India del Sud: Kerala, Karnataka, GOA e Munbai

Racconto di viaggio di Eva e Massimo Novembre Dicembre 2008 Ci sono dei luoghi nel mondo in cui la sensazione di essere vivi è più forte che mai. Luoghi dove la persona vale più di quanto possiede materialmente, che tu ...

  • di MaxEva
    pubblicato il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Racconto di viaggio di Eva e Massimo Novembre Dicembre 2008 Ci sono dei luoghi nel mondo in cui la sensazione di essere vivi è più forte che mai.

Luoghi dove la persona vale più di quanto possiede materialmente, che tu sia vestito di stracci o a tutto punto, non cambia molto. Vali solo per quello che sei e che dai al mondo. Forse è questo che ci spinge a viaggiare in luoghi all’apparenza così lontani ed ostici.

I 6000 Km di distanza da casa nostra, non sono sufficienti per indicare che questo luogo è lontano, perché in questo caso la lontananza è data dalla cultura e lo stile di vita. Questi luoghi diventano ostici proprio per il fatto che viverli vuol dire adattarsi ed un po’ accettare e condividere i loro modi.

Per la seconda volta andiamo in India, questa volta ci dedichiamo al Sud, praticamente tutta la fascia occidentale verso il mare arabico, dalla punta dell’India risalendo fino a Mumbai.

Partenza il 21/11/2008 da Venezia con destinazione Cochin nello stato del Kerala. Voliamo con la Turkish airways fino a Mumbai (via Istanbul) poi volo interno Mumbai – Cochin con la Jet Airwais, tutti i voli sono stati acquistati su internet. Bagagli ridotti all’osso, le cose fondamentali sono: passaporti con visto, materiale fotografico, sacco a pelo, medicinali e una buona assicurazione sanitaria. Per i vestiti non c’è problema, qualcosa di leggero e magari vecchietto, da usare e lasciare lungo il viaggio andrà più che bene.

L’itinerario di viaggio non l’abbiamo deciso, quando arriveremo cercheremo un albergo per la notte e da li inizieremo a capire come muoverci giorno per giorno.

Prime impressioni: caldo, afa, grigio e rispetto ai ricordi che avevamo del Nord, una ventata di vita occidentale aleggia nell’aria.

Il Kerala è uno stato dove i cristiani sono molto presenti anche se comunque una minoranza, troviamo molte chiese tante quasi i templi Hindu.

Ci appare curiosa la tradizione di santificare le icone cristiane allo stesso modo delle Hindu, quindi nelle auto, negli autobus, nei ristoranti e negli alberghi si trovano ovunque adesivi con immagini di Cristo e frasi inneggianti al suo supporto. Sui cofani delle auto vanno per la maggiore i crocifissi abbelliti con lucette luminose. Bellissimo invece l’adesivo che raffigura insieme Cristo, Shiva e Maometto a indicare l’unione delle tre religioni più praticate in queste zone, questo ci ricorda un tempio a Delhi dove tutti potevano pregare indipendente dalla propria religione. Questa filosofia è una cosa che ci fa apprezzare sempre di più l’India, dove tutti possono essere veramente liberi, non a caso molti pensano che l’induismo sia la madre di tutte le religioni.

Iniziamo da Cochin, città famosa per le sue danze (Katakali) e le reti da pesca cinesi, visitiamo le Backwater con una crociera locale; ci dirigiamo poi verso Munnar, località montana avvolta dalla foresta tropicale e resa popolare dalle sue immense piantagioni di te, caffè e cacao che rendono il paesaggio a tratti surreale: più di 30 kmq di siepi di te alte circa un metro con i corridoi per la potatura, insomma ovunque colline coltivate a giardini giapponesi! In queste colline ci troviamo un pomeriggio ad accompagnare a casa dei bambini da scuola, solitamente cerchiamo di evitare troppi coinvolgimenti che il più delle volte finiscono in richieste di soldi, ma questa volta, dopo lo scetticismo iniziale ci troviamo a camminare per strette stradine a ridosso di piantagioni mature, in cui le donne dei villaggi si stanno dedicando alla raccolta. E’ un lavoro duro e i bambini ci mostrano orgogliosi le fatiche delle loro madri. Per loro è strano entrare in contatto con gente dalla pelle bianca e si esaltano a toccarci la pelle, vederne il colore ed inneggiarne la sua bellezza

  • 9460 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Uraz Grassia
    , 27/1/2017 18:39
    Ciao !
    molto interessante!
    Sono stato nel Goa a ottobre 2016 e ho pubblicato diversi video del Goa sul mio canale.
    Se Vi va di dare un occhio per raccogliere qualche idea in più nel caso stiate pianificando un viaggio nel Goa, o anche solo se avete nostalgia di quei posti e volete riguardali, Vi invito a cliccare il seguente link!
    https://www.youtube.com/channel/UCOSBmNhh_XUFMVxi6wA37Ng

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social