (salvo la guida a destra chiaramente), guidare nelle città è praticamente impossibile per un europeo, troppo caos, nessuna regola, mucche, persone, capre e dromedari che attraversano improvvisamente la strada. Affidatevi a un autista. Noi abbiamo pagato la macchina per 14 giorni e l’autista circa 560 euro, incluse tasse governative, tasse di transito tra uno stato e l’altro, benzina per 3800 km, spese di vitto ed alloggio per l’autista. Abbiamo prenotato via internet su www.hiredriverindia.com. L’agenzia è di proprietà di Mr. Narendra Kumar, mentre il nostro autista si chiamava Vinod: è stato decisamente bravo, sempre simpatico e disponibile.

Hotel: abbiamo sempre dormito in hotel di fascia medio-alta (salvo che a Mandawa, Khajuraho e Varanasi) trovandoci piuttosto bene e spendendo mediamente 40-45 euro a notte per una doppia e 30-35 euro a notte per la singola. Vorrei fare una menzione particolare per l’hotel dove abbiamo alloggiato la notte di Capodanno. L’hotel, che in realtà è un forte del 1760 ristrutturato e riadattato ad hotel, è dotato di sole 4 suite di circa 70-80 mq l’una. Noi ne abbiamo prese due e siamo stati gli unici ospiti dell’hotel. Il padrone di casa è gentilissimo ed è un discendente dell’ex maharaja di Jodhpur. L’hotel si chiama Umaidnagar Fort, e si trova nei pressi del piccolo villaggio di Umaidnagar, tra Osian e Jodhpur. E’ stata un’esperienza incredibile non tanto per il lusso quanto per il fascino di quel posto: un intero forte nel deserto solo per noi. Il costo per una notte da maharaja? 80 euro a suite, colazione inclusa!

Costo della vacanza: 2100 euro circa incluso il volo (611 euro con Lufthansa/Air India); tenete presente che io dormendo in singola pagavo in proporzione quasi il doppio dei miei amici in doppia.

Cibo: tutto sommato non male, anche se poco variegato per ciò che riguarda la carne (servono solo pollo o montone). E’ invece il paradiso dei vegetariani.

Meteo: Siamo stati molto fortunati, abbiamo avuto 17 giorni di sole pieno, tranne 2 orette di nebbia fitta al mattino a Bikaner, e mezza giornata di nebbia a Fatehpur Sikri, poi fortunatamente sparita al nostro arrivo ad Agra (abbiamo visto il Taj Mahal con un bel cielo azzurro)

  • 3072 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. bertol
    , 9/4/2013 15:50
    Ho fatto una decina di viaggi in India nell'arco di trent'anni e voglio consigliare a chi non sopporta i ritmi forzati dei tour organizzati ma anche non se la sente di fare un totale faidate di ricorrere ai drivers. Negli ultimi viaggi, avanzando l'età, mi preparo il viaggio ed i luoghi da visitare (ed eventualmente gli hotel) e poi telefono o mando email a due straordinari drivers, saltando tutte le intermediazioni. Con circa 50 euro al giorno (auto + benzina ed autostrada +guidatore e suo vitto e alloggio) posso viaggiare dove e quando voglio. Sono due guidatori professionali e responsabili,di grande disponibilità, parlano un semplice inglese, e conoscono a memoria il Rajastan, il Gujarat, l'Himala Pradesh ed il Punjap, oltrechè le città più importanti del nord come Agra e Varanasi. Uno si chiama Vivek, simpaticissimo, un bramino ovunque ben accolto anche nei villaggi più sperduti (il suo email è: vivek_hathila@yahoo.co.in ) ; l'altro si chiama Vipin . Li consiglio vivamente, vi vengono a prendere in aereoporto o hotel e vi riportano all'aereoporto alla fine del viaggio. E il costo si ripaga con i soli loro suggerimenti su dove dormire e dove mangiare.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social