Un mancato viaggio responsabile

Prima volta in Rajasthan, prima volta in India. Notizie utili: • Temperature: Dicembre e Gennaio sono gli unici mesi invernali in India dove le temperature oscillano da un minimo di 7-8 °C ad un massimo di 25. Ovviamente di notte ...

  • di 1vilma
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Prima volta in Rajasthan, prima volta in India. Notizie utili: • Temperature: Dicembre e Gennaio sono gli unici mesi invernali in India dove le temperature oscillano da un minimo di 7-8 °C ad un massimo di 25. Ovviamente di notte e di mattina presto le temperature sono basse, le giornate si incominciano a riscaldare dalle 10,00 in poi, per questo è meglio vestirsi secondo il classico modus a “cipolla”! Poche t-shirt a mezze maniche per i più calienti e qualche maglione in più sono necessari per stare bene, oltre al giubbotto con cui si parte dall’Italia. E’ bene portare una buona scorta di calzini perché in tutti i templi bisogna togliersi le scarpe e, in molti, soprattutto in quelli Jainisti, purtroppo anche i calzini.

• Malattie: in questo periodo il pericolo di contrarre la malaria è veramente basso, per cui noi abbiamo deciso di non effettuare alcuna profilassi farmaceutica, ma sempre stando attenti a rispettare una buona profilassi comportamentale. In effetti di zanzare ne abbiamo viste veramente poche, solo fuori città e al calar del sole, quando ormai eravamo pressocché tutti coperti (alcuni del gruppo hanno infatti sospeso la profilassi con il Lariam). Non abbiamo fatto alcuna vaccinazione riservandoci sempre di essere accorti nel mangiare e nella pulizia. A tal proposito è stata veramente utile l’Amuchina gel igienizzante per le mani, da portare sempre con sé.

• Cucina: la cucina mi è piaciuta molto benché piccante e speziata, prevalentemente vegetariana, si possono trovare anche piatti di pollo, montone, capra, agnello; ma ovviamente non di vitello (vietato per gli hindu) o maiale (vietato per i musulmani). Alcuni piatti che ho assaggiato personalmente e che sono stati veramente buoni sono: la “samosa” che è un cono croccante fatto di farina di ceci e ripieno di patate e piselli; il “mix vegetables” che è un misto di ortaggi stufati (cavolfiori, piselli, pomodori, carote, ecc.) dal sapore appetitoso; il “subz biryani” che è il riso basmati bollito con verdure di stagione ed erbe aromatiche (questo piatto non sempre è squisito, dipende dal cuoco); lo “special pullau” che è il riso speziato con anacardi, banane, pomodori, ecc.; il “dhal” di lenticchie che è molto simile alla zuppa che cuciniamo noi, solo che è speziata.

Ci sono, poi, molte varietà di pane, tutte molto buone, benché differenti dalle nostre. Il “papardam” è una sfoglia croccante di pane fatta con farina di lenticchie e cumino (un po’ piccante, sembra una patatina gigante); il “chapati” è tipo una base di pizza napoletana però più sottile; il “paratha” è tipo una pasta sfoglia oleosa; il “nan” è il classico pane indiano tipo pizza che si può trovare anche aromatizzato, come ad esempio il “garlic nan” aromatizzato all’aglio: una vera squisitezza! Per tutti i piatti ho sempre sottolineato che non dovevano essere piccanti: in questo modo ho evitato di andare a “fuoco” ogni volta.

Ho rigorosamente evitato tutto ciò che era crudo e per la frutta un po’ tutti ci sentivamo dei “banana men”, mangiando banane la mattina, a pranzo, per uno snack o la sera, dato che erano quelle che si prestavano meglio ad essere sbucciate in ogni momento.

• Costi extra: all’ingresso di ogni monumento si paga sempre per l’utilizzo della macchina fotografica o della videocamera (per la videocamera i prezzi sono molto più elevati, ma variano da un minimo di 0,50 ad un massimo 6/7 Euro).

• Medicine: praticamente ho portato di tutto, dalla semplice aspirina all’antispastico, termometro, antibiotico, antidiarroico, cerotti, disinfettante, antistaminico, pomata antistaminica, insettifugo. Le farmacie ci sono, ma sono più degli spacci e si avvalgono spesso della medicina ayuverdica meno di quella chimica

  • 3898 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social