60 anni d'indipendenza indiani

Delhi è caotica, rumorosa, sporca e sovraffollata. Ti fa venire il mal di testa e la prima cosa che vorresti fare appena la incontri è scappare via, ma a ben conoscerla dopo un po' si inizia ad apprezzarla, non dico ...

  • di Mercedes
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Delhi è caotica, rumorosa, sporca e sovraffollata. Ti fa venire il mal di testa e la prima cosa che vorresti fare appena la incontri è scappare via, ma a ben conoscerla dopo un po' si inizia ad apprezzarla, non dico ad amarla, sia chiaro, per questo ci vuole tempo e poi si sa l'amore non è mai duraturo, ma se la si prende per il verso giusto questa città saprà ripagare con la dovuta riconoscenza. Delhi, con una popolazione di circa 12 milioni di abitanti è come l'India, contrastante e struggente, con i risciò a farla da padroni e gli autisti a dettare legge, con un traffico congestionato, disordinato, rumoroso e onnipresente, e con le sue incoerenze sempre pronte a straziare l'animo, come le mille mani tese a cui non si riesce mai a dare una risposta. Essere a ridosso del ferragosto a Delhi significava per me essere nel posto giusto al momento giusto, in tempo per vedere gli sforzi fatti dall'amministrazione per allestire le manifestazioni in onore dei 60 anni trascorsi dalla dichiarazione d'indipendenza. E nonostante il clima non desse tregua e la colonna di mercurio toccasse i 38 gradi, poter assistere al continuo prodigarsi di tante persone in onore delle celebrazioni è stato entusiasmante quanto la sensazione di poter far parte, anche solo per un attimo, della storia di questo paese. Le strade per l'occasione sono state pulite con una cura sconosciuta alla capitale e le mucche ribelli del centro storico ricondotte nei recinti, così da scongiurare l'eventualità che qualche bisbetico quadrupede volesse prendere parte alle parate militari allestite nei giardini del Forte Rosso. Il Red Fort (Lal Qila), fatto costruire per volere del potente imperatore mogul Shah Jahan nel 1648 (lo stesso che fece costruire il Taj Mahal), al tramonto s'infiamma dei colori del sole, e fu da qui che Nehru si rivolse al popolo nel giorno della dichiarazione d'indipendenza, il 15 agosto 1947, qui sventolò per la prima volta la bandiera indiana. Ed è da qui che lo scorso ferragosto il nuovo presidente Pratiba Patil, si è rivolta al paese, nel suo primo discorso alla nazione, celebrando i traguardi raggiunti ed esortando ad una crescita più egualitaria, tesa ad eliminare le forti diseguaglianze tra ricchi e poveri.

Anche l'India Gate, l'arco commemorativo che riporta i nomi dei 90,000 soldati indiani, morti durante il prima guerra mondiale e nello scontro contro l'Afganistan durante il conflitto del 1919, è stato ripulito e liberato dai favi delle api, che indisturbate per tutto l'anno avevano costruito le loro fortezze e stivato il loro miele, protetti dall'alto dei 42 metri della porta. L'operazione ha richiesto l'ausilio di speciali gru, speciali forze dell'ordine e speciali macchinari, ma soprattutto ha richiesto le braccia di un miniscolo signore che scalzo, in calzoncini e a petto nudo, con in mano un fascio di ramoscelli fumanti, in equilibrio precario sulla speciale gru, ha fatto staccare i nidi lasciando milioni di api d'improvviso senza casa, ma regalando alle persone di passaggio diversi chili di miele caldo e fragrante.

Gli inglesi andarono via da Delhi alla mezzanotte del 14 Agosto del 1947, e d'allora molte cose sono cambiate anche se a tratti, una volta usciti dalla città, il tempo acquista una nuova valenza, ed a fronte della velocità cavalcata da città come Bombai, Bangalore e Delhi, nelle campagne nulla o quasi è cambiato da quel lontano agosto in cui l'ultimo vicerè inglese, all'ombra del Forte Rosso, rimetteva il potere nelle mani di Pandit Jawaharlal Nehru, primo capo del nuovo governo Indiano e reale fautore della sua indipendenza, dopo che Gandhi, il padre della patria, aveva regalato agli indiani l''abhaya, finalmente la libertà dalla paura

  • 488 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social